Cittadino

Sla, scoperta la prima cura per pazienti con specifica mutazione genetica

Uno studio internazionale al quale ha preso parte il Centro Sla dell’ospedale Molinette di Torino ha dimostrato che la terapia con il farmaco Tofersen, somministrata mediante puntura lombare, induce un rallentamento, e in alcuni casi un’inversione, della progressione clinica della malattia nei pazienti portatori della mutazione del gene SOD1.

Sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista New England Journal of Medicine i risultati dello studio internazionale sul Tofersen, che ha dimostrato un rallentamento, e in alcuni casi addirittura un’inversione della progressione clinica, della sclerosi laterale amiotrofica (Sla). Il trattamento è efficace nelle persone portatrici della mutazione del gene SOD1. Si tratta di un risultato clinico straordinario, mai osservato precedentemente nel trattamento della Sla. L’effetto positivo del farmaco si manifesta in modo netto nel corso del primo anno di trattamento e successivamente persiste nel tempo.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Il professor Adriano Chiò (direttore del Centro regionale Esperto per la Sla dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino e facente parte del Dipartimento di Neuroscienze “Rita Levi Montalcini” dell’Università di Torino) afferma la straordinaria importanza di questo risultato. Il Centro di Torino è stato l’unico in Italia e uno dei pochi al mondo a essere stato coinvolto direttamente nella conduzione della sperimentazione, contribuendo con il maggior numero di pazienti rapidi.

Il Tofersen è un oligonucleotide antisenso (ASO)

che agisce selettivamente sull’Rna messaggero, bloccando la sintesi della proteina alterata. La terapia viene somministrata mediante puntura lombare, e tale metodica è molto ben tollerata. Lo studio sperimentale ha coinvolto 108 individui affetti da Sla con mutazione nel gene SOD1, divisi in pazienti a rapida e lenta progressione. Ha avuto due fasi: una prima di sei mesi e una seconda tuttora in corso di estensione dello studio. Rilevante è la significativa riduzione della proteina SOD1 e dei neurofilamenti nei casi sottoposti a questa terapia innovativa.

Gli operatori del Centro Sla di Torino ringraziano le persone con Sla e i loro parenti che hanno partecipato allo studio e la Città della Salute per aver supportato questa fondamentale ricerca, autorizzando i reclutamenti e il proseguimento dello studio anche durante il periodo di lockdown per la pandemia Covid.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Sostituzione via catetere della valvola tricuspide: al Monzino il primo intervento in Italia

La valvola tricuspide può essere sostituita con una protesi senza aprire il torace. È quanto avvenuto al Centro…

20/02/2024

GEN Biotechnology: la rivista open access sul settore biotecnologico

GEN Biotechnology è una rivista open access dedicata alla ricerca e allo sviluppo del settore…

20/02/2024

Neuralink annuncia i primi risultati: controllo del mouse con il pensiero

Sono trascorse poche settimane da quando Neuralink, l'azienda di Elon Musk che si occupa di…

20/02/2024

Giornata nazionale del personale sanitario, Nursind: “Ricordarne il sacrificio investendo nel Ssn”

“Il diritto alla salute non avrebbe gambe solide su cui camminare senza personale sanitario, a…

20/02/2024

Elicio Therapeutics sviluppa promettente vaccino terapeutico contro il cancro

Elicio Therapeutics, una spin-out del MIT, ha recentemente sviluppato un nuovo vaccino contro il cancro…

20/02/2024

Scandalo false lauree in Romania: diventavano infermieri senza frequenza e tirocinio

Un'indagine svela un intricato sistema di falsificazioni che ha permesso a cittadini italiani di ottenere…

20/02/2024