NT News

Pisa, studentessa sorda si laurea in Infermieristica: la bella storia di Sara

Con grande determinazione la 29enne Sara Scornavacche ha centrato l’obiettivo della seconda laurea. Sul portale InToscana ha raccontato la sua storia e lanciato un messaggio: “Credete sempre in voi stessi”.

Sara Scornavacche, 29 anni, di Poggibonsi, è una studentessa sorda dell’Università di Pisa che all’ospedale di Cisanello, lo scorso 18 ottobre, si è laureata in Scienze infermieristiche dopo aver discusso una tesi dal titolo “Gli occhi dei pazienti con disabilità uditiva e gli occhi degli infermieri. Le barriere comunicative del nursing perioperatorio”. Ha ottenuto il massimo dei voti: la degna conclusione di un percorso difficile, costruito con tanta forza di volontà.

Oltre che una brillante studentessa – ha già una laurea in Scienze geologiche conseguita nel 2019, prima di immatricolarsi a Infermieristica –, Sara è anche educatrice, docente di lingua dei segni italiana. Lavora inoltre come mediatrice culturale: è traduttrice di due lingue e collabora con una cooperativa che si occupa di assistenza agli immigrati. Nei suoi anni universitari è stata seguita dall’Ufficio Servizi per l’inclusione di studenti con disabilità dell’Università di Pisa, con l’affiancamento di studenti part-time e del servizio di interpretariato Lis, che gli hanno permesso di seguire le lezioni e le attività di tirocinio.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


“Tutti noi sappiamo che con la sordità è oggi difficile affrontare un percorso universitario – ha detto Sara  –. Desidero esprimere la mia profonda gratitudine all’Università di Pisa, in particolare ai professori Luca Fanucci, come delegato della disabilità, ma anche all’ex delegato ed ex rettore Paolo Mancarella, con la sua immensa sensibilità, allo staff dell’Usid e agli interpreti Lis. Il percorso universitario è stato pieno di ostacoli, soprattutto a causa della pandemia, ma non ho mai smesso di lottare. È stata una sfida che ho affrontato con determinazione, e lo è stata anche per il personale sanitario e medico”.

Quella di Sara è una storia di realizzazione perrsonale, ma anche un esempio per altre studenti disabili: “È vero che questi percorsi possono sembrare spaventosi e pieni di incertezze: ci saranno paure di non farcela, pensieri di mollare per pregiudizi e stereotipi, di non saper come fare e come affrontarli, tanti sacrifici e delusioni. Con questo voglio dirvi di affrontare le sfide giorno dopo giorno, dando tempo al tempo e credendo sempre nei vostri sogni. Vedrete che riuscirete a raggiungere i vostri obiettivi, superando ogni ostacolo. Siate audaci, siate determinati e credete sempre in voi stessi. Il mondo è pieno di opportunità, anche per chi, come noi, deve superare barriere comunicative. Insieme possiamo fare la differenza e rendere il mondo un luogo più accessibile per tutti”.

Redazione Nurse Times

Fonte: InToscana

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ago da insulina nel polmone: a Perugia 7 medici a processo per la morte di un paziente

Doveva sottoporsi a un intervento al naso. Un intervento apparentemente banale, ma durante la procedura…

19/04/2024

Monza, al via un corso di autodifesa per 120 infermieri

Un corso di difesa personale per infermieri. Lo promuove la questura di Monza e della Brianza, che in precedenza…

19/04/2024

Nola (Napoli), devasta il Pronto soccorso con una spranga di ferro: feriti un infermiere e due guardie giurate

Notte di caos e paura all'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola (Napoli), dove il parente…

19/04/2024

Gimbe: infermieri pochi con stipendi da fame, medici tanti, tra i più anziani in Europa

Allarme anzianità e stipendi: la crisi silenziosa dei medici e infermieri italiani Exposanità Bologna. Si…

19/04/2024

Fine vita, il Governo ricorre al Tar contro l’Emilia-Romagna: chiesto l’annullamento delle delibere di Giunta

La polemica sul fine vita, con le regole operative che la Regione Emilia-Romagna si è…

19/04/2024

Giornata mondiale del fegato, AISF: “Il 90% delle malattie epatiche croniche sarebbero prevenibili”. Il decalogo dei comportamenti virtuosi

Il 19 aprile, come ogni anno, si celebra la Giornata mondiale del fegato, un’iniziativa delle…

19/04/2024