Specializzazioni

Infermieri: nasce il percorso Fast-Track nella ASL BAT, la prima in Puglia

Dopo una elaborata fase di studio, identificazione criticità e confronto tra i diversi professionisti della salute esperti di emergenza/urgenza e di management strategico aziendale, è stato redatto nella ASL BT un protocollo operativo in grado di enfatizzare sia le le nuove Linee di Indirizzo Nazionali (Codici Triage), che la disciplina della gestione del cronico sovraffollamento dei pazienti che afferiscono al Pronto Soccorso: il fast-track.

È la prima ASL della Puglia ad adottare tale metodica.

Il sovraffollamento e i lunghi tempi di attesa sono tra i problemi che affliggono cronicamente i Dipartimenti di Emergenza. Per cercare di arginare il problema delle lunghe attese nei pronto soccorso, e conciliare i criteri di efficacia ed efficienza, pur in carenza di risorse, è decollato un sistema validato di percorso strutturato per gli utenti che afferiscono alle suddette realtà assistenziali. 

Advertisements

Il protagonista sanitario che avrà l’arduo compito di realizzare il processo “fast track” sarà l’infermiere.

Nulla a discapito dell’assistenza da erogare e ottimizzando la risorsa professionale infermieristica, non che le competenze e le sue avanzate conoscenze tecnico-scientifiche.

Il fast track nella sostanza rappresenta un percorso rapido, efficiente  e dal punto di vista manageriale eccellente a gestione infermieristica.

Il percorso si snoda attraverso l’accettazione di pazienti con problematica ostetrico-ginecologica, ortopedica, oculistica, pediatrica, otorinolaringoiatrica secondo una matrice di oggettiva inclusione o esclusione dei pazienti stessi.

Uno studio americano ha evidenziato come l’implementazione di una corsia preferenziale è associata ad una riduzione dei soggiorni di durata ≥4 ore senza una riduzione del blocco di accesso (VEDI).

Di seguito, in allegato, il protocollo nel dettaglio.

CALABRESE MICHELE

Allegato

Michele Calabrese

Infermiere Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, docente a corsi di formazione rivolti a personale sanitario e laico, in regime residenziale e non. Responsabile Scientifico, Moderatore e/o Relatore ad eventi, seminari e congressi. Infermiere presso UOC Angiografia e Radiologia Interventistica P.O. "L. Bonomo" Andria (BT); già Infermiere MeCAU (Medicina e Chirurgia Emergenza ed Urgenza/Accettazione) ed Emergenza Territoriale P.T.S. 118 "Basilicata Soccorso", postazione INDIA 28. Consigliere Ordine Professioni Infermieristiche BAT (OPI BAT) e già Revisore dei Conti medesimo Ente; componente di Commissioni esterne Ordine delle Professioni Infermieristiche Barletta-Andria-Trani (O.P.I. BAT). Responsabile Commissione Formazione OPI BT. Presidente Società Scientifica della Associazione Provinciale C.N.A.I. BAT (Consociazione Nazionale Associazioni Infermiere/i della BAT). Formatore O.S.S. ai sensi del DLgsR Puglia. Docente a contratto.

Leave a Comment
Share
Published by
Michele Calabrese

Recent Posts

Congresso Nazionale Fials: il sindacato lancia il movimento “Mai più Solo Eroi”

Carbone: Riempiremo le piazze devolvendo l’1% della quota di iscrizione per rimborsare i professionisti nelle…

16/05/2022

Tesi di laurea sull’assistenza infermieristica al paziente con delirium prima e durante la pandemia da COVID-19

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

16/05/2022

PSA (Antigene Prostatico Specifico) alto nel sangue: cos’è e come interpretare gli esami

Il test (o dosaggio) del PSA (Antigene Prostatico Specifico) è prescritto agli uomini per scoprire…

16/05/2022

Orbassano, scoperta nuova variante dell’emoglobina

L'identificazione è avvenuta grazie alla collaborazione tra il Centro Microcitemie e il Laboratorio analisi cliniche…

16/05/2022

Parkinson, intervento all’avanguardia di stimolazione cerebrale profonda eseguito al Policlinico Gemelli

Neuronavigatore, stimolatore innovativo, elettrocateteri direzionali, software per la verifica del posizionamento degli elettrodi: le strumentazioni…

16/05/2022

Linfomi non-Hodgkin, studio rivela efficacia di nuovo farmaco orale

Si chiama Zanubrutinib e ha prodotto ottimi risultati soprattutto nei pazienti con linfoma della zona marginale:…

16/05/2022