Epatite B, scoperto sottoinsieme di cellule coinvolte nella risposta immunitaria

Uno studio australiano descrive per la prima volta la presenza di cellule NK di memoria (mNK) negli esseri umani in seguito all’esposizione all’HBV.

I ricercatori del Westmead Institute for Medical Research (WIMR) di Sydney hanno identificato e descritto un unico sottoinsieme di cellule umane coinvolte nella risposta immunitaria contro l’infezione da epatite B (HBV). La scoperta potrebbe aiutare a sviluppare nuovi trattamenti e aiutare nella futura progettazione di vaccini. L’HBV è un virus che attacca il fegato. Sebbene alcuni individui infetti da HBV possano eliminarlo dal proprio corpo, altri – in particolare quelli che sono stati infettati durante l’infanzia – possono sviluppare infezioni croniche.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Attualmente, la vaccinazione contro l’HBV protegge dalle successive infezioni attraverso la memoria immunologica: il vaccino “addestra” il sistema immunitario per eliminare gli agenti patogeni quando il corpo è esposto al virus. Per anni si è pensato che la memoria immunologica fosse guidata dalle risposte delle cellule immunitarie B e T. Recenti studi sui topi hanno suggerito che le cellule natural killer (NK) possono anche “ricordare” le infezioni virali, ma è rimasto sconosciuto se ciò si applicasse alle infezioni virali umane.

I ricercatori australiani hanno studiato le cellule NK negli esseri umani che erano stati vaccinati o infettati dall’HBV e le hanno confrontate con quelle che non erano state esposte al virus. Lo studio, condotto dalla dottoranda Ratna Wijaya e guidato dal professor Golo Ahlenstiel e dal dottor Scott Read, descrive per la prima volta la presenza di cellule NK di memoria (mNK)

negli esseri umani in seguito all’esposizione all’HBV.

“Questa scoperta è piuttosto significativa, poiché aiuta la nostra comprensione di come il corpo combatte contro l’HBV dopo la vaccinazione – professor Ahlenstiel –. In precedenza pensavamo che la risposta immunitaria NK facesse parte del nostro sistema immunitario “innato”, che combatte contro tutti gli antigeni (corpi estranei, come i virus), piuttosto che mirare specificamente a determinati antigeni. Ora abbiamo confermato che le cellule NK negli esseri umani possono acquisire una ‘memoria’ immunologica e mirare specificamente alle cellule infettate da HBV nelle infezioni successive”.

Aggiunge Ahlenstiel: “I vaccini sono stati fondamental,i ma non tutti coloro che sono vaccinati sperimenteranno lo stesso livello di protezione. Una percentuale di essi, circa il 5%, non svilupperà l’immunità contro l’HBV. Ciò significa che possono ancora sviluppare un’infezione, inclusa quella cronica. Senza un trattamento adeguato, l’HBV cronico può portare a gravi complicazioni, tra cui il cancro al fegato e la cirrosi epatica con insufficienza epatica cronica. È fondamentale prevenire tali infezioni dove possibile”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ferie retribuite: la Cassazione conferma il diritto a una retribuzione ordinaria completa di indennità accessorie

Una recente sentenza della Corte di Cassazione, sezione lavoro, ha stabilito che la retribuzione delle…

24/05/2024

ASP Forlivese: selezione per soli titoli per 3 posti di Infermiere

Avviso pubblico di selezione per soli titoli per urgente formazione di un elenco da utilizzare…

24/05/2024

L’Asl Barletta Andria Trani assume Oss a tempo determinato

Manifestazione di interesse per il conferimento di incarichi di lavoro subordinato a tempo determinato con…

24/05/2024

Riparazione delle ossa, peptide promette bene come nuova terapia

Un team di ricercatori della University of Birmingham ha dimostrato che PEPITEM (Peptide Inhibitor of Trans-Endothelial…

24/05/2024

Morti evitabili in aumento negli ospedali italiani

Aumentano le “morti evitabili” dei pazienti presi in cura negli ospedali italiani. A confermarlo è…

24/05/2024

Locri, aggredirono due sanitari in Pronto soccorso: dovranno rispondere di violenza e minacce

Un 42enne e un 24enne accusati di violenza e minacce nei confronti di due sanitari…

24/05/2024