NT News

Cgil Cisl e Uil contro la gestione della Rsa di Montecosaro (Macerata): “Un infermiere di notte per 85 ospiti su due piani. Così si specula sulla pelle dei lavoratori”

I sindacalisti John Palmieri, Mariella Mazzalupi e Marcello Evangelista vanno all’attacco del gruppo Kos Care, che gestisce la residenza Santa Maria in Chienti.

“Riduzione del personale, turni abominevoli e assistenza ridotta al minimo. Basta, speculare sulla pelle dei vavoratori”. Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl attaccano così i vertici del gruppo Kos Care per le modalità di gestione della Rsa Santa Maria in Chienti di Montecosaro (Macerata).

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


“Gli infermieri sono stati ridotti drasticamente, da 12 a 9 complessivi, riducendo da due a uno gli infermiere di notte, con 85 pazienti su due piani di lavoro – proseguono i rappresentanti sindacali John PalmieriMariella MazzalupiMarcello Evangelista -. Immaginiamo la gravità del turno con un solo infermiere qualora si trovi a gestire due o più urgenze su due piani diversi. Ovviamente i carichi di lavoro sono aumentati, generando l’uscita sistemica dei dipendenti fuori orario, sino ad un’ora oltre il dovuto, mai retribuito dall’ente. E’ bene sottolineare che gli infermieri seguono, oltre alla parte tecnica, assistenziale anche molte incombenze burocratiche e di relazione con ospiti, familiari, medici di base e specialisti, ovvero minutaggio che viene sottratto all’assistenza diretta al paziente, già ridotta al minimo. Dai tabulati mensili abbiamo appurato incremento orario individuale, conseguenza delle scelte scellerate del gruppo”.

La struttura di Montecosaro operativa dal 2014, per un bacino di 85 posti complessivi, ha sempre operato su elevati livelli di qualità assistenziale, con ottimi riscontri dall’utenza e dal territorio. “Ma dai primi mesi del 2022 – aggiungono i sindacalisti – è iniziato il declino, non rinnovando i contratti degli oss a chiamata (per coprire le assenze improvvise), e questo ha generato turni di lavoro con minor personale dedicato ai pazienti. Successivamente non si è più dato seguito alle stabilizzazioni degli infermieri, con perdita di figure opportunamente formate che avrebbero garantito continuità di lavoro d’equipe”.

A novembre dello scorso anno il gruppo Kos Care ha coinvolto le organizzazioni sindacali per comunicare le intenzioni di ridurre drasticamente i costi con tagli orizzontali, coinvolgendo il personale sanitario. “Coadiuvati dagli Rsa aziendali prima dell’inizio di questi turni abominevoli abbiamo richiesto alla direzione sospensione della riorganizzazione, in attesa di confrontare il nuovo assetto con il parere del settore accreditamento della Regione Marche (che dà alla struttura le indicazioni sui criteri di rispettare in base a quanto stabilito dagli organi politici ndr). Su interpello di Fp Cgil, CislFp e Uil Fpl la valutazione è arrivata di recente, e come potrete immaginare smentisce categoricamente quanto previsto dal gruppo Kos nella riorganizzazione”.

Nello specifico: “Nell’ultimo incontro sindacale, tenuto il 24 marzo con la direzione del gruppo Kos Care, si sono raggiunti i caratteri del grottesco: il gruppo non intende riconoscere quanto enunciato dal settore accreditamento della Regione Marche. Il personale infermieristico è inferiore a quanto previsto e la caposala è inserita il minutaggio. Facciamo presente che i turni di servizio e i relativi carichi di lavoro devono essere fatti per i lavoratori e non contro di loro. Sono strumenti per rendere il servizio all’ utenza adeguato e devono tenere conto delle esigenze oggettive degli operatori, in modo da non gravare sullo stato psico-fisico individuale, come sancito dal D.lgs 81 08 T.U. sicurezza sul lavoro. Abbiamo appurato che la patologia dello stress da lavoro-correlato sta aumentando vertiginosamente tra gli operatori della Rsa di Montecosaro, senza che l’azienda intraprenda adeguati correttivi”.

Per tali ragioni le tre sigle sindacali hanno deciso di presentare una denuncia all’ispettorato del lavoro territoriale: “Abbiamo inoltre sollecitato l’ufficio tecnico competente in materia di sanità privata della Regione Marche a convocarci per chiarire quanta spesa è prevista nella retta per il personale e per i pazienti, poiché sono risorse dei cittadini marchigiani e vanno calibrate in modo trasparente nonché parsimonioso. Basta, speculare sulla pelle dei lavoratori, prima con il mancato rinnovo del contratto fermo da 11 anni, e ora anche con turni di servizio massacranti per i lavoratori. Rammentiamo che esiste un profitto equo, e non solo speculativo”.

Redazione Nurse Times

Rimani aggiornato con Nurse Times, seguici su:
Telegram – https://t.me/NurseTimes_Channel
Instagram – https://www.instagram.com/nursetimes.it/
Facebook – https://www.facebook.com/NurseTimes. NT
Twitter – https://twitter.com/NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Giornata nazionale dell’Oss. Sorrentino (Migep): “un ringraziamento speciale a tutti gli operatori socio sanitari”

La “giornata nazionale dell’Oss” si conclude con un ringraziamento speciale a tutti gli operatori socio…

30/05/2024

Nursing Up: “Malattie professionali in pericoloso aumento. Soprattutto tra gli infermieri”

Nel seguente comunicato stampa le riflessioni di Antonio De Palma, presidente nazionale Nursing Up. La…

30/05/2024

“La busta paga”: successo per il corso organizzato da Fials Milano

Il 24 maggio scorso l’Asst Grande Ospedale Metropolitano Niguarda ha ospitato il corso residenziale “La…

30/05/2024

Caso Bonino, di nuovo condannata all’ergastolo l’infermiera di Piombino

Condannata in primo grado a Livorno per omicidio, poi assolta e quindi nuovamente condannata nel…

30/05/2024

Infermiere sospeso da Asst Pavia per aver vaccinato la moglie in pensione durante open day riservato: il giudice lo assolve

Il giudice del lavoro del Tribunale di Pavia ha annullato, ritenendola illegittima, la sanzione disciplinare…

30/05/2024

Sondaggio Fials Milano: “Forte malcontento tra gli oss”

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa di Fials Milano. Fials Milano, attraverso un recente sondaggio,…

30/05/2024