NT News

Prato, anziani maltrattati da infermieri e oss nella ex Rsa: Asl Toscana Centro va risarcita

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione a distanza di quasi otto anni dai fatti.

L’Asl Toscana Centro va considerata parte offesa e, come tale, ha diritto a un giusto risarcimento per il danno di immagine subito. Così ha deciso la Corte di Cassazione, a distanza di quasi otto anni dai fatti, in merito alla vicenda degli infermieri e degli oss accusati di maltrattamenti ai danni degli anziani ospiti della ex Rsa di Narnali (frazione di Prato), mettendo fine alla contrapposizione tra l’Azienda sanitaria e i giudici di Appello, che ne avevano rigettato la richiesta di costituzione di parte civile

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Nell’inchiesta risultavano indagati 17 dipendenti, 13 dei quali hanno definito la loro posizione con patteggiamenti e riti abbreviati. Altre quattro posizioni sono state discusse in dibattimento e il processo si è chiuso per tutti con l’assoluzione. Era rimasta ancora in sospeso la posizione dell’Asl, che in quel processo figurava al contempo come responsabile civile e parte offesa.

A far partire le indagini furono le denunce di alcuni famigliari degli ospiti della casa di riposo, che avevano notato i lividi sulle braccia e sulle gambe dei propri cari, mettendoli in relazione ai modi bruschi di alcuni infermieri e oss. Bastarono pochi mesi di riprese, effettuate dalle telecamere che gli inquirenti avevano piazzato all’interno della struttura, per rendersi conto del supplizio a cui gli anziani ospiti erano sottoposti quasi quotidianamente.

I giudici di Appello avevano stabilito che l’Asl non potesse considerarsi parte civile in quanto si trattava di reati “comuni” (non attinenti alla sfera dei pubblici ufficiali), e che quel tipo di profilo doveva essere discusso, al limite, dalla Corte dei Conti. Ma l’Azienda è andata fino in fondo, ricorrendo in Cassazione e ottenendo una sentenza che le riconosce un danno di immagine, con conseguente risarcimento.

Anche perché, subito dopo le misure restrittive, molti lavoratori della Rsa furono sospesi o allontananti dal servizio e l’ente fu costretta ad affidare la gestione della struttura, fino a quel momento operata dal consorzio Astir, a un altro ente, la Misericordia. La Suprema Corte ha quindi rinviato la decisione ai giudici di Appello, che ora dovranno quantificare il danno.

Redazione Nurse Times

Rimani aggiornato con Nurse Times, seguici su:
Telegram – https://t.me/NurseTimes_Channel
Instagram – https://www.instagram.com/nursetimes.it/
Facebook – https://www.facebook.com/NurseTimes.NT
Twitter – https://twitter.com/NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Sostituzione via catetere della valvola tricuspide: al Monzino il primo intervento in Italia

La valvola tricuspide può essere sostituita con una protesi senza aprire il torace. È quanto avvenuto al Centro…

20/02/2024

GEN Biotechnology: la rivista open access sul settore biotecnologico

GEN Biotechnology è una rivista open access dedicata alla ricerca e allo sviluppo del settore…

20/02/2024

Neuralink annuncia i primi risultati: controllo del mouse con il pensiero

Sono trascorse poche settimane da quando Neuralink, l'azienda di Elon Musk che si occupa di…

20/02/2024

Giornata nazionale del personale sanitario, Nursind: “Ricordarne il sacrificio investendo nel Ssn”

“Il diritto alla salute non avrebbe gambe solide su cui camminare senza personale sanitario, a…

20/02/2024

Elicio Therapeutics sviluppa promettente vaccino terapeutico contro il cancro

Elicio Therapeutics, una spin-out del MIT, ha recentemente sviluppato un nuovo vaccino contro il cancro…

20/02/2024

Scandalo false lauree in Romania: diventavano infermieri senza frequenza e tirocinio

Un'indagine svela un intricato sistema di falsificazioni che ha permesso a cittadini italiani di ottenere…

20/02/2024