Regionali

Nola (Napoli), devasta il Pronto soccorso con una spranga di ferro: feriti un infermiere e due guardie giurate

Notte di caos e paura all’ospedale Santa Maria della Pietà di Nola (Napoli), dove il parente di una paziente, armato additrittura di spranga di ferro, ha messo a soqquadro il Pronto soccorso, mandando in frantumi una vetrata e ferendo un infermiere e due guardie giurate.

A denunciare quanto accaduto a Nola è l’associazione Nessuno tocchi Ippocrate, che ha così raccontato l’accaduto sulla propria pagina Facebook: “Il parente di una paziente pretendeva di entrare in OBI (Osservazione breve intensiva) per fare visita alla sua congiunta. Al diniego da parte del personale di vigilanza, l’uomo esce fuori, si procura una spranga di ferro e distrugge tutto quello che gli capita a tiro. L’infermiere di turno è stato colpito da diverse schegge e ci sono due guardie giurate ferite nella colluttazione. Naturalmente l’energumeno si è dileguato!”.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Non solo Nola. Un altro episodio di violenza ai danni di operatori sanitario si è verificato a Napoli, per l’esattezza in vico Santa Maria della Neve, dove i carabinieri del Nucleo Radiomobile sono intervenuti per l’aggressione di un 64enne al personale di un’ambulanza. Il motivo? Era in disaccordo con la loro diagnosi.

“Ci auguriamo che i soggetti protagonisti di questi episodi siano puniti, mentre alla vigilanza e al personale sanitario va la nostra solidarietà – dichiara il deputato dell’Alleanza Verdi-Sinistra, Francesco Emilio Borrelli -. Siamo però convinti che medici e infermieri siano alquanto stanchi di vivere costantemente nel terrore e che le parole di solidarietà, che giungono da ogni parte in questi casi, non bastino più”.

E ancora: “In due anni, secondo le 75 società scientifiche dei clinici ospedalieri e universitari (FoSSC), ci sono 32.500 posti in meno negli ospedali, il che ha aumentato la pressione sociale e l’esasperazione della popolazione. Bisogna assolutamente aumentare le risorse per la sanità pubblica e contemporaneamente proteggere i presidi ospedalieri”.

Conclude Borrelli: “E’ da tempo che abbiamo lanciato l’allarme, un campanello che questo Governo sembrava aver udito, date le promesse fatte sui presidi fissi di polizia nei pronto soccorso, ma l’apparenza non corrisponde alla realtà dei fatti. Ogni giorno che passa senza che si intervenga e si decida di far presidiare le strutture ospedaliere, prevedendo condanne dure per i violenti e gli aggressori, ci avvicina inesorabilmente a un’ipotetica, ma sempre più probabile tragedia. Si vuole arrivare a questo?”.

Redazione Nurse Times

Articoli correlati

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Il progetto NEXT si rinnova e diventa NEXT 2.0: pubblichiamo i questionari e le vostre tesi

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/questionari

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Tutela della maternità: perché il nostro Paese è al tramonto

In tema di tutela della maternità l'Italia è indietro rispetto ad altri Paesi europei. Da…

23/05/2024

Ferite diabetiche: allo studio nuova terapia rigenerativa

Un team di ricercatori della Icahn School of Medicine del Mount Sinai di New York ha progettato…

23/05/2024

Bimbo di tre giorni morto per presunta infezione batterica a Napoli: disposta l’autopsia e indagati tre medici

E' stata disposta l'autopsia sul corpo del bimbo di soli tre giorni nato in una…

23/05/2024

Infermiere picchiato brutalmente a Pescia (Pistoia): condannato il giovane aggressore

Un'aggressione agghiacciante, risante al 2020, ma ancora viva nella mente di Marco Guarascio, all’epoca infermiere al Pronto soccorso…

23/05/2024

Donazione di fegato a 86 anni: atto di altruismo all’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa

Un grande gesto di altruismo ha avuto luogo all’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa, dove…

23/05/2024

Attacco missilistico devasta Pronto soccorso: scene strazianti a Gaza

A Gaza, dopo un devastante attacco missilistico che ha colpito il Pronto soccorso, è stato…

23/05/2024