Nursing e dolore addominale: dolore neuropatico, nocicettivo o idiopatico?

La semeiotica è quella branca della medicina che studia il malato attraverso il rilievo e l’interpretazione dei sintomi e dei segni.

La semeiotica mediante esame obiettivo prevede Ispezione, Palpazione, Percussione e Auscultazione. Nel caso di dolore addominale risulta molto difficile elaborare una corretta diagnosi infermieristica ed un adeguato percorso assistenziale e di indirizzo dell’utente, se non si individua correttamente lo status morboso.

Advertisements

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha istituito la cosiddetta “scala analgesica” con l’obiettivo di utilizzare la terapia analgesica più appropriata.

Tale scala era nata originariamente per la terapia del dolore da cancro ma ora è utilizzata ampiamente anche per la gestione del dolore cronico. Secondo questa scala l’approccio farmacologico deve essere sequenziale e deve adattarsi all’intensità del dolore del paziente:

Dolore lieve – step 1: farmaci non oppioidi

Dolore moderato – step 2: oppioidi minori

Dolore grave – step 3: oppioidi maggiori

Generalmente il dolore è un’esperienza emozionale sgradevole e sensoriale, che si associa ad un danno reale o potenziale ed ha diverse cause, come pancreatite, ustione, infiltrazione neoplastica, incarceramento, ernia discale infarto del miocardio e flogosi di vario genere.

Il dolore nocicettivo è dovuto a lesioni organiche o a fenomeni funzionali tali da determinare un danno tessutale che stimola i recettori del dolore.

Il dolore neuropatico mentre è dovuto a diverse cause, come compressioni delle strutture nervose, lesioni o processi aberranti di varia origine. Il dolore neuropatico è un dolore da proiezione ed obbedisce al principio secondo il quale lo stimolo che agisce su una via afferente in qualsiasi punto prossimale rispetto all’organo di ricezione, dà origine ad una sensazione che si proietta alla periferia anziché essere percepita nella sede dello stimolo

”.

Il dolore idiopatico è quello percepito senza che sia evidente una causa scatenante.

I nocicettori, terminazioni nervose libere e responsabili della sensazione dolorifica, appartengono alla tipologia delle fibre nervose A e C (Tipo A, mieliniche; Tipo B, amieliniche). In funzione della qualità e quantità di fibre possiamo ulteriormente distinguere il dolore somatico superficiale (cute, pleura e peritoneo parietali diaframmatici), che risulta essere ben localizzato, epicritico e superficiale.

Il dolore somatico profondo (peritoneo parietale posteriore, pleura mediastinica, radice mesenterica), che risulta essere profondo e meno localizzato. Infine c’è il dolore viscerale (peritoneo viscerale) il cui dolore è sordo, profondo e poco localizzato. Interessante è conoscere che i nocicettori del peritoneo si comportano come quelli cutanei.

Dal punto di vista metamerico è bene chiarire che a livello viscerale la distribuzione delle afferenze dei metameri è meno definita. Le famose “zone di Head” rendono identificabili nel contesto addominale aree di corrispondenza tra afferenze splancniche e metameri.

Di fronte a un paziente con dolore (dolore in generale, dolore addominale in particolare) bisognerà raccogliere un’accurata anamnesi:

  • Caratteristiche del dolore: acuto, sordo, superficiale, profondo? Urente, trafittivo, lancinante, …?
  • Decorso nel tempo: intermittente o continuo?
  • Localizzazione: sede di insorgenza, diffusione, irradiazione?
  • Fattori che lo modificano alleviandolo o peggiorandolo?
  • Sintomi associati: febbre, dispepsia, nausea, vomito, diarrea, stipsi, chiusura dell’alvo, anoressia, calo ponderale, emorragia, ittero?

Cercare di riconoscere se si tratta di un dolore viscerale, somatico o riferito: Il dolore viscerale tende a essere diffuso, perché l’innervazione della maggior parte degli organi è Multi segmentale; inoltre scatena spesso riflessi autonomi quali o Vomito o Sudorazione

CALABRESE Michele

Michele Calabrese

Infermiere Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, docente a corsi di formazione rivolti a personale sanitario e laico, in regime residenziale e non. Responsabile Scientifico, Moderatore e/o Relatore ad eventi, seminari e congressi. Infermiere presso UOC Angiografia e Radiologia Interventistica P.O. "L. Bonomo" Andria (BT); già Infermiere MeCAU (Medicina e Chirurgia Emergenza ed Urgenza/Accettazione) ed Emergenza Territoriale P.T.S. 118 "Basilicata Soccorso", postazione INDIA 28. Consigliere Ordine Professioni Infermieristiche BAT (OPI BAT) e già Revisore dei Conti medesimo Ente; componente di Commissioni esterne Ordine delle Professioni Infermieristiche Barletta-Andria-Trani (O.P.I. BAT). Responsabile Commissione Formazione OPI BT. Presidente Società Scientifica della Associazione Provinciale C.N.A.I. BAT (Consociazione Nazionale Associazioni Infermiere/i della BAT). Formatore O.S.S. ai sensi del DLgsR Puglia. Docente a contratto.

Leave a Comment
Share
Published by
Michele Calabrese

Recent Posts

Coronavirus, via libera dell’Ema alla pillola Pfizer

Dall'Agenzia europea per i medicinali arriva la raccomandazione all'immissione in commercio di Paxlovid: "Benefici superiori…

28/01/2022

Nursing Up, vicenda infermieri e falsi vaccini “ferma condanna”

Sanità, Nursing Up De Palma: «Infermieri coinvolti nella recente vicenda di finte vaccinazioni a cittadini…

28/01/2022

Tesi “Indagine conoscitiva sull’assistenza infermieristica ricevuta dalle donne durante l’aborto”

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

28/01/2022

Sciopero in tutta Italia degli infermieri

Il nostro giornale seguirà la manifestazione raccogliendo le dichiarazioni del segretario nazionale del Nursind Andrea…

28/01/2022

Esenzione dal vaccino anti Covid per i sanitari: serve l’attestazione del medico

Il chiarimento di Opi Firenze - Pistoia sul tema Firenze, 27 gennaio 2022 – «Gli infermieri possono…

27/01/2022

No Vax offendono e minacciano due infermieri

ROMA, 27 GEN - "Le minacce al personale sanitario? Sono graffi sul cuore". Così il…

27/01/2022