NT News

Speranza: “Precari della pandemia saranno in gran parte stabilizzati”

Così il ministro della Salute, che durante l’ultimo question time alla Camera ha parlato anche di programmazione della spesa sanitaria e formazione del personale.

Saranno stabilizzati gran parte dei precari che hanno lavorato durante il periodo emergenziale della pandemia da coronavirus. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante l’ultimo question time alla Camera, precisando: “Nelle norme dell’ultima Legge di Bilancio abbiamo avviato un percorso che consente al Servizio sanitario nazionale di stabilizzare una parte molto significativa del personale: Lo consentiamo per tutti i lavoratori che hanno maturato al 30 giugno 2022 almeno 18 mesi di servizio, anche non continuativo, di cui sei durante la fase dell’emergenza pandemica. E’ un provvedimento giusto e adeguato, che ci consente di tenere in forza al Ssn tante risorse umane che sono state al servizio del Paese nella fase più difficile e che oggi possono essere stabilizzate”.

Speranza ha parlato anche di programmazione della spesa sanitaria: “Dobbiamo complessivamente cambiare il modello di programmazione della spesa sanitaria, costruito su silos chiusi e tetti di spesa. Abbiamo iniziato a fare questo cambiamento, ma dobbiamo fare di più. Nell’ultima Legge di Bilancio ci sono due segnali in questa direzione: diventa permanente la possibilità di alzare il tetto del 10%, e ciò è valido per tutte le Regioni; in più c’è 1 miliardo per l’assistenza territoriale, e il personale sanitario è fuori dai tetti di spesa. Non è abbastanza, lavoreremo anche in vista della prossima Legge di Bilancio per mettere mano al nodo strategico del personale sanitario”.

TIl ministro ha poi toccato il tema della formazione del personale sanitario: “Durante i giorni più difficili abbiamo imparato come si possano comprare mascherine, camici e respiratori, ma non si può certo immaginare di comprare il personale sanitario: o lo hai formato, in un tempo anche lungo di investimenti e di programmazione, oppure non lo hai. Per questo, nel corso degli ultimi due anni, abbiamo finanziato circa 30mila borse di specializzazione per medici neolaureati, e l’anno scorso ben 17.400, il triplo di tre anni fa e il doppio di due anni fa. Un ulteriore, importante passo in avanti, il cui impatto sul Servizio sanitario nazionale si potrà però misurare solo alla fine di questo percorso“.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Asl Foggia, salta la stabilizzazione per 54 infermieri reclutati durante la pandemia: “Una vera beffa”

Agli interessati non sono stati riconosciuti i mesi di lavoro in pronta disponibilità. 64 infermieri…

02/12/2022

Vaccino anti-Covid, Corte Costituzionale: “Legittimo l’obbligo per il personale sanitario”

La Consulta ha sciolto i dubbi sollevati in merito da alcuni uffici giudiziari a seguito…

02/12/2022

Sanità territoriale, Bottega (Nursind): “Per potenziarla davvero bisogna investire sul capitale umano”

Il segretario nazionale del sindacato infermieristico, da noi contattato, interviene nel dibattito sui nuovi presidi…

01/12/2022

Recidive di infezione da Clostridioides difficile, Fda approva farmaco a base di microbiota fecale

Il prodotto, è sviluppato da Ferring Pharmaceutical, si chiama Rebyota ed è destinato a soggetti di…

01/12/2022

Mancano gli infermieri? No problem, all’Asst Sette Laghi arrivano gli oss

L'Azienda ha assunto 64 operatori socio-sanitari in più rispetto allo scorso anno. Per sopperire alla…

01/12/2022

Sanità Calabria, depositato in Senato un emendamento che prevede un’indennità giornaliera aggiuntiva per i sanitari di 118 e pronto soccorso

Corrisponde a un trentesimo della retribuzione mensile lorda in godimento. Per chi è in regime…

01/12/2022