Cittadino

Riscatto laurea gratis e uscita flessibile a 63 anni, la riforma pensioni secondo l’Inps

Per la riforma pensioni, l’Inps suggerisce più attenzione ai giovani. Riscatto laurea gratuito e uscita dal lavoro a 63 anni per tutti.

L’inps torna a suggerire al governo nuove regole per superare quota 100 a fine anno. Il presidente dell’Istituto, Pasquale Tridico, in una recente intervista propone di improntare la riforma pensioni sulla necessità di occuparsi di giovani e donne.

La forte ripresa economica in atto vede ancora troppe diseguaglianze e differenze a livello sociale. I giovani, anche laureati, sono ancora molto penalizzati. L’ingresso nel mondo del lavoro resta ancora problematico a differenza di quanto avviene nel resto d’Europa.

Così, parlando di riforma pensioni, Tridico suggerisce di introdurre un sistema di riscatto gratuito dei contributi per il periodo di laurea. Non tutti i giovani lavoratori hanno le possibilità economiche per sostenere i costi del riscatto, anche in forma agevolata.

“Per i giovani – dice Tridico – si potrebbe immaginare un modello per riscattare la laurea in maniera gratuita oppure maggiorando il loro coefficiente di trasformazione per periodi legati alla formazione”.

Ma non solo. Secondo l’Inps è necessario che la riforma pensioni sia più possibile orientata verso i giovani che rappresentano il futuro e il sostegno del welfare nel tempo. Non si parla più, ad esempio, della pensione di garanzia, argomento molto trattato prima della pandemia.

Eppure bisognerà evitare lo scivolamento verso la povertà con il pagamento di pensioni da fame e il deterioramento dello stato sociale.

Buona l’idea del governo di un allargamento di Ape Sociale a più categorie di lavoratori gravosi per le quali l’Inps ha fornito un importante contributo. Tuttavia questa riforma pensioni non è sufficiente perché lascia fuori molte altre persone che svolgono mansioni non usuranti e che dovranno attendere 67 anni di età prima di lasciare il lavoro.

Si pensi ad esempio a tutti quegli statali o agli impiegati del settore terziario che con la fine di quota 100 andrebbero a imbattersi nello scalone di 5 anni previsto dalla riforma Fornero. O anche a coloro che non potranno beneficiare di Ape Sociale perché non in possesso dei requisiti sociali previsti.

“In questo senso – dice Tridico – la mia proposta di pensione flessibile (e sostenibile) resta l’uscita a 63 anni col calcolo della sola quota contributiva con la restante quota retributiva che scatta a 67”.

La spesa sarebbe contenuta per lo Stato e adeguatamente sostenibile nel tempo. Allo stesso modo, il lavoratore otterrebbe una prima liquidazione della pensione e, a distanza di 4 anni, la pensione completa.

Fonte: investireoggi

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Gli infermieri italiani i meno pagati d’Europa peggio di noi solo Grecia ed Estonia

Nursing Up De Palma: «Lo stipendio dell'infermiere italiano continua a collocarsi agli ultimi posti della…

18/10/2021

Adelfia (Bari), abusi sugli anziani e oss che fanno gli infermieri nella Rsa: intervengono i Nas

Rilanciamo un'inchiesta in più parti del Quotidiano Italiano sulla grave situazione della residenza Casa Caterina.…

18/10/2021

Infermiera di rianimazione NoVax si unisce alla protesta dei camionisti. Sospesa dopo le dichiarazioni virali sul web

TRIESTE - Ha visto morire le persone. Da sempre, in carriera, ma ogni giorno, più…

17/10/2021

Sindrome premestruale: la dieta per alleviare i sintomi

Rilanciamo un approfondimento dell'Humanitas salute su un tema estremamente comune nelle donne: la sindrome premestruale…

16/10/2021

Villa S. Marco: l’infermiera più anziana sostituisce il vigilante nei weekend e controlla i green pass

Una nuova frontiera del più becero demansionamento infermieristico è stata varcata dai dirigenti della casa…

16/10/2021

Il bilancio della FNOPI è sempre più florido. Nonostante ciò, la quota annuale potrà aumentare di € 10 ad infermiere

La Presidente della FNOPI durante i lavori dell’ultimo Consiglio Nazionale ha paventato la presentazione del…

16/10/2021