Regionali

Belluno, mancano gli infermieri? Ecco l’idea: “Richiamare gli oriundi dal Brasile”

Mancano operatori della sanità? Richiamiamo i veneti espatriati. Giuseppe Dal Ben, commissario dell’Usl 1 Dolomiti, appena riconfermato alla guida della sanità bellunese, ha accolto con favore la proposta di far arrivare infermieri e oss italo-brasiliani, discendenti degli emigranti che 150 anni scelsero di lasciare il Veneto per trasferirsi in Brasile o in Argentina.

Una proposta avanzata da Oscar De Bona (foto), presidente dell’Associazione bellunesi nel mondo, che l’ha commentata con un sorriso: “Se tutto va bene, di sicuro non ci sarà il problema della lingua. Parlano il ‘talian’, una sorta di mix di dialetti del Nord Italia che, se parlato lentamente, viene compreso alla perfezione dai noi veneti”.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Tornando serio, De Bona ha aggiunto: “L’idea ci è venuta leggendo della carenza di infermieri e oss che lamenta la sanità della nostra provincia. L’abbiamo sottoposta a Dal Ben, che adesso dovrà decidere come e se procedere. Ci pare che ci sia disponibilità e ne siamo contenti, perché la storia regala un’opportunità a due Paesi come Italia e Brasile, da sempre legati da rapporti strettissimi”.

Fulcro dell’iniziativa è lo Stato di Rio Grando do Sul, dove si trova il circolo Bellunesi nel mondo di Porto Alegre, rappresentato da Stefania Puton.

Sempre De Bona: “Assieme a lei abbiamo coinvolto l’Università di Caxias do Sul, città che con i suoi 500mila abitanti è la seconda più popolosa dello Stato. Ci sono tantissimi italiani emigrati dal Nord Italia, in particolare da Belluno, Vicenza, Treviso e Trento, che tornerebbero volentieri in Italia. Si potrebbero prendere due piccioni con una fava”.

A favorire la riuscita dell’iniziativa di De Bona è il fatto che i sanitari oriundi possiedono già il passaporto italiano. Una circostanza che agevola le pratiche burocratiche di inserimento, che inizialmente riguarderebbe un piccolo gruppo di infermieri in grado di supportare le strutture sanitarie della provincia di Belluno.

“Non so dire con precisione quali siano le tempistiche, ma ritengo che nello spazio di sei mesi possa arrivare a Belluno un gruppo ‘pilota’ di circa dieci infermieri oriundi – ha confermato De Bona -. E’ chiaro, però, che bisogna ragionare nell’ottica di un periodo medio-lungo: non si può pensare che vengano a Belluno per sei mesi e poi tornino indietro. Il primo gruppo verrebbe formato in Brasile tramite l’università e poi raggiungerebbe l’Italia grazie agli accordi fra i due Paesi”.

Redazione Nurse Times

Articoli correlati:

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Il progetto NEXT si rinnova e diventa NEXT 2.0: pubblichiamo i questionari e le vostre tesi

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/questionari

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ferie retribuite: la Cassazione conferma il diritto a una retribuzione ordinaria completa di indennità accessorie

Una recente sentenza della Corte di Cassazione, sezione lavoro, ha stabilito che la retribuzione delle…

24/05/2024

ASP Forlivese: selezione per soli titoli per 3 posti di Infermiere

Avviso pubblico di selezione per soli titoli per urgente formazione di un elenco da utilizzare…

24/05/2024

L’Asl Barletta Andria Trani assume Oss a tempo determinato

Manifestazione di interesse per il conferimento di incarichi di lavoro subordinato a tempo determinato con…

24/05/2024

Riparazione delle ossa, peptide promette bene come nuova terapia

Un team di ricercatori della University of Birmingham ha dimostrato che PEPITEM (Peptide Inhibitor of Trans-Endothelial…

24/05/2024

Morti evitabili in aumento negli ospedali italiani

Aumentano le “morti evitabili” dei pazienti presi in cura negli ospedali italiani. A confermarlo è…

24/05/2024

Locri, aggredirono due sanitari in Pronto soccorso: dovranno rispondere di violenza e minacce

Un 42enne e un 24enne accusati di violenza e minacce nei confronti di due sanitari…

24/05/2024