Regionali

Carenza di personale al San Martino di Genova, Fp Cisl Liguria: “Negli ultimi due anni gli infermieri sono calati di 160 unità e servirebbero almeno 60 oss”

“Siamo qui, per l’ennesima volta, a raccontare la drammatica carenza di personale che attanaglia il Policlinico San Martino. I numeri sono chiari: negli ultimi due anni gli infermieri calati di 160 unità e servirebbero almeno 60 oss“. Così Gabriele Bertocchi e Andrea Manfredi, rispettivamente segretario generale e componente della segreteria di Fp Cisl Liguria, tornano a denunciare in una nota la carenza di infermieri e oss al Policlinico San Martino di Genova.

Fp Cisl Liguria accusa “le istituzioni, in primis la stessa direzione del nosocomio di non aver dato il minimo ascolto” agli allarmi sulla mancanza di organico, “se non attraverso scorciatoie e acrobazie organizzative tese unicamente a cercare di coprire i buchi con toppe di personale recuperato qua e là da reparti già in assoluta carenza, che si vedono così ulteriormente impoveriti”. E aggiunge: “Lavoratori e pazienti non sono pezzi di stoffa, ma sono essere umani che meritano il massimo dell’attenzione. E non si possono mantenere posti letto aperti senza poter garantire gli standard di qualità e sicurezza minimi per tutti gli attori in campo”.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


“Innanzitutto – scrivono gli esponenti di Fp Cisl Liguria – chiederemo una relazione inerente alla sicurezza, perché ridurre gli operatori in alcuni reparti per cercare di coprire le carenze in altri, che per inciso è ciò che intendiamo con ‘toppe di personale’, significa mettere a rischio la sicurezza di pazienti e lavoratori. La salute pubblica non è un’attività di cui ci si possa prendere cura ‘di corsa’. Lavorare sotto stress è un pericolo per tutti”.

“A tal proposito – proseguono i sindacalisti di Fp Cisl Liguria – chiederemo al responsabile del servizio protezione e sicurezza la verifica del documento di valutazione del rischio previsto per legge, e in particolar modo la valutazione dello stress correlato, perché della sicurezza sul lavoro non ci si può ricordare solo una volta successi i drammi, ma bisogna occuparsene prima che sia tardi”.

E ancora: “Tutto ciò affinché tali condizioni vengano ufficializzate da documenti che possano poi essere eventualmente prodotti nelle sedi competenti. Consapevoli del fatto che questi non sono atteggiamenti propri del nostro Dna sindacale, non possiamo esimerci dall’impugnare armi pesanti contro una carenza da troppo tempo lasciata alla deriva organizzativa“.

Concludono gli esponenti di Fp Cisl Liguria: “Per noi non si possono mantenere aperti posti letto a scapito di benessere e sicurezza. Non ci sono scappatoie facili. L’unica soluzione è assumere personale subito. E per farlo è necessario scorrere le graduatorie già esistenti e bandire nuovi concorsi”.

Redazione Nurse Times

Articoli correlati

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Il progetto NEXT si rinnova e diventa NEXT 2.0: pubblichiamo i questionari e le vostre tesi

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/questionari

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Vitiligine: nuove prospettive di cura grazie a Ruxolitinib crema

È una malattia cronica autoimmune, molto visibile a causa delle caratteristiche macchie bianche sulla pelle,…

29/05/2024

Malavasi, valorizzare operatori socio sanitari, calendarizzare proposte di legge

"Oggi celebriamo la Giornata nazionale dell'Operatore Socio Sanitario e deve essere l'occasione per ringraziare tutti…

29/05/2024

Digiuno prolungato pre e post-operatorio, presentate le nuove linee guida

Il digiuno prolungato pre-operatorio potrebbe diventare una pratica obsoleta perchè troppe ore senza bere possono risultare dannose…

29/05/2024

Antibiotico-resistenza, i “super batteri” mettono in crisi la medicina moderna

Li chiamano “super batteri”. E ogni anno “uccidono più persone dell’Hiv, della malaria e della…

29/05/2024

Diabete, l’Ema approva la prima insulina settimanale al mondo

Gli italiani affetti da diabete sono circa il 6% della popolazione, cioè quasi 4 milioni…

29/05/2024

IRAS Rovigo: avviso pubblico per l’assunzione di oss

L'IRAS - Centro servizi anziani di Rovigo ha indetto un avviso di selezione pubblica per…

29/05/2024