Cittadino

Vitiligine: nuove prospettive di cura grazie a Ruxolitinib crema

È una malattia cronica autoimmune, molto visibile a causa delle caratteristiche macchie bianche sulla pelle, ma poco conosciuta e spesso svilita a un semplice problema di natura estetica. Si tratta della vitiligine, patologia che colpisce tra lo 0,5% e il 25% della popolazione mondiale con un forte impatto dal punto di vista sociale, psicologico ed emotivo.

In Italia sono circa 330mila le persone affette da questa condizione, che proprio per la sua natura autoimmune si associa spesso ad altre problematiche, come le malattie tiroidee, le malattie infiammatorie croniche intestinali, il diabete mellito e l’alopecia areata. Questa caratteristica, insieme alla progressione imprevedibile e all’assenza, fino a oggi, di trattamenti specifici, rende la vitiligine una patologia impegnativa da trattare.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


La ricerca sembra però avere aperto una nuova prospettiva. Già nel 2023 l’Ema ha approvato a livello europeo Ruxolitinib crema 1,5% nel trattamento della vitiligine non segmentale con coinvolgimento facciale negli adulti e negli adolescenti a partire dai 12 anni di età. È il primo e unico principio attivo che agisce sul meccanismo alla base della malattia, consentendo la repigmentazione della pelle dei pazienti sia sul viso che sul corpo. E proprio ieri, 27 maggio, l’Aifa ne ha approvato la rimborsabilità.

È quanto emerge dal 98esimo Congresso SIDeMaST (Società italiana di dermatologia e malattie sessualmente trasmesse) che si è aperto ieri a Giardini Naxos e proseguirà fino al 31 maggio, presieduto dai proffessori Giuseppe Micali (Catania) e Luca Stingeni (Perugia).

La molecola Ruxolitinib fa parte di una classe di inibitori della Janus chinasi, noti anche come JAK inibitori, già utilizzati con successo in oncologia e in diverse malattie dermatologiche. I risultati degli studi clinici registrativi di fase III (TRuE-V1 e TRuE-V2) in più di 600 persone con vitiligine non segmentale, a partire dai 12 anni, hanno mostrato la sicurezza e l’efficacia di Ruxolitinib crema, rispetto a quella non medicata, nel migliorare significativamente la repigmentazione della cute.

“L’obiettivo primario dello studio – afferma il professor Micali, presidente del Congresso – era la repigmentazione del viso di almeno il 75%, mentre quelli secondari erano la repigmentazione del viso di almeno il 90% e del corpo di almeno il 50%, con soddisfazione del paziente. A sei mesi dall’inizio della terapia questi risultati sono stati raggiunti da una percentuale significativamente superiore nei pazienti che applicavano il farmaco rispetto a quelli trattati con il veicolo (crema non medicata)”.

Aggiunge Micali: “Inoltre la repigmentazione delle lesioni è proseguita fino alla fine del periodo di trattamento di 52 settimane con percentuali più alte sia sul viso che sul corpo nei pazienti trattati in modo continuativo. Nello specifico, dopo un anno di terapia tre pazienti su quattro trattati con il farmaco hanno avuto una repigmentazione di almeno il 50% delle lesioni del viso, uno su due di almeno il 75%, ed uno su tre di almeno il 90%”.

Conclude l’esperto: “Gli studi hanno inoltre dimostrato che Ruxolitinib crema è ben tollerato dai pazienti, non presentando eventi avversi correlati alla classe dei JAK inibitori. L’evento avverso più comune è infatti una reazione acneica sul sito di applicazione del trattamento. La rimborsabilità da parte di Aifa arrivata proprio ieri è una notizia che i pazienti attendevano da tempo”.

Redazione Nurse Times

Articoli correlati

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Il progetto NEXT si rinnova e diventa NEXT 2.0: pubblichiamo i questionari e le vostre tesi

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/questionari

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Avviso pubblico per infermiere presso l’AUSL della Romagna

In attuazione della determinazione del Direttore U.O. Gestione Giuridica Risorse Umane n. 1659 del 03/06/2024…

14/06/2024

Gianluca Chelo, presidente Opi Sassari, eletto consigliere comunale: “Farò sentire la voce degli infermieri”

Gianluca Chelo, 36 anni, presidente di Opi Sassari, è stato eletto in rappresentanza del Pd…

14/06/2024

Asst Crema: concorso per 10 posti da infermiere

L'Asst Crema ha indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, finalizzato alla copertura di…

14/06/2024

Infermiere brutalmente aggredito nel carcere di di Trani: la denuncia di Opi BAT

Con profondo rammarico e preoccupazione l'Ordine degli infermieri della provincia di Barletta-Andria-Trani (Opi BAT) denuncia…

14/06/2024

Trentino Alto Adige, preoccupa la probabile carenza di personale sanitario nelle strutture previste dal Pnrr. In arrivo oss dall’Albania

“La mancanza di personale è il tema che registro nelle visite fatte. Sono preoccupato, ma…

14/06/2024