NT News

La dott.ssa Mostarda presenta la tesi sulla gestione clinico assistenziale dei pazienti affetti da demenza tipo Alzheimer

ll progetto editoriale denominato NeXT permette ai neolaureati in medicina, infermieristica e a tutti i professionisti della sanità di poter pubblicare la propria tesi di laurea sul nostro portale. Inviateci le vostre tesi di laurea a redazione@nursetimes.org.

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) fondata e gestita da Infermieri, quotidiano diventato il punto di riferimento per tutte le professioni sanitarie.

Ricordiamo che ogni pubblicazione su NurseTimes è spendibile nei concorsi e avvisi pubblici.

La piattaforma dedicata alle Tesi di Laurea e ai questionari

Parte su NurseTimes la nuova piattaforma dedicata alla condivisione delle Tesi di Laurea (Vedi articolo). Clicca su https://tesi.nursetimes.org/ e accedi alla tua Area Riservata per sfruttare al massimo le funzionalità offerte dalla nostra piattaforma dedicata.

NurseTimes offre maggiore visibilità ai vostri questionari attraverso l’utilizzo dei nostri gruppi Facebook, Twitter, Linkedin, Instagram e raggiungere così molti più utenti.

Basta collegarsi sulla nostra piattaforma dedicata (link https://tesi.nursetimes.org/questionari.php) e loggarsi ed entrare nell’area riservata per caricare il vostro questionario.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI



La dott.ssa Mostarda Elisa consegue il Master I Livello in “Management delle cure primarie e territoriali: il professionista specialista” presentando una tesi dal titolo “Gestione clinico assistenziale dei pazienti affetti da demenza tipo Alzheimer nella regione Lazio”

ABSTRACT

Nel mio elaborato ho voluto trattare la gestione clinico assistenziale dei pazienti affetti da demenza di tipo Alzheimer nella Regione Lazio. La malattia di Alzheimer (AD = Alzheimer Desease) è la causa più comune di Demenza nella popolazione anziana e rappresenta il 50-60% circa dei casi di deterioramento mentale ad esordio tardivo. Le sue cause sono ancora ignote, anche se sono stati identificati numerosi fattori che aumentano il rischio di sviluppare la patologia: l’età avanzata, la storia familiare, traumi cranici, stili di vita e condizioni che comportano problemi ai vasi sanguigni.

A oggi non esiste una cura per l’Alzheimer: i trattamenti disponibili consentono di alleviare i sintomi e, in alcuni casi, di rallentare la progressione della patologia. Questi elementi, uniti al progressivo invecchiamento della popolazione in tutto il mondo, ha indotto l’Organizzazione mondiale della sanità a inserire la malattia di Alzheimer (e le demenze più in generale) tra le priorità globali di sanità pubblica, dato che il numero di persone colpite potrebbe triplicare nei prossimi 40 anni con costi sociali ed economici elevatissimi. Da qui il forte richiamo dell’OMS e dell’ADI ( Alzheimer Disease Intrnational) affinchè i paesi investano sulla ricerca e definiscano a livello nazionale, regionale e locale piani di intervento con il coordinamento tra i diversi settori dell’assistenza.

Il 26 Luglio 2022 la Regione Lazio ha approvato il Piano di attività Regionale del fondo per l’Alzheimer e le Demenze.

Il Piano prevede un investimento da oltre 1 milione di euro e un’attività di formazione rivolta ai medici di medicina generale (MMG) che operano nelle Asl o Distretti con l’obbiettivo di creare una rete con i Centri per i disturbi cognitivi e le demenze (CDCD) per una corretta e rapida gestione dei flussi dei pazienti.

Il Dipartimento di Epidemiologa del SSR del Lazio (DEP) produce e aggiorna ogni anno stime della prevalenza della malattia di Alzheimer e delle altre demenze tra la popolazione residente nella regione [Opensalute lazio https://www.opensalutelazio.it/salute/; http://www.deplazio.net/it/stato-di-salute], utilizzando un algoritmo basato sull’integrazione dei dati di diversi archivi dei Sistemi Informativi Sanitari (SIS) regionali. L’algoritmo cattura solo i casi di demenza che hanno ricevuto almeno una prestazione nell’ambito del SSR (ricoveri, farmaci, esenzioni per malattia). Tramite il sito Open salute Lazio ho inserito degli indicatori di ricerca per ottenere i dati di prevalenza dell’Alzheimer degli ultimi anni (2016-2020) da cui si evince che i casi di malattia sono stabilmente presenti e in alcune ASL sono leggermente scesi nel 2020 a causa dell’emergenza Covid-19 che ha accentuato la tendenza ad intercettare il declino cognitivo ed effettuare la diagnosi di demenza in fase tardiva.

A tal proposito, come definito dal Piano Nazionale Demenze, nella Regione Lazio è in corso di definizione un PDTA regionale con l’obiettivo di mettere in rete i servizi dedicati alla presa in carico delle persone con demenza nelle diverse fasi della malattia, assicurando la continuità assistenziale e l’equità di accesso alle cure. Il piano di intervento riguarda, pertanto, le seguenti linee di azione:

  1.  Potenziamento delle figure professionali operanti nel CDCD, con particolare riferimento alla figura del neuropsicologo;
  2. Attivazione del Corso di formazione per i MMG;
  3. Attivazione di slot dedicati per le prenotazioni effettuate direttamente dal MMG per la valutazione diagnostica presso il CDCD;
  4. Attività di counseling e di sostegno psicologico dedicati ai caregiver;
  5. Attività di counseling sulle strategie comportamentali e sulle soluzioni ambientali domiciliari più adatte a favorire la qualità della vita delle persone con demenza;
  6. Promozione di attività informative e formative mirate alla sensibilizzazione della popolazione generale.

L’obiettivo principale per le persone affette dal Alzheimer è mantenere quanto più a lungo possibile le capacità cognitive e le abilità residue per poter migliorare la qualità della vita. La fase terminale costituisce la difficile conclusione di un lungo percorso. Difficile per la complessità, per l’assenza del protagonista incapace di esprimere volontà e opinioni. Per questo a conclusione ho voluto fare una riflessione affinchè non vengano perse occasioni per poter comunicare le disposizioni anticipate di trattamento.

“La demenza ti entra in casa senza suonare il campanello, senza bussare, senza chiedere permesso… Quando te la trovi davanti scopri che si è impossessata della vita di un tuo famigliare… ma anche della tua. Per il tempo che sei costretto a dedicarle, per il dolore che ti provoca, per il futuro che ti ha tolto…”

Dott.ssa Mostarda Elisa

Tesi: “Gestione clinico assistenziale dei pazienti affetti da demenza tipo Alzheimer nella regione Lazio”

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Vitiligine: nuove prospettive di cura grazie a Ruxolitinib crema

È una malattia cronica autoimmune, molto visibile a causa delle caratteristiche macchie bianche sulla pelle,…

29/05/2024

Malavasi, valorizzare operatori socio sanitari, calendarizzare proposte di legge

"Oggi celebriamo la Giornata nazionale dell'Operatore Socio Sanitario e deve essere l'occasione per ringraziare tutti…

29/05/2024

Digiuno prolungato pre e post-operatorio, presentate le nuove linee guida

Il digiuno prolungato pre-operatorio potrebbe diventare una pratica obsoleta perchè troppe ore senza bere possono risultare dannose…

29/05/2024

Antibiotico-resistenza, i “super batteri” mettono in crisi la medicina moderna

Li chiamano “super batteri”. E ogni anno “uccidono più persone dell’Hiv, della malaria e della…

29/05/2024

Diabete, l’Ema approva la prima insulina settimanale al mondo

Gli italiani affetti da diabete sono circa il 6% della popolazione, cioè quasi 4 milioni…

29/05/2024

IRAS Rovigo: avviso pubblico per l’assunzione di oss

L'IRAS - Centro servizi anziani di Rovigo ha indetto un avviso di selezione pubblica per…

29/05/2024