NT News

In Gran Bretagna il più grande sciopero degli infermieri

Migliaia di infermieri e operatori dei servizi sanitari di emergenza incroceranno le braccia il 10 febbraio per chiedere un aumento di stipendio.

Si prevede la partecipazione di equipaggi di ambulanze provenienti da città come Londra e dallo Yorkshire. Lo sciopero, che durerà sei giorni e inizierà venerdì della prossima settimana, ha anche lo scopo di convincere il Governo a rivedere gli stipendi dei lavoratori per evitare ulteriori manifestazioni, come spiegato dal sindacato Unison, uno dei più grandi del Regno Unito.

La protesta sindacale degli infermieri riguarda principalmente l’Inghilterra, in quanto è stata sospesa quella in Galles, mentre ci sono trattative in corso. Altre agitazioni di infermieri e addetti alle ambulanze sono previste in alcune parti dell’Inghilterra nei prossimi giorni. 

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


“Personale più sicuro salva vite”. “Cosa chiediamo? Personale sicuro. Quando lo vogliamo? Ora”. Sono tra gli slogan intonati da un gruppo di infermieri che manifestano fuori dall’ospedale St Thomas di Londra, solo uno di una lunga serie di scioperi nel servizio di sanità pubblica in programma nel Regno Unito per reclamare salari migliori per lottare contro il caro vita nel Paese.

Sugli striscioni le scritte: “É tempo di pagare equalmente il personale infermieristico”, “I pazienti sono malati, noi siamo stanchi”. Inevitabili i disagi per i pazienti, mentre il Servizio sanitario nazionale, l’Nhs

, ha esortato il pubblico a utilizzare i servizi di emergenza solo se strettamente necessario, quindi per chi è in pericolo di vita.

I vertici sanitari sono “particolarmente preoccupati” per le persone che, bisognose di cure d’urgenza, non si rivolgeranno agli ospedali, temendo di non essere assistite. Anche il Governo ha ammesso quanto la situazione sia difficile. “Nonostante le misure di emergenza messe in atto – ha avvertito il ministro della Sanità, Steve Barclay -, gli scioperi guidati dai sindacati delle ambulanze e degli infermieri comporteranno inevitabilmente ulteriori ritardi per i pazienti, che stanno già affrontando attese più lunghe a causa dei ritardi nelle cure accumulati a causa del Covid”.

Redazione NurseTimes

Rimani aggiornato con Nurse Times, seguici su:
Telegram – https://t.me/NurseTimes_Channel
Instagram – https://www.instagram.com/nursetimes.it/
Facebook – https://www.facebook.com/NurseTimes.NT
Twitter – https://twitter.com/NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Giornata nazionale dell’Oss. Sorrentino (Migep): “un ringraziamento speciale a tutti gli operatori socio sanitari”

La “giornata nazionale dell’Oss” si conclude con un ringraziamento speciale a tutti gli operatori socio…

30/05/2024

Nursing Up: “Malattie professionali in pericoloso aumento. Soprattutto tra gli infermieri”

Nel seguente comunicato stampa le riflessioni di Antonio De Palma, presidente nazionale Nursing Up. La…

30/05/2024

“La busta paga”: successo per il corso organizzato da Fials Milano

Il 24 maggio scorso l’Asst Grande Ospedale Metropolitano Niguarda ha ospitato il corso residenziale “La…

30/05/2024

Caso Bonino, di nuovo condannata all’ergastolo l’infermiera di Piombino

Condannata in primo grado a Livorno per omicidio, poi assolta e quindi nuovamente condannata nel…

30/05/2024

Infermiere sospeso da Asst Pavia per aver vaccinato la moglie in pensione durante open day riservato: il giudice lo assolve

Il giudice del lavoro del Tribunale di Pavia ha annullato, ritenendola illegittima, la sanzione disciplinare…

30/05/2024

Sondaggio Fials Milano: “Forte malcontento tra gli oss”

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa di Fials Milano. Fials Milano, attraverso un recente sondaggio,…

30/05/2024