Coronavirus, remdesivir riduce rischio di ricovero e morte: lo studio

I risultati sono stati presentati alla Fda per l’uso potenziale del farmaco nelle prime fasi della malattia, anche prima dell’ospedalizzazione.

Sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine i risultati completi di uno studio sperimentale di fase 3 che valuta l’efficacia e la sicurezza di un ciclo di tre giorni di remdesivir per uso endovenoso (IV) per il trattamento del coronavirus in pazienti non ospedalizzati ad alto rischio di progressione della malattia. Gli stessi risultati sono stati presentati alla Food and Drug Administration (Fda) per l’uso potenziale di remdesivir nelle prime fasi della malattia, anche prima del ricovero.

I partecipanti che hanno ricevuto il trattamento con remdesivir nello studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, hanno avuto una riduzione dell’87% del rischio per l’endpoint primario composito di ricovero legato al Covid-19 o di morte per tutte le cause entro il giorno 28, e una riduzione dell’81% del rischio per l’endpoint secondario composito di visite mediche legate al Covid-19 o di morte per tutte le cause entro il giorno 28 rispetto al placebo.

Non è stata osservata alcuna differenza nella carica virale nasofaringea SARS-CoV-2 fino al giorno 7 tra i gruppi, indicando che le cariche virali delle vie respiratorie superiori non predicono in modo affidabile i risultati del trattamento in Covid-19. Nello studio non sono stati osservati decessi in nessuno dei due bracci entro il giorno 28.

Lo studio comprende nuove analisi di sottogruppi, che hanno mostrato un’efficacia coerente di remdesivir per i pazienti indipendentemente dai loro fattori di rischio chiave per il Covid-19 grave. I partecipanti con comorbidità come il diabete, l’obesità e l’ipertensione hanno avuto un rischio ridotto di ospedalizzazione legata al Covid-19 entro il giorno 28 con il trattamento con remdesivir.

Ulteriori analisi di sottogruppo hanno mostrato che tra i partecipanti con cancro, malattia polmonare cronica e malattia cardiovascolare tutti i casi di ricovero legati a Covid-19 si sono verificati nel gruppo placebo. In un’analisi post-hoc dei partecipanti che hanno completato un questionario di base sull’influenza riportato dal paziente (FLU-PRO Plus) in qualsiasi momento prima o il primo giorno di trattamento, quelli che hanno ricevuto remdesivir hanno avuto una probabilità maggiore del 92% di alleviare i sintomi entro il giorno 14 rispetto a quelli che hanno ricevuto il placebo.

“Questi dati forniscono la prova che una terapia di tre giorni di remdesivir potrebbe giocare un ruolo critico nell’aiutare i pazienti Covid a rimanere fuori dall’ospedale – ha detto Robert L. Gottlieb, cardiologo del Baylor University Medical Center e Baylor Scott & White Research Institute, nonché autore primario dell’articolo –. Mentre i nostri ospedali sono pronti ad assistere i pazienti che ne hanno bisogno, la prevenzione e l’intervento precoce sono preferibili per ridurre il rischio di progressione della malattia e consentire ai pazienti che non necessitano di ossigeno di recuperare da casa quando opportuno”.

E ancora: “Il remdesivir è uno degli strumenti su cui gli operatori sanitari di prima linea fanno affidamento per trattare efficacemente i pazienti ospedalizzati con Covid-19 e la terapia antivirale precoce con remdesivir sarebbe un’estensione naturale del continuum di cura che inizia con gli sforzi di prevenzione primaria incentrati sulla vaccinazione. Gli antivirali, come il remdesivir, sono abitualmente somministrati come una combinazione di terapie per aiutare a colpire un virus in più fasi del suo processo di replicazione. Con questo in mente, come ulteriori opzioni di trattamento diventano disponibili, breve corso di terapia IV potrebbe potenzialmente essere un’opzione complementare in impostazioni dove sono disponibili infusioni ambulatoriali”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Asl Foggia, salta la stabilizzazione per 54 infermieri reclutati durante la pandemia: “Una vera beffa”

Agli interessati non sono stati riconosciuti i mesi di lavoro in pronta disponibilità. 64 infermieri…

02/12/2022

Vaccino anti-Covid, Corte Costituzionale: “Legittimo l’obbligo per il personale sanitario”

La Consulta ha sciolto i dubbi sollevati in merito da alcuni uffici giudiziari a seguito…

02/12/2022

Sanità territoriale, Bottega (Nursind): “Per potenziarla davvero bisogna investire sul capitale umano”

Il segretario nazionale del sindacato infermieristico, da noi contattato, interviene nel dibattito sui nuovi presidi…

01/12/2022

Recidive di infezione da Clostridioides difficile, Fda approva farmaco a base di microbiota fecale

Il prodotto, è sviluppato da Ferring Pharmaceutical, si chiama Rebyota ed è destinato a soggetti di…

01/12/2022

Mancano gli infermieri? No problem, all’Asst Sette Laghi arrivano gli oss

L'Azienda ha assunto 64 operatori socio-sanitari in più rispetto allo scorso anno. Per sopperire alla…

01/12/2022

Sanità Calabria, depositato in Senato un emendamento che prevede un’indennità giornaliera aggiuntiva per i sanitari di 118 e pronto soccorso

Corrisponde a un trentesimo della retribuzione mensile lorda in godimento. Per chi è in regime…

01/12/2022