Medici

Tempio Pausania, dottoressa sospesa per non essersi vaccinata contro il Covid: Omceo Sassari dovrà risarcirla

Oltre al risarcimento (5mila euro), il Tribunale ha ordinato anche il reintegro della dirigente medica no vax, che ha tempo fino al 1° febbraio 2023 per vaccinarsi.

L’Ordine dei medici di Sassari dovrà risarcire L.B., dirigente medica del Pronto soccorso dell’ospedale di Tempio Pausania, sospesa dall’Asl 2 Olbia lo scorso 26 aprile, e fino al 31 dicembre, per non essersi vaccinata contro il Covid. Ammonta a 18mila euro, di cui 9mila per spese legali, la somma stabilita per lite temeraria dal giudice del Tribunale civile di Tempio Pausania, Eleonora Carsana, che ha ordinato anche il reintegro della dottoressa. A quest’ultima andranno 5mila euro, mentre 4mila spettano all’Asl 2 Gallura, che vrebbe voluta reintegrarla.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Con una prima ordinanza del 19 luglio scorso la stessa giudice aveva già condannata l’Asl a reintegrare la dirigente e a corrisponderle stipendi e contributi arretrati, stabilendo inoltre che la dipendente aveva tempo fino al 1° febbraio 2023 per vaccinarsi. Il 26 luglio, però, l’Omceo Sassari aveva reiterato la sospensione, violando l’ordinanza cautelare del Tribunale. Ciononostante, l’Azienda sanitaria non aveva provveduto al reintegro.

La dottoressa aveva presentato un primo ricorso urgente il 26 maggio scorso, nell’impossibilità di mandare avanti la famiglia (ha quattro figli), dato che il marito è dipendente di una società in stato di crisi. Ammalatasi di Covid il 22 gennaio scorso, era stata sospesa a meno di 90 giorni dalla guarigione e aveva 12 mesi di tempo per vaccinarsi, ma l’Ordine l’aveva di nuovo sospesa per non essersi vaccinata entro sei mesi.

Ora la giudice ha ritenuto di dover “sanzionare la condotta del Consiglio dell’Ordine dei medici di Sassari che, adottando una delibera violative ed elusiva del provvedimento del tribunale, ha altresì onerato la dottoressa di un secondo ricorso cautelare, con aggravio di spese e ricadute negative collettive in ordine all’uso razionale della risorsa giudiziaria”. Nelle motivazioni della prima pronuncia, quella dello scorso luglio, la giudice aveva tenuto conto anche della grave carenza di organico dell’ospedale di Tempio Pausania, oltre che della difficile situazione familiare della ricorrente, di fatto senza mezzi di sostentamento, visto che i sanitari, a differenza degli altri dipendenti pubblici, non hanno diritto

l cosiddetto assegno alimentare in caso di sospensione dal lavoro.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Il melograno: tutto quello che devi sapere sulle qualità nutrizionali e loro funzione

La melagrana, frutto del melograno è un frutto autunnale/invernale, molto ricco di nutrienti che gli…

04/03/2024

Infermiere arrestato per violenza sessuale su tre pazienti

Villa Azzurra e il caso degli abusi: tre pazienti confermano le violenze sessuali da parte…

03/03/2024

Infermiere del 118 preso a testate a Udine durante il turno notturno

Udine - Una nuova aggressione a un operatore sanitario, un Infermiere, questa volta durante il…

03/03/2024

Giulia (oss) incontra l’amore in corsia, ma la sua relazione ha un epilogo tragico

Da un incontro nella terapia intensiva covid a un ciclo di abusi: il viaggio di…

03/03/2024

Rimini scelta per il terzo congresso nazionale della Fnopi nel 2025, previsti 5.000 partecipanti

Rimini confermata come luogo di riferimento per grandi eventi nazionali e internazionali, accoglie il prestigioso…

03/03/2024

Dona 1 miliardo alla Scuola di Medicina del Bronx: senza tasse migliaia di studenti

Generosa donazione di 1 miliardo di dollari al Bronx: nuove prospettive per gli studenti di…

03/03/2024