NT News

In Gran Bretagna il più grande sciopero degli infermieri

Migliaia di infermieri e operatori dei servizi sanitari di emergenza incroceranno le braccia il 10 febbraio per chiedere un aumento di stipendio.

Si prevede la partecipazione di equipaggi di ambulanze provenienti da città come Londra e dallo Yorkshire. Lo sciopero, che durerà sei giorni e inizierà venerdì della prossima settimana, ha anche lo scopo di convincere il Governo a rivedere gli stipendi dei lavoratori per evitare ulteriori manifestazioni, come spiegato dal sindacato Unison, uno dei più grandi del Regno Unito.

La protesta sindacale degli infermieri riguarda principalmente l’Inghilterra, in quanto è stata sospesa quella in Galles, mentre ci sono trattative in corso. Altre agitazioni di infermieri e addetti alle ambulanze sono previste in alcune parti dell’Inghilterra nei prossimi giorni. 

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


“Personale più sicuro salva vite”. “Cosa chiediamo? Personale sicuro. Quando lo vogliamo? Ora”. Sono tra gli slogan intonati da un gruppo di infermieri che manifestano fuori dall’ospedale St Thomas di Londra, solo uno di una lunga serie di scioperi nel servizio di sanità pubblica in programma nel Regno Unito per reclamare salari migliori per lottare contro il caro vita nel Paese.

Sugli striscioni le scritte: “É tempo di pagare equalmente il personale infermieristico”, “I pazienti sono malati, noi siamo stanchi”. Inevitabili i disagi per i pazienti, mentre il Servizio sanitario nazionale, l’Nhs

, ha esortato il pubblico a utilizzare i servizi di emergenza solo se strettamente necessario, quindi per chi è in pericolo di vita.

I vertici sanitari sono “particolarmente preoccupati” per le persone che, bisognose di cure d’urgenza, non si rivolgeranno agli ospedali, temendo di non essere assistite. Anche il Governo ha ammesso quanto la situazione sia difficile. “Nonostante le misure di emergenza messe in atto – ha avvertito il ministro della Sanità, Steve Barclay -, gli scioperi guidati dai sindacati delle ambulanze e degli infermieri comporteranno inevitabilmente ulteriori ritardi per i pazienti, che stanno già affrontando attese più lunghe a causa dei ritardi nelle cure accumulati a causa del Covid”.

Redazione NurseTimes

Rimani aggiornato con Nurse Times, seguici su:
Telegram – https://t.me/NurseTimes_Channel
Instagram – https://www.instagram.com/nursetimes.it/
Facebook – https://www.facebook.com/NurseTimes.NT
Twitter – https://twitter.com/NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Cure palliative: in Italia solo 8 hospice pediatrici

In Italia esistono solo otto hospice pediatrici funzionanti per le cure palliative ai bambini affetti…

22/02/2024

Nursing Up invita il Ministro Schillaci a scendere sul campo per affrontare la grave crisi di infermieri

Salute, Nursing Up De Palma: «Carenza infermieri, secondo le recenti uscite del Ministro Schillaci ne…

22/02/2024

Lite in ospedale tra primario e infermiere: intervengono i carabinieri

Come se non bastassero le aggrassioni di pazienti e caregiver ai danni del personale sanitario,…

22/02/2024

Pensionato trovato morto in una pozza di sangue al Monoblocco di Carrara: 9 indagati tra medici e infermieri

Lido Rossi, un pensionato di 84 anni, è stato trovato senza vita la sera del…

22/02/2024

Centro Residenziale “Matteo Remaggi” di Cascina (Pisa): avviso di selezione per oss

Il Centro Residenziale "Matteo Remaggi" di Cascina (Pisa) ha indetto una procedura selettiva pubblica per…

22/02/2024

Lettera aperta al ministro Schillaci: “Si valorizzi la figura dell’oss”

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta firmata dagli operatori socio-sanitari Marianna Casella, Maria Luisa Busco,…

22/02/2024