Regionali

Carenza infermieri in Puglia, Volpe (Opi Taranto) lancia l’allarme: “A rischio il Pnrr. Nostra provincia è la più penalizzata”

Carenza infermieri in Puglia, il presidente Volpe lancia l’allarme: “A rischio il PNRR. Taranto la provincia più penalizzata. Come soddisfare il fabbisogno di infermieri per i 723 posti letto del San Cataldo?”

La Puglia è tra le regioni con la maggiore carenza di infermieri. Secondo l’ultimo rapporto della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche, mancherebbero all’appello ben 6000 unità, così come rimarcato negli ultimi giorni anche dall’europarlamentare di Fdi-Ecr, Chiara Gemma. Un dato che deve far riflettere considerata la crisi che attanaglia ormai da tempo il sistema sanitario pugliese, palesemente in affanno e non in grado di soddisfare le crescenti richieste di cure e assistenza.

Serve un deciso e immediato cambio di rotta, altrimenti di questo passo può essere messo a serio rischio il diritto alla salute dei cittadini.
Quella dell’infermiere è una figura professionale strategica in ambito sanitario, così come del resto è fondamentale il ruolo del personale di supporto (gli OSS), per questo vanno stanziate risorse e indetti concorsi al fine di colmare l’enorme vuoto.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Molto chiaro sull’argomento il presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Taranto, dott. Pierpaolo Volpe.

“La Puglia è tra le Regioni italiane che presenta il maggior deficit di infermieri -spiega-. Rispetto all’Emilia Romagna nella nostra regione vi sono circa 12 mila infermieri in meno.

Taranto poi è una delle province più danneggiate nell’applicazione del cosiddetto ‘tetto di spesa’ perché per riequilibrare gli sforamenti delle altre province, ha subito ulteriori e ingiustificati tagli lineari. In Puglia -prosegue Volpe- è a rischio il PNRR; nella sola provincia di Taranto mancano secondo il DM77 circa 184 infermieri di famiglia e di comunità, senza contare il prossimo fabbisogno di infermieri per la gestione dei 723 posti letto dell’ospedale San Cataldo.

Accanto agli infermieri occorre personale di supporto, servono OSS per consentire all’infermiere di essere gestore dei processi assistenziali così come dice la norma.
La grave carenza di infermieri costringe oggi ad applicare modelli organizzativi vetusti, quello per compiti, ispirato al modello tayloristico ormai in disuso in tutte le organizzazioni sanitarie. Se non colmata con interventi straordinari, la carenza di infermieri decreterà il certo fallimento del PNRR e degli obiettivi che ci si è prefissati con il San Cataldo”.

Infine il presidente Volpe si pone una domanda: “ma dove troviamo tutti questi infermieri visto che le università laureano meno infermieri rispetto ai pensionati e agli abbandoni agli studi?”

Redazione Nurse Times

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Il progetto NEXT si rinnova e diventa NEXT 2.0: pubblichiamo i questionari e le vostre tesi

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/questionari

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Alzheimer: nuove opportunità per frenare la malattia con la diagnosi precoce

Nuovi studi sui fattori di rischio della malattia di Alzheimer propongono scenari inediti per effettuare…

15/04/2024

Miracolo al Bambino Gesù: gemelli guariscono da rara malattia metabolica grazie a trapianto eccezionale

Roma – Nell’epicentro dell’innovazione medica al Bambino Gesù, due giovani guerrieri affrontano coraggiosamente la loro…

15/04/2024

Salvato dalla tecnologia: una Tesla Model Y guida un uomo in fin di vita al Pronto Soccorso

Un viaggio autonomo di 20 km della sua Tesla Model Y verso la salvezza: il…

15/04/2024

Anziani, preoccupano i dati su solitudine e suicidi. Se ne è parlato al Congresso AIP

L’Italia è uno dei Paesi occidentali in cui diventare anziani presenta gli scenari peggiori, soprattutto…

15/04/2024

Prevenzione, il 40% degli italiani farebbe più controlli se i tempi di attesa si riducessero

Gli italiani fanno ancora poca prevenzione e i tempi di attesa eccessivi sono uno dei…

15/04/2024

Gambe gonfie: rischio tutto l’anno con caldo perenne. Benefici da nuovo mix di bromelina e vitamina C

Non ci sono più stagioni “alleate” delle gambe per i circa 20 milioni di italiani…

15/04/2024