Medico sospeso in Trentino per presunte molestie sessuali nei confronti di infermiere

Dopo il caso di Sara Pedri (vedi articolo Nursetimes.org) emerge un nuovo caso di sospensione dal lavoro per un medico dipendente dell’ospedale di Rovereto.

A carico del medico arrivano diverse segnalazioni di episodi su presunte molestie sessuali nei confronti di una decina di infermiere.

È quanto è stato denunciato da un gruppo denominato “Me Too Rovereto”, a cui ha subito risposto l’azienda sanitaria trentina.

Advertisements

Nella nota diffusa dall’Azienda sanitaria viene confermato che l’indagine interna e il provvedimento di sospensione per il medico (tre mesi) è scattato dopo la verifica di una segnalazione recente.

La nota inoltre precisa che per la persona implicata non si tratta della prima volta. Alcuni di questi fatti infatti risalirebbero agli anni 2015 -2016.

“In merito ad una serie di episodi riguardanti un dipendente di Apss – scrive l’Azienda sanitaria – avvenuti all’ospedale di Rovereto il cui resoconto è contenuto in una email inviata ad alcuni organi di informazione dal “Gruppo MeToo Rovereto”, si evidenzia che Apss non appena venuta a conoscenza dei fatti si è attivata per fare luce sugli episodi segnalati.

L’email inviata ai media parla di alcuni fatti avvenuti negli anni scorsi per i quali il dipendente era già stato sottoposto a procedimenti disciplinari ma che hanno riguardato fattispecie diverse dall’ultimo fatto descritto.

Per quanto riguarda l’ultima segnalazione in ordine di tempo, portata a conoscenza di Apss solo recentemente, non appena l’ente è venuto a conoscenza dei fatti ha provveduto, in attesa degli approfondimenti necessari, a spostare in altra sede di lavoro il dipendente e ha immediatamente attivato l’Ufficio per i procedimenti disciplinari. L’Ufficio, in seguito all’istruttoria effettuata, ha deciso di sospendere dal lavoro il dipendente comminando il massimo della sanzione prevista dal contratto di lavoro che nello specifico è di tre mesi.

Apss vaglierà con la massima attenzione qualsiasi altra segnalazione dovesse essere portata all’attenzione dell’ente”.

Il “Gruppo Me Too Rovereto” nel suo comunicato chiariva che il medico in questione, poi sospeso, aveva “ripetutamente molestato sessualmente una decina di colleghe ed infermiere. Ora forse le cose stanno cambiando grazie al coraggio di alcune delle donne molestate è finalmente partita l’inchiesta interna dell’ospedale, tutto il personale è stato interrogato e le prove sono schaccianti”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Aritmie cardiache, scoperto meccanismo di “auto-defibrillazione”

Uno studio internazionale ha dimostrato come, in presenza di ritmi rapidi nel cuore, si instaurino…

19/05/2022

Salute degli occhi: l’alimentazione in soccorso della vista

I consigli di Matteo Piovella, presidente Società italiana di oftalmologia (Soi). L'occhio invecchia precocemente, ma…

19/05/2022

Battipaglia, donna muore dopo lunga attesa in ambulanza: indagati tre medici

La tragedia si è consumata giovedì sera all’ospedale Santa Maria della Speranza. L’ipotesi di reato…

19/05/2022

Straordinari non pagati agli infermieri: Nursing Up annuncia ricorsi

Nursing Up "Straordinari non pagati agli infermieri! In arrivo migliaia di diffide e costituzioni in…

19/05/2022

Salento, abusi sugli ospiti di una casa di riposo: direttore, infermiera e oss a rischio processo

L’inchiesta è partita dalla denuncia ai Nas di un dipendente stanco di assistere ai ripetuti…

19/05/2022

Treviso. Sangue dal naso dopo il tampone: aggrediti medico e infermieri

Montebelluna. La donna si è lamentata per la "troppa veemenza" ma il direttore dell'ospedale assicura:…

19/05/2022