NT News

“Pillole di cura”: storie di rinascita dall’incubo Covid nel libro di Anna Arnone

In libreria, ma anche in formato e-book, la fatica letteraria di una nostra apprezzata collaboratrice. Ne abbiamo parlato proprio con lei.

Anna Arnone

Ha vissuto la drammatica esperienza della pandemia in un contesto già di per sè complicato come quello dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Ora lavora all’Aou Federico II, sempre nel capoluogo campano, e ha voluto raccogliere in un libro, disponibile anche in formato e-book, le testimonianze di altre persone che il Covid l’hanno guardato in faccia, e non possono dimenticare quei momenti drammatici. Lei è Anna Arnone, infermiera, collaboratrice di Nurse Times, e la sua fatica letteraria si intiola Pillole di cura – Racconti di rinascite (Tau Editrice).

“Si tratta di un’antologia sanitaria – spiega Anna -, una raccolta di testimonianze fornite da infermieri, medici, pazienti, farmacisti, logopedisti, tecnici di laboratorio, ma anche insegnanti e studenti provati dal lockdown e dalla didattica a distanza. Il mio è un tributo alla relazione di cura, che non è mai venuta meno, neppure nei periodi più difficili, quando tutti ci sentivamo fragili sia in ospedale che fuori. Ed è proprio questo risvolto positivo che ho voluto sottolineare e che emerge dal titolo. Sì, perché i momenti di crisi non sono mancati, ma sono stati superati e si sono trasformati in rinascita”.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


L’obiettivo del libro è dunque quello di restituire dignità al lavoro svolto da infermieri e altri operatori della sanità impegnati nella durissima lotta contro un nemico terribile. “Un lavoro che non ha ricevuto il giusto riconoscimento – prosegue l’autrice -. Durante la pandemia si è parlato tanto di noi. Siamo stati definiti ‘angeli’, oppure ‘eroi’, ma spesso impropriamente. Noi siamo professionisti, e abbiamo dato il nostro contributo nella battaglia contro il Covid, così come ci imponeva la nostra scelta professionale. Solo che il nostro impegno è stato presto dimenticato, così come le nostre competenze sono state sminuite. E lo sono tuttora”.

La prima testimonianza della raccolta è proprio quella della stessa Anna: “La mia esperienza diretta è stata caratterizzata dalla difficoltà di svolgere al meglio il mio lavoro per vari motivi, anche di natura strutturale. Ma anche dalla capacità di andare oltre quelle difficoltà, tirando fuori la mia resilienza, la mia capacità di reagire ai problemi che mi circondavano”.

Il peggio, almeno per quanto riguarda la pandemia, sembra ora essere alle spalle, ma permangono le criticità della professione infermieristica.

Una di queste è il vincolo di esclusività, che per fortuna dovrebbe venir meno dopo l’approvazione del cosiddetto Decreto Energia da parte del Consiglio dei ministri. “Si tratta sicuramente di un passo avanti – commenta Anna -. Per gli infermieri si apriranno nuove opportunità, ma non è sufficiente. Credo che sia necessario incentivare il lavoro da dipendenti pubblici, sia aumentando gli stipendi sia dando risalto ai sacrifici che la nostra professione comporta. Non dimentichiamo che il Covid ha mietuto molte vittime anche tra gli infermieri. Eppure, dopo gli elogi iniziali, qualcuno ci ha trattati come untori, alimentando in noi il senso di colpa, di abbandono, di frustrazione, sfociato spesso in sindrome da burnout”.

Per non parlare delle aggressioni subite in corsia, fenomeno che il Decreto Energia intende contrastare attraverso un inasprimento delle pene. Anna ne sa qualcosa, perché Napoli è una delle realtà maggiormente colpita dalla piaga della violenza contro il personale sanitario, e perché a lei stessa è capitato di essere aggredita, sia pur verbalmente: “Ben vengano le sanzioni più svere – conclude -, ma anche in questo caso non basta. Bisogna sensibilizzare maggiormente i cittadini su un tema così delicato. Bisogna aumentare i presidi di polizia negli ospedali. E bisogna formare il personale affinché sappia affrontare la violenza, magari promuovendo corsi di autodifesa”.

Redazione Nurse Times

Rimani aggiornato con Nurse Times, seguici su:
Telegram – https://t.me/NurseTimes_Channel
Instagram – https://www.instagram.com/nursetimes.it/
Facebook – https://www.facebook.com/NurseTimes. NT
Twitter – https://twitter.com/NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Non vuole l’aerosol e picchia l’Infermiere

Un violento episodio ha scosso l’ospedale di Battipaglia, con un infermiere che è stato ferito…

14/04/2024

Medici ballano e cantano davanti a un cadavere durante una formazione: è bufera

Indignazione e richieste di azioni disciplinari: comportamento inaccettabile. IL VIDEO Un video shock ha scosso…

14/04/2024

Ecm Fad gratuiti: acquisisci subito 51 crediti formativi per infermieri e altre professioni sanitarie

1. Ecm Fad: Principi base dell’elettrofisiologia e della elettrostimolazione cardiaca Corso disponibile gratuitamente per medici,…

13/04/2024

Reflusso gastroesofageo, linee guida suggeriscono terapia e sfatano miti su certi cibi

Nel mondo quasi il 25% della popolazione e in Italia una fetta stimata tra il…

12/04/2024

Nuovo emendamento: facilitate le assunzioni in sanità per ridurre le liste d’attesa. Mangiacavalli “superare tetti di spesa”

Un emendamento cruciale per una sanità più accessibile: la FNOPI accoglie con favore le nuove…

12/04/2024

Il cervello è “modellato” dalle relazioni sociali: occhio a isolamento e cattive amicizie

L’essere umano è un "animale sociale", programmato dall’evoluzione per interagire con gli altri. E in…

12/04/2024