Cittadino

Trasfusione piastrine: le regole da seguire

I risultati di un nuovo studio sconsigliano di praticare una trasfusione profilattica di piastrine prima del posizionamento di un catetere venoso centrale.

Uno studio apparso sul New England Journal of Medicine consiglia di non praticare una trasfusione profilattica di piastrine prima del posizionamento di un catetere venoso centrale (CVC). L’indicazione riguarda i pazienti con conta piastrinica da 10.000 a 50.000 per millilitro cubo. La procedura, nonostante comporti un risparmio economico, espone i pazienti a un rischio maggiore di eventi di sanguinamento correlati al CVC.

“La tendenza negli ospedali e nelle linee guida è quella di essere sempre più cauti con le trasfusioni, a causa degli effetti collaterali e del fatto che gli emocomponenti sono scarsi e sempre più costosi”, afferma Alexander Vlaar, dell’UMC di Amsterdam, autore senior dello studio.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


I ricercatori hanno randomizzato pazienti con trombocitopenia grave, in trattamento nel reparto di ematologia o in terapia intensiva, a ricevere una unità di trasfusione piastrinica profilattica o nessuna trasfusione piastrinica prima del posizionamento del CVC sotto guida ecografica.

L’esito primario era il sanguinamento di grado da 2 a 4 correlato al catetere; un risultato secondario chiave era il sanguinamento di grado 3 o 4. Sono stati presi in considerazione 373 episodi di posizionamento del catetere che hanno coinvolto un totale di 338 pazienti.

In nove pazienti su 188 del gruppo trasfusione si è verificato un sanguinamento correlato al catetere di grado da 2 a 4, mentre nel gruppo senza trasfusione lo stesso evento si è registrato in 22 pazienti su 185. A livello percentuale, il confronto è rispettivamente 4,8% contro 11,9%.

I numeri corrispondenti per sanguinamento correlato al catetere di grado 3 o 4 sono stati di quattro pazienti su 188 (2,1%) e nove su 185 (4,9%), rispettivamente. Sono stati osservati un totale di 15 eventi avversi; 13 di questi (4 nel gruppo con e 9 nel gruppo senza trasfusione) sono stati classificati come gravi.
Il risparmio netto derivante dalla sospensione della trasfusione profilattica di piastrine prima del posizionamento del CVC è stato di 410 dollari per ogni posizionamento di catetere.

“Dobbiamo rimanere critici su questo punto e, come medici, continuare a chiederci quale rischio consideriamo accettabile nella riduzione dei costi – concludono gli autori -. In questo studio abbiamo dimostrato che dobbiamo somministrare una trasfusione in media 14 volte per prevenire il sanguinamento una volta; quindi dobbiamo chiederci quanto vale la prevenzione del sanguinamento. Questa è davvero una considerazione che dovrà essere fatta per ogni singolo caso”.

Redazione Nurse Times

Fonte: NEJM

Rimani aggiornato con Nurse Times, seguici su:
Telegram – https://t.me/NurseTimes_Channel
Instagram – https://www.instagram.com/nursetimes.it/
Facebook – https://www.facebook.com/NurseTimes. NT
Twitter – https://twitter.com/NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ago da insulina nel polmone: a Perugia 7 medici a processo per la morte di un paziente

Doveva sottoporsi a un intervento al naso. Un intervento apparentemente banale, ma durante la procedura…

19/04/2024

Monza, al via un corso di autodifesa per 120 infermieri

Un corso di difesa personale per infermieri. Lo promuove la questura di Monza e della Brianza, che in precedenza…

19/04/2024

Nola (Napoli), devasta il Pronto soccorso con una spranga di ferro: feriti un infermiere e due guardie giurate

Notte di caos e paura all'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola (Napoli), dove il parente…

19/04/2024

Gimbe: infermieri pochi con stipendi da fame, medici tanti, tra i più anziani in Europa

Allarme anzianità e stipendi: la crisi silenziosa dei medici e infermieri italiani Exposanità Bologna. Si…

19/04/2024

Fine vita, il Governo ricorre al Tar contro l’Emilia-Romagna: chiesto l’annullamento delle delibere di Giunta

La polemica sul fine vita, con le regole operative che la Regione Emilia-Romagna si è…

19/04/2024

Giornata mondiale del fegato, AISF: “Il 90% delle malattie epatiche croniche sarebbero prevenibili”. Il decalogo dei comportamenti virtuosi

Il 19 aprile, come ogni anno, si celebra la Giornata mondiale del fegato, un’iniziativa delle…

19/04/2024