NT News

“Tumore causato da uso prolungato del cellulare”: lavoratore in pensione ottiene rendita mensile per malattia professionale

La Corte d’Appello di Torino ha confermato la decisione del Tribunale di Aosta, che aveva già condannato l’Inail al pagamento.

Esiste “un’elevata probabilità” che a causare il tumore sia stato il cellulare. Lo ha stabilito una sentenza della Corte d’Appello di Torino, confermando la decisione del Tribunale di Aosta che aveva condannato l’Inail a pagare la rendita per malattia professionale a un lavoratore, ora in pensione, tecnico specializzato della Cogne Acciai Speciali.

Advertisements

L’uomo, 63 anni, tra il 1995 e il 2008 ha usato per motivi di lavoro il telefonino per più di 10mila ore, con una media di due ore e mezza al giorno. Un utilizzo che ha causato un tumore benigno intracranico e una conseguente “sordità sinistra, paresi del nervo facciale, disturbo dell’equilibrio e sindrome depressiva”.

Nel 2020 il Tribunale di Aosta aveva riconosciuto il nesso causale tra l’utilizzo del cellulare e l’insorgenza del neurinoma del nervo acustico, ma l’Inail era ricorsa in appello, chiedendo una nuova consulenza. La Corte aveva nominato come consulente il professor Roberto Albera, ordinario di Otorinolaringoiatra dell’Università di Torino: “Appare ben evidente che al momento l’etiologia del neurinoma dell’acustico non è conosciuta – afferma la consulenza tecnica -, ma che tra i fattori concasuali vi sia l’esposizione a radiofrequenze se la dose espositiva è stata di sufficiente entità”.

L’uomo, che ha ottenuto una rendita mensile di circa 400 euro, è rappresentato dagli avvocati Stefano Bertone, Chiara Ghibaudo e Jacopo Giunta, dello Studio Ambrosio & Commodo. “Si tratta di una sentenza importante scritta da scienziati fra scienziati – spiegano i legali – in cui il ruolo dei giuristi è stato marginale, e che dimostra che le radiofrequenze possono causare un tumore”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Salutequità: “Da Rapporto CREA giunge allarme disuguaglianze”

Il seguente comunicato stampa evidenzia la necessità di mettere in camponuove politiche per l’accesso alle…

31/01/2023

Protocollo Lilt-Fnopi: infermieri al fianco della Lega italiana per la lotta contro i tumori nella lotta al cancro

Previste azioni di comunicazione, prevenzione, formazione specifica per i cittadini e nelle scuole. Il protocollo…

31/01/2023

Padova, espianto di tessuto ovarico in laparoscopia eseguito su giovane paziente oncologica

Per l'assessore alla sanità del Veneto, Manuela Lanzarin, questo intervento "apre una strada importante per…

30/01/2023

Foggia, l’appello di un’oss del Gruppo Telesforo: “Non paragonateci a chi ha maltrattato i pazienti del Don Uva”

Nella lettera inviata alla redazione di Foggia Today un'operatrice socio-sanitaria chiede rispetto per chi svolge…

30/01/2023

Usl Toscana Nord Ovest, graduatoria bloccata per gli oss vincitori del concorso

Lo scorrimento è fermo per consentire la stabilizzazione degli assunti a tempo determinato durante l’emergenza…

30/01/2023

Prato, anziani maltrattati da infermieri e oss nella ex Rsa: Asl Toscana Centro va risarcita

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione a distanza di quasi otto anni dai fatti.…

30/01/2023