Notizie primo piano

Operazione “Ghost Wine”, Nas Roma sequestrano 30mila litri di vino sofisticato

I titolari delle attività illecite sono anche ritenuti responsabili di aver prodotto e posto in commercio bottiglie con false denominazioni di origine.

Nell’ambito dell’operazione denominata “Ghost Wine” i carabinieri del Nas di Roma e l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi (ICQRF) di Roma, con la collaborazione di militari dell’Arma Territoriale, nell’ambito di una attività di indagine sulla produzione e commercializzazione di vini DOP/IGP sofisticati, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli (sostituto procuratore Giuseppe Mimmo), hanno dato corso a un decreto di perquisizione locale e personale a carico di cantine vinicole “fantasma”, abitazioni e pertinenze in uso alle cinque persone indagate, alla ricerca di partite di vino sofisticato e/o attrezzature e mezzi idonei alla sofisticazione, quali zuccheri esogeni, acidi e aromi, provvedendo al sequestro di uno stabilimento vinicolo non censito.

L’indagine scaturisce dai risultati di analisi chimiche su campioni di vini DOP/IGP detenuti all’interno di uno stabilimento enologico in provincia di Roma da parte del laboratorio ICQRF di Perugia, che hanno evidenziato la presenza di acqua e zuccheri non naturali dell’uva. Le investigazioni permettevano di accertare come per la truffaldina attività i soggetti indagati si avvalevano di compiacenti forniture di vino “comune” da tavola da altre cantine che cedevano tali prodotti anche

“in nero”. I quantitativi di vini e prodotti rinvenuti durante le operazioni di perquisizione facevano emergere un’incongruità tra i quantitativi di vini acquistati e quelli detenuti e rivenduti, nonché un’illecita utilizzazione di denominazioni di origine DOP/IGP laziali e di altre regioni italiane.

Complessivamente sono stati sequestrati oltre 30mila litri di prodotto vinoso, circa 60 litri di vari aromi sintetici, caramello e altre sostanze utili alla successiva sofisticazione di almeno mille litri, attrezzature varie e vasi vinari utilizzati per la sofisticazione dei vini. Il tutto per un valore superiore ai 200mila euro. I titolari delle attività illecite sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli poiché ritenuti responsabili di aver prodotto e posto in commercio vini sofisticati e con false denominazioni di origine.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Covid-19: oltre 115.000 infermieri, medici e operatori sanitari deceduti negli ultimi 17 mesi

Con la conclusione della pandemia che sembra essere ancora lontana in molte parti del mondo…

23/10/2021

Ciak, si cura: il lato umano della pandemia svelato dal film “Io resto”

Quattro chiacchiere col regista Michele Aiello, che ha portato sul grande schermo le emozioni di…

22/10/2021

Arezzo: debutta l’infermiere di famiglia per addestrare il caregiver alla cura

Arezzo, 20 ottobre 2021 - Dal 1 settembre 2021 è iniziato con regolarità il servizio…

22/10/2021

Procreazione assistita: l’età del padre influisce sul successo dei trattamenti?

Secondo un recente studio, ciò accade solo se anche l'età della donna è avanzata. L'età…

22/10/2021

Catania, rilasciavano certificati di esenzione dal vaccino anti-Covid: denunciati 4 medici non autorizzati

Le indagini delk Nas hanno svelato una non corretta applicazione delle procedure finalizzate al rilascio…

22/10/2021

Bergamo, ferie vietate fino al 31 dicembre: che beffa per il personale sanitario in prima linea contro il Covid

La direzione dell’Asst ha chiesto anche una sospensione per l'attività libero-professionale svolta dai medici. Nessun…

22/10/2021