Cittadino

Chemsex: la pericolosa “moda” diffusa tra i giovani inglesi

L’abitudine di assumere droghe per aumentare le performance sessuali può causare gravi danni alla salute.

Si chiama chemsex, ed è l’abitudine di assumere droghe per aumentare le proprie performance sessuali. Una “moda” sempre più diffusa tra i giovani inglesi e, come si può facilmente immaginare, molto pericolosa. A segnalare il problema sulle pagine del British Medical Journal sono stati i medici dell’Nhs Foundation Trust.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


I ragazzi assumono sostanze come mefedrone, ghb, gbl e cristalli di metanfetamina per arrivare a fare sesso per ore e con più partner. Al di là del rischio aumentato di diffusione delle malattie infettive, come l’Hiv o la sifilide, il chemsex può anche provocare danni mentali di grave entità. Mefedrone e cristalli di metanfetamina sono infatti stimolanti che aumentano il battito cardiaco e la pressione sanguigna, ma danno anche euforia e una maggiore eccitazione sessuale. Il ghb produce invece un forte effetto disinibitore, oltre a svolgere una leggera azione anestetica.

I ricercatori inglesi hanno analizzato i dati di uno studio europeo sugli uomini che hanno rapporti omosessuali

. Delle 1.142 risposte raccolte a Londra, un quinto ha riferito di aver praticato il chemsex negli ultimi cinque anni, e un decimo nell’ultimo mese. Molti, però, affermano di aver subito disturbi di grave entità a causa dell’assunzione delle sostanze. Ad esempio mancanza di sonno prolungata, astinenza dal cibo, stati confusionari ed estrema irritabilità. Questo al netto dei rischi maggiori già citati. Fra i soggetti che hanno dichiarato di aver praticato il chemsex, per ogni “sessione” si registrano in media cinque partner diversi.

Redazione Nurse Times

Rimani aggiornato con Nurse Times, seguici su:
Telegram – https://t.me/NurseTimes_Channel
Instagram – https://www.instagram.com/nursetimes.it/
Facebook – https://www.facebook.com/NurseTimes. NT
Twitter – https://twitter.com/NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Vitiligine: nuove prospettive di cura grazie a Ruxolitinib crema

È una malattia cronica autoimmune, molto visibile a causa delle caratteristiche macchie bianche sulla pelle,…

29/05/2024

Malavasi, valorizzare operatori socio sanitari, calendarizzare proposte di legge

"Oggi celebriamo la Giornata nazionale dell'Operatore Socio Sanitario e deve essere l'occasione per ringraziare tutti…

29/05/2024

Digiuno prolungato pre e post-operatorio, presentate le nuove linee guida

Il digiuno prolungato pre-operatorio potrebbe diventare una pratica obsoleta perchè troppe ore senza bere possono risultare dannose…

29/05/2024

Antibiotico-resistenza, i “super batteri” mettono in crisi la medicina moderna

Li chiamano “super batteri”. E ogni anno “uccidono più persone dell’Hiv, della malaria e della…

29/05/2024

Diabete, l’Ema approva la prima insulina settimanale al mondo

Gli italiani affetti da diabete sono circa il 6% della popolazione, cioè quasi 4 milioni…

29/05/2024

IRAS Rovigo: avviso pubblico per l’assunzione di oss

L'IRAS - Centro servizi anziani di Rovigo ha indetto un avviso di selezione pubblica per…

29/05/2024