Infermieri

DL Sostegni: stop al vincolo di esclusività per gli infermieri

Approvato dal Consiglio dei Ministri il Decreto Sostegni che sospende il vincolo di esclusività di rapporto per gli infermieri del pubblico impiego

E’ la prima volta nella storia dell’infermieristica italiana che si raggiunge un risultato simile.

Il Decreto ha l’obiettivo di dare una seria accelerata alla campagna vaccinale, consentendo per ora, solo agli infermieri di poter collaborare con enti esterni impegnati nelle vaccinazioni.

Sono circa 270 mila gli infermieri che sono contrattualizzati nel pubblico impiego.

Secondo la Fnopi “se solo un terzo dovesse aderire alla campagna vaccinale campagna vaccinale (ma il numero sarà sicuramente maggiore), ci saranno almeno 90mila vaccinatori in più, in grado, in media, di eseguire 12 vaccinazioni ogni due ore e, quindi, con sole due ore al giorno per cinque giorni a settimana, si potrebbero aggiungere a quelle già programmate, fino a 5,5 milioni di vaccinazioni in più ogni settimana. Disponibilità di vaccini permettendo naturalmente e con le necessarie garanzie e tutele legali per i vaccinatori”. Insomma una vittoria per la Federazione Nazionale degli infermieri.

Noi crediamo invece che gli infermieri italiani, tra i meno pagati d’Europa, saranno in qualche modo portati ad accettare proprio per far crescere i propri salari, rimasti al palo per anni.

Una sospensione temporanea del vincolo che non risolve l’atavica questione della liberalizzazione della professione infermieristica e rafforza il concetto di infermiere “usa e getta”.

Ma veniamo al punto approvato nel Decreto:

e) dopo il comma 464, è aggiunto il seguente: “464-bis. Al fine di accelerare la campagna nazionale di vaccinazione e di assicurare un servizio rapido e capillare nell’attività di profilassi vaccinale della popolazione, al personale infermieristico del Servizio sanitario nazionale che aderisce alla procedura di cui al comma 460 relativa all’attività di somministrazione dei vaccini contro il SARS-CoV-2 al di fuori dell’orario di servizio, non si applicano le incompatibilità di cui all’articolo 4, comma 7, della legge 30 dicembre 1991, n. 412, e all’articolo 53 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m., esclusivamente per lo svolgimento dell’attività vaccinale stessa.”

Ci auguriamo che il vincolo di esclusività venga definitivamente superato.

Redazione Nurse Times

Allegato

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ungheria: migliaia di infermieri in sciopero contro bassi stipendi e carenza di personale

Sono stati migliaia gli infermieri ad essere scesi in piazza in Ungheria, in una gigantesca…

51 minuti ago

Sanità. Prolungati i termini della Legge Madia

Passa al Senato la modifica della Legge Madia: prolungati i termini della stabilizzazione dei precari…

9 ore ago

Studio del cervello: sviluppata una nuova tecnica dall’Università di Firenze

Innovativa tecnica ottica per l’indagine macroscopica ad alta risoluzione. Pubblicazione su Nature Methods a cura…

21 ore ago

CDC: la variante Delta si diffonde con la stessa facilità della varicella e causa disturbi più gravi

La variante Delta del coronavirus, in aumento negli Stati Uniti, sembra causare disturbi più gravi…

21 ore ago

Essere infermieri nell’era post-pandemica: ampliamento degli ambiti di intervento e di attività

Punti di forza e criticità Essere infermieri oggi, nella manifestazione delle diverse funzioni e competenze…

21 ore ago

Rifiutano il tampone, chi sono i no-tamp?

Ad inizio pandemia in molti hanno avuto difficoltà ad abituarsi all'utilizzo quotidiano della mascherina, o…

22 ore ago