Infermieri

Tar annulla bando concorso infermieri Asl Caserta: andava attivata prima la mobilità

Daniela Balzano e Lorenzo Antelmi, infermieri, trionfano contro l’Asl di Caserta, dimostrando l’importanza della mobilità prioritaria, risarciti dopo 4 anni

Il Tribunale amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha annullato il bando di concorso pubblico per l’assunzione di 100 infermieri, pubblicato dall’Asl di Caserta il 27 maggio 2020. La sentenza arriva quasi 4 anni dopo la pubblicazione del bando.

La decisione è stata presa in seguito a un ricorso presentato da due dipendenti, Daniela Balzano e Lorenzo Antelmi, che già lavoravano come infermieri in aziende del settore sanitario pubblico. Essi hanno impugnato il bando sostenendo che l’Asl di Caserta avrebbe dovuto attivare prima le procedure di mobilità, dando priorità ai dipendenti provenienti da altre amministrazioni nella stessa area funzionale che facessero domanda di trasferimento nei ruoli dell’Asl.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


I ricorrenti – già dipendenti a tempo indeterminato con il profilo di infermieri – in aziende del comparto sanitario pubblico sia del Centro che del Nord, hanno impugnato il bando presentando una serie di censure e il Tar della Campania ha dato loro ragione perché “le amministrazioni, prima di procedere all’espletamento di procedure concorsuali, finalizzate alla copertura di posti vacanti in organico, devono attivare le procedure di mobilità provvedendo, in via prioritaria, all’immissione in ruolo dei dipendenti, provenienti da altre amministrazioni, in posizione di comando o di fuori ruolo, appartenenti alla stessa area funzionale, che facciano domanda di trasferimento nei ruoli delle amministrazioni in cui prestano servizio”.

Il giudice quindi ha dato ragione ai ricorrenti, sostenendo che prima di procedere a nuove assunzioni, l’Asl avrebbe dovuto verificare se ci fosse interesse da parte di altri dipendenti pubblici di trasferirsi.

L’ultima mobilità era avvenuta 5 anni prima, il che rendeva necessaria una nuova verifica delle esigenze di personale.

La sentenza non ha accettato la richiesta dei ricorrenti di essere risarciti per il danno subito, poiché tale richiesta era stata presentata in modo generico e privo di allegazioni probatorie. L’avvocato Massimiliano Sciascia, che ha difeso l’Asl di Caserta, ha affermato che la sentenza non avrà conseguenze negative per l’Asl, poiché era già in corso una nuova programmazione triennale per il periodo 2019-2021.

Redazione Nurse Times

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Il progetto NEXT si rinnova e diventa NEXT 2.0: pubblichiamo i questionari e le vostre tesi

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/questionari

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

CCNL: Parere Aran per la compensazione del lavoro nei giorni festivi infrasettimanali

Nuove linee guida per la compensazione del lavoro nei giorni festivi infrasettimanale: una scelta chiara…

16/04/2024

Presenza di DAE obbligatoria a bordo campo: AIES lancia l’allarme dopo la morte di Mattia Giani

AIES: "Non più rinviabile la presenza OBBLIGATORIA di DAE a bordo campo e di personale…

16/04/2024

Nuove regole sugli orari di lavoro dei medici: cosa ne pensano gli interessati?

"Se un medico lavora diverse ore in più al mese e poi deve stare a…

16/04/2024

Reggio Emilia, nuova aggressione: donna tira i capelli a un’infermiera

La segnalazione di un nuovo episodio di violenza ai danni del personale sanitario arriva dall'ospedale…

16/04/2024

Tragedia al Cardarelli di Napoli: infermiera muore durante turno di lavoro

Napoli. Una tragedia ha colpito il reparto di Terza Medicina dell’ospedale Cardarelli. La 64enne infermiera…

16/04/2024

Lo sfogo di un infermiere: “Niente stabilizzazione per me. Asp Ragusa dice che il personale è al completo”

Di seguito la lettera di "un infermiere arrabbiato" (si firma così). Ciao, mi presento: sono…

16/04/2024