NT News

Infermieri Ssn e della Sanità militare: nuove sinergie per garantire assistenza a tutto campo

Sottoscritto un protocollo di intesa FNOPI-IGESAN con l’obiettivo di programmare e realizzare analisi e studi in ambito infermieristico e accrescere lo sviluppo di una sinergia civile-militare

Collaborazione tra infermieri del Servizio sanitario nazionale e infermieri del Servizio sanitario militare per favorire la gestione di tematiche sulla pianificazione, programmazione, realizzazione, analisi e studio in ambito infermieristico e accrescere lo sviluppo di una sinergia civile-militare.

È l’obiettivo di un protocollo d’intesa triennale sottoscritto dalla Presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI), Barbara Mangiacavalli, e dall’ispettore Generale della Sanità Militare (IGESAN), Gen. C.A. CC Vito Ferrara.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Per l’attuazione del rapporto di collaborazione previsto dal protocollo, FNOPI e IGESAN si impegnano a:

  • favorire l’aggiornamento della competenza professionale del personale delle professioni infermieristiche delle Forze Armate e Arma dei Carabinieri, attraverso la promozione di attività progettuali e di sostegno per la formazione specialistica, avanzata e continua, anche rispetto agli obblighi di Educazione continua in Medicina, in collaborazione con le Università e altri Enti istituzionali pubblici e privati accreditati;
  • creare una rete civile-militare per promuovere iniziative e collaborazioni in ambito infermieristico;
  • collaborare e sviluppare attività di studio e ricerca scientifica, anche per sviluppare strumenti di indagine e valutazione delle criticità emergenti in ambito infermieristico e infermieristico militare ovvero dei professionisti che lavorano in missioni internazionali di pace, umanitarie e di stabilizzazione;
  • prevedere l’eventuale coinvolgimento di personale altamente qualificato delle Forze Armate e Arma dei Carabinieri, in attività di studio e ricerca promossa dalla FNOPI e dal Servizio Sanitario Militare;
  • promuovere la diffusione delle iniziative realizzate e dei risultati delle ricerche, attraverso i propri strumenti istituzionali;
  • favorire la costituzione di una rete strutturata, per realizzare iniziative formative e di studio congiunte nelle materie oggetto del Protocollo d’intesa.

Per la realizzazione di ogni progetto è prevista la sottoscrizione di un accordo ad hoc che definisca in dettaglio le attività, le tempistiche e le modalità attuative delle varie iniziative.

Igesan, con la collaborazione di FNOPI, individuerà tematiche di particolare interesse che potranno essere oggetto di divulgazione a favore del personale della Difesa secondo modalità di volta in volta concordate.

Queste iniziative a carattere scientifico-divulgativo saranno promosse dalla FNOPI e da IGESAN anche presso le strutture militari.

“Oggi sigliamo questo accordo di collaborazione con la FNOPI – ha dichiarato il  Gen. C.A. Vito Ferrara – che rafforza la collaborazione tra Sanità militare che è volta a riconoscere sempre più il valore delle professioni infermieristiche e ha l’obiettivo di promuovere lo scambio di conoscenze, la promozione della formazione congiunta e le buone prassi. 

Questa sinergia – ha concluso – ci consentirà di affrontare al meglio le sfide sanitarie future, massimizzando le risorse a beneficio della salute dei militari e della collettività nel suo insieme”.

“Il protocollo rappresenta il primo importante passo per una proficua collaborazione con la Sanità militare che assicurerà le massime garanzie di tutela della salute a tutti i livelli per i cittadini”, ha dichiarato Barbara Mangiacavalli. “Sicuramente – ha aggiunto – l’evoluzione della professione infermieristica indirizzata alla capillarità territoriale e alla domiciliarità, con una maggiore specializzazione e un più forte livello di responsabilità dei nostri professionisti, rappresenta una componente essenziale della sinergia tra i due livelli di intervento. La FNOPI, come sottolineato nel protocollo, metterà a disposizione del Servizio sanitario militare tutti gli strumenti e le competenze nel campo della formazione continua per garantire appropriatezza ed efficacia dell’intervento infermieristico, ovunque sia svolto”.

Redazione Nurse Times

Articoli correlati

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Il progetto NEXT si rinnova e diventa NEXT 2.0: pubblichiamo i questionari e le vostre tesi

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/questionari

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Il decalogo Sipps per viaggiare con neonati e bimbi di pochi mesi

Con l'arrivo della stagione estiva e con l'inizio delle tanto sospirate vacanze, la Società Italiana…

25/07/2024

Asst Lodi: concorso per 10 posti da infermiere

L'Asst Lodi ha indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, finalizzato alla copertura di…

25/07/2024

Asst Lecco: concorso per 50 posti da infermiere

L'Asst Lecco ha indetto un concorso pubblico, per titoli, prova scritta e prova orale, finalizzato…

25/07/2024

Oss protagonisti al Forum Risk Management di Arezzo

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a firma di Angelo Minghetti (Federazione Migep). Il 24…

25/07/2024

Morte di un detenuto in carcere, Cassazione condanna ministero della Giustizia e tre medici

Di seguito il commento dell'avvocato Emanuela Foligno alla sentenza della Corte di Cassazione, pubblicato sul…

25/07/2024

Oss tra i lavori usuranti: ok della Camera a Odg del deputato Manes

Per la prima volta in Parlamento si ritiene opportuno inserire l'attività degli oss tra i…

25/07/2024