Regionali

Trapianto di fegato senza precedenti in Italia eseguito al San Martino di Genova

È stato eseguito, per la prima volta in Italia, al Centro trapianti d’organo del Policlinico San Martino di Genova, diretto dal dottor Enzo Andorno, il trapianto di un organo senza interromperne la circolazione sanguigna al proprio interno.

Si è trattato di un trapianto di fegato salvavita in cui l’organo, per preservarne al meglio la funzione, non ha mai smesso di ricevere sangue durante il suo passaggio dal donatore al ricevente. L’intervento è stato eseguito lo scorso 8 gennaio e la paziente è stata dimessa dopo tre settimane dall’intervento, ritornando all’affetto dei suoi cari.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Durante l’operazione di trapianto, mai eseguita prima, il fegato è infatti rimasto costantemente irrorato dal sangue e alla stessa temperatura, dal prelievo fino al suo reimpianto, con importanti vantaggi durante e dopo la fase operatoria.

L’innovativa tecnica, eseguita anche grazie all’utilizzo di una macchina per la perfusione degli organi, di cui il Policlinico è dotato, si è dimostrata efficace non solo nel ridurre le possibilità che l’organo subisca danni in fase di prelievo o di trapianto, ma anche nel garantire una miglior conservazione di tutte le caratteristiche dello stesso con una ripresa immediata della sua funzione nella ricevente.

A beneficiarne una giovane donna, che a distanza di 72 ore dal termine dell’intervento, grazie alla ripresa immediata della funzione del nuovo fegato, ha potuto lasciare la Terapia Intensiva dopo pochi giorni dall’intervento ed essere poi dimessa dall’ospedale in 20 giorni.

“La ricerca scientifica e tecnologica nell’ambito trapiantologico – dichiara l’assessore alla Sanità di Regione Liguria, Angelo Gratarola – in questi anni ha cercato strategie utili a garantire il trapianto di organi che fino a qualche anno fa non sarebbero stati impiegabili perché considerati marginali, non idonei, a rischio. La riduzione sensibile dell’ischemia tra il prelievo e il trapianto, o addirittura la sua abolizione attraverso tecniche di perfusione, garantisce maggiormente il successo dell’intervento”.

E ancora: “Accanto all’attività di sensibilizzazione sulla necessità della donazione d’organo come atto di grande generosità e solidarietà portata avanti dal coordinamento regionale diretto dal professor Alessandro Bonsignore, vi è anche l’impegno del centro trapianti del Policlinico San Martino diretto dal professor Enzo Andorno mirato, attraverso tecniche di ricondizionamento degli organi, a garantire la loro maggiore disponibilità”.

“Dalla riapertura del Centro trapianti – sottolinea il direttore generale del Policlinico San Martino, Marco Damonte Prioli – il San Martino è riuscito a portare a termine una serie di interventi con pochi eguali in Italia. Siamo davvero orgogliosi di poter contare su un’equipe rivolta verso un continuo miglioramento delle procedure esistenti, come quella diretta dal dottor Andorno”.

Aggiunge il dottor Enzo Andorno, direttore dell’Unità operativa chirurgia epatobiliare e dei Trapianti d’organo dell’Ospedale Policlinico San Martino: “In questo caso il donatore era obeso e il suo fegato era steatosico, tipologia di fegato molto fragile e particolarmente sensibile all’interruzione del circolo sanguigno. Perciò se avessimo seguito il metodo convenzionale di conservazione a freddo interrompendo il circolo sanguigno, il fegato non avrebbe ripreso la funzione sulla ricevente. Così abbiamo adottato questa nuova tecnica, per la prima volta”.

Conclude Andorno: “Nonostante la complessità dell’intervento e le condizioni di partenza decisamente critiche, la paziente a 72 ore dall’intervento ha potuto lasciare la terapia intensiva tornando nel reparto di degenza ordinaria, da dove è stata poi dimessa tre settimane dopo l’intervento ritornando ai propri affetti familiari”.

Redazione Nurse Times

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Il progetto NEXT si rinnova e diventa NEXT 2.0: pubblichiamo i questionari e le vostre tesi

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/questionari

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Alzheimer: nuove opportunità per frenare la malattia con la diagnosi precoce

Nuovi studi sui fattori di rischio della malattia di Alzheimer propongono scenari inediti per effettuare…

15/04/2024

Miracolo al Bambino Gesù: gemelli guariscono da rara malattia metabolica grazie a trapianto eccezionale

Roma – Nell’epicentro dell’innovazione medica al Bambino Gesù, due giovani guerrieri affrontano coraggiosamente la loro…

15/04/2024

Salvato dalla tecnologia: una Tesla Model Y guida un uomo in fin di vita al Pronto Soccorso

Un viaggio autonomo di 20 km della sua Tesla Model Y verso la salvezza: il…

15/04/2024

Anziani, preoccupano i dati su solitudine e suicidi. Se ne è parlato al Congresso AIP

L’Italia è uno dei Paesi occidentali in cui diventare anziani presenta gli scenari peggiori, soprattutto…

15/04/2024

Prevenzione, il 40% degli italiani farebbe più controlli se i tempi di attesa si riducessero

Gli italiani fanno ancora poca prevenzione e i tempi di attesa eccessivi sono uno dei…

15/04/2024

Gambe gonfie: rischio tutto l’anno con caldo perenne. Benefici da nuovo mix di bromelina e vitamina C

Non ci sono più stagioni “alleate” delle gambe per i circa 20 milioni di italiani…

15/04/2024