NT News

Napoli, crociere gratis in cambio favori: indagati medici e armatore

Sette persone sotto inchiesta per corruzione. Tra loro Gianluigi Aponte, fondatore e proprietario della Msc. I sanitari coinvolti avrebbero scambiato l’accreditamento di una clinica privata e ricoveri facili con crociere omaggio su navi di lusso.

Un ex dipendente della Msc Crociere avrebbe promesso viaggi omaggio su navi di lusso in cambio di favori. Ad esempio per agevolare l’accreditamento di una clinica privata rilevata da una società ritenuta ricondubile al patron della compagnia, l’armatore Gianluigi Aponte. Ma anche per scavalcare le liste d’attesa in ospedale. È questa l’ipotesi investigativa che ha spinto la Procura di Napoli a mettere sotto inchiesta per corruzione sette persone.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Secondo quanto rivelato dal quotidiano Il Mattino, a metà marzo la polizia giudiziaria ha perquisito casa e studio di tre persone: Giovanni Massa, ex dipendente della Msc ed ex collaboratore di Aponte, che sarebbe a sua volta coinvolto nell’inchiesta, basata anche su alcune intercettazioni; Giuseppe Russo, manager dell’Asl Napoli 3; Grazia Formisano, direttrice del distretto Asl 59. Controlli sono stati eseguiti anche negli uffici napoletani della Msc.

Russo e Formisano si sarebbero impegnati “ad assicurare alla ex clinica San Michele il futuro accreditamento della suddetta struttura sanitaria da parte del Servizio sanitario nazionale” in cambio di crociere omaggio o a prezzo vantaggioso. “Il Massa – scrive il pm – evoca i favori della dottoressa Formisano, in cambio di una crociera promessa dal Massa” a un parente della Formisano.

Per quanto riguarda i ricoveri facili, sotto inchiesta è finito un dirigente medico dell’Ospedale del Mare, che in concorso con un collega del Loreto Mare avrebbe assicurato interventi chirurgici a Massa, in cambio di sconti e favori sulla Civitavecchia-Olbia per sé e in cambio di quattro cabine al collega, oltre che alle rispettive famiglie. E poi c’è un medico dell’ospedale Pellegrini, che avrebbe assicurato “immediato ricovero” alla madre di un dipendente Msc dietro promessa di una crociera.

Gli indagati, dal canto loro, respingono le accuse. Aponte, in particolare, fa sapere tramite i suoi legali di essere “estraneo alla vicenda”, riguardante “fatti che nemmeno conosce”. E si dichiara “assolutamente fiducioso che, anche questa volta, le indagini lo confermeranno”.

Redazione Nurse Times

Rimani aggiornato con Nurse Times, seguici su:
Telegram – https://t.me/NurseTimes_Channel
Instagram – https://www.instagram.com/nursetimes.it/
Facebook – https://www.facebook.com/NurseTimes. NT
Twitter – https://twitter.com/NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Sostituzione via catetere della valvola tricuspide: al Monzino il primo intervento in Italia

La valvola tricuspide può essere sostituita con una protesi senza aprire il torace. È quanto avvenuto al Centro…

20/02/2024

GEN Biotechnology: la rivista open access sul settore biotecnologico

GEN Biotechnology è una rivista open access dedicata alla ricerca e allo sviluppo del settore…

20/02/2024

Neuralink annuncia i primi risultati: controllo del mouse con il pensiero

Sono trascorse poche settimane da quando Neuralink, l'azienda di Elon Musk che si occupa di…

20/02/2024

Giornata nazionale del personale sanitario, Nursind: “Ricordarne il sacrificio investendo nel Ssn”

“Il diritto alla salute non avrebbe gambe solide su cui camminare senza personale sanitario, a…

20/02/2024

Elicio Therapeutics sviluppa promettente vaccino terapeutico contro il cancro

Elicio Therapeutics, una spin-out del MIT, ha recentemente sviluppato un nuovo vaccino contro il cancro…

20/02/2024

Scandalo false lauree in Romania: diventavano infermieri senza frequenza e tirocinio

Un'indagine svela un intricato sistema di falsificazioni che ha permesso a cittadini italiani di ottenere…

20/02/2024