NT News

Lombardia, Rozza (Pd): “Aumentano le aggressioni in ospedale. Subito la legge sulla sicurezza del personale”

Il consigliere regionale del Pd sollecita la Giunta, che “a oggi ha soltanto nominato il tavolo tecnico di supporto alla stesura delle linee guida”.

“Immaginiamo che i numeri generali di aggressioni fisiche e verbali nei presidi ospedalieri saranno in aumento del 41% nel 2022”. La stima è del consigliere regionale lombardo Carmela Rozza (foto), che ieri ha partecipato alla conferenza stampa organizzata dal Pd per chiedere l’applicazione “immediata” della legge sulla sicurezza del personale (guarda il video).

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Dai numeri registrati nelle Asst, Irccs e Ats della Città Metropolitana di Milano, nel 2021 le aggressioni fisiche agli operatori sanitari sono state 209 e quelle verbali 444, mentre tra gennaio e maggio 2022 sono state pari, rispettivamente, a 106 e 278. Tra i due anni si stima che il trend delle aggressioni fisiche sia in aumento del 22% e che siano raddoppiate quelle verbali.

Secondo il gruppo consiliare ci sarebbero anche carenze nella rilevazione degli episodi. In particolare, il Pd lamenta la mancata applicazione della legge per la sicurezza del personale sanitario e sociosanitario, approvata dal Consiglio a luglio 2020 e operativa da luglio 2021. A oggi, si segnala, la Giunta ha soltanto nominato il tavolo tecnico che dovrà essere di supporto alla stesura delle linee guida.

Quello che si chiede, spiega Rozza, è “di mettere immediatamente in priorità l’applicazione della legge sulla sicurezza del personale, aprire i tavoli in prefettura, dare subito un ordine ai direttori generali sul monitoraggio degli eventi e far partire il lavoro del tavolo tecnico, che deve decidere quali interventi fare, come e dove”

.

A provocare tensioni sono anche i lunghi tempi di attesa. “Nei presidi sanitari c’è grande sofferenza – osserva il capogruppo Dem, Fabio Pizzul. Vengono segnalate attese anche di 11 ore per patologie banali. Il problema è che manca personale e l’organizzazione non consente di avere un servizio decente. Non è possibile che in una realtà che continua a definirsi eccellente dal punto di vista ospedaliero ci siano delle condizioni tanto complicate, sia logisticamente che dal punto di vista delle attese”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Taranto, Opi e Opo scrivono all’assessore Palese e al governatore Emiliano: “Sanità provinciale al collasso. Serve personale”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa diffuso dall’Ordine degli infermieri e da quello delle ostetriche…

04/03/2024

Farmaco introvabile arriva dalla Cina all’Asl Latina, ma diventa un caso: nome e bugiardino non sono in italiano

Un problema di non poco conto si sta riscontrando all'Asl Latina, dove da qualche giorno…

04/03/2024

Asl Lecce, mancano gli oss e gli infermieri sono demansionati: l’allarme di Fsi-Usae

“E’ spiacevole segnalare che, nonostante ci sia stato un tentativo di reclutamento di personale oss…

04/03/2024

Infermiere di famiglia e comunità, al via in Liguria i percorsi formativi

“Nell’ultima Giunta – dichiara l’assessore alla Sanità Angelo Gratarola – abbiamo recepito le linee di indirizzo dell’infermiere…

04/03/2024

Infermieri italiani demansionati e mortificati abbandonano la professione

Infermieri di una unità operativa italiana: la rassegnazione di fronte a un piano di lavoro…

04/03/2024

Medici, arrivano pensioni più alte per chi va in pensione dopo i 68 anni

In atresa di misure strutturali che risolvano il problema della carenza di medici il 1°…

04/03/2024