Infermieri

Infermieri di famiglia subalterni ai medici in Lombardia. Dov’è l’autonomia annunciata dalla FNOPI?

Infermiere di famiglia e comunità (IFEC) relegati a meri esecutori nella delibera approvata dalla regione Lombardia

Nella Position Paper della Fnopi (vedi allegato) l’infermiere di famiglia “agisce in autonomia professionale, afferendo ai servizi infermieristici del Distretto di riferimento, in stretto raccordo con i servizi sanitari e sociali e con gli altri professionisti del Servizio Sanitario Nazionale”.

Un’autonomia rimasta sulla carta e che viene disattesa anche dalla delibera appena approvata dalla regione Lombardia (in allegato). Nel documento approvato l’infermiere di famiglia diventa figura subalterna dei medici. Un arretramento professionale considerevole, con la FNOPI incapace di esercitare il proprio potere di rappresentanza della categoria infermieristica.

Nella delibera a pag. 6, punto 3 “Area delle cure primarie e della continuità assistenziale” si legge “….In questa area sono presenti anche i servizi infermieristici di supporto al MMG”.

Difatti la gestione a prevalenza infermieristica riportata in premessa resta solo una mera premessa. A pag. 10 “Per l’area delle cure primarie” è prevista “un’area dedicata agli infermieri di famiglia e comunità, che eroga servizi infermieristici di supporto al MMG”.

Tra l’altro non sono definiti gli standard di dotazione di infermieri di famiglia e comunità. Il riferimento resta 8/50.000 abitanti DL 34/20.

Nel documento ha previsto i “Modelli e standard per lo sviluppo dell’Assistenza Territoriale nel Sistema Sanitario Nazionale”, sviluppando delle prime indicazioni in merito ai servizi standard da prevedere in CDC definite “hub”

(ossia Case di Comunità che hanno una funzione di riferimento territoriale con ampia dotazione di servizi) e “spoke” (Case di Comunità di minore dimensione e collegata alle case hub, e con servizi di base), come riportato nella tabella seguente.

Calpestate, ancora una volta, le prerogative professionali degli Infermieri anche da un’intesa prodotta in seno alla conferenza Stato Regioni (vedi articolo nursetimes.org) e riguardante “Proposta di requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l’autorizzazione all’esercizio e requisiti ulteriori per l’accreditamento delle cure domiciliari, in attuazione dell’articolo 1, comma 406, della legge 30 dicembre 2020, n. 178”.

La presidente Mangiacavalli e la sua squadra di governo dovrebbero dimettersi.

Redazione Nurse Times

Allegato

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Evento ECM OPI BT e CNAI BT:

LA CULTURA DEI VACCINI:  COSA ABBIAMO IMPARATO DAL COVID 19 Si terrà il prossimo 23…

18/10/2021

Anche in guerra attaccare un ospedale o sparare su un infermiere è un crimine

I fatti di sabato 09/10/2021 e il barbaro attacco al pronto soccorso dell'ospedale Romano "Policlinico…

18/10/2021

Infarto, aria inquinata aumenta il rischio

Uno studio condotto da ricercatori della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS ha evidenziato un’associazione…

18/10/2021

Tumore al polmone: nuovi test per valutazione simultanea di alterazioni genetiche

Si chiamano Ngs (Next Generation Sequencing) e possono migliorare l'aspettativa di vita dei pazienti. Scoprire…

18/10/2021

Coronavirus, proposta Federfarma: “Tampone gratis a chi prenota vaccino”

L'invito alle farmacie rappresenta un "ulteriore incoraggiamento a immunizzarsi contro il Covid". Federfarma ha invitato…

18/10/2021

Infermiere di famiglia, Costa promette: “Sarà figura di riferimento”

Il sottosegretario alla Salute annuncia la volontà di allineare l’offerta formativa al fabbisogno di professionisti.…

18/10/2021