Tesi di Laurea - NeXT

Il dott. D’Orsi presenta la tesi infermieristica su “Flebite chimica amiodarone correlata: prevenzione e gestione infermieristica degli accessi venosi”

Continua il progetto editoriale targato NurseTimes che sta riscuotendo grande interesse tra i nostri lettori.

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano divenuto punto di riferimento per tutte le professioni sanitarie

Il nostro progetto editoriale denominato NeXT permette ai neolaureati in medicina, infermieristica e a tutti i professionisti della sanità di poter pubblicare la propria tesi di laurea sul nostro portale. Inviateci la vostra tesi di laurea a redazione@nursetimes.org

Ogni pubblicazione su NurseTimes è spendibile nei concorsi e avvisi pubblici.

Il dott. Lorenzo D’Orsi si è laureato presso l’Università “La Sapienza” di Roma.

Advertisements

Gentile direttore,

il mio lavoro di tesi in questione è di natura statistico sperimentale, con un lavoro di 6 mesi di raccolta dati nel reparto di terapia intensiva cardiologica dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina.

Abstract

Introduzione

L’Amiodarone è un agente antiaritmico comunemente utilizzato in terapia intensiva per controllare le aritmie sopraventricolari, ventricolari, inclusa la fibrillazione atriale. Sebbene si raccomandi l’utilizzo di un catetere venoso centrale per attenuare l’incidenza da flebite, in condizioni di emergenza può essere tecnicamente difficile reperirlo, pertanto, l’infusione periferica rappresenta la via di somministrazione più rapida. La flebite è principalmente una reazione localizzata, correlata alle proprietà dello stesso amiodarone, che può evolvere in infiammazione sistemica con febbre e gravi alterazioni emodinamiche prolungando la durata dell’ospedalizzazione.

Razionale/obiettivo

Con questa tesi ho voluto indagare nello specifico le conseguenze dell’utilizzo dell’amiodarone nel reparto di terapia intensiva cardiologica rispetto alla comparsa di flebiti chimiche a seguito della somministrazione in situazioni di urgenza tramite catetere venoso periferico.

Materiali e metodi

Lo studio è stato condotto nell’unità di terapia intensiva cardiologica dell’ospedale santa Maria Goretti di Latina dove un gran numero di pazienti con aritmie viene trattato con amiodarone. Sono stati analizzati gli effetti della somministrazione periferica di tale farmaco su 18 pazienti da maggio a ottobre 2022. La tabella riassume il periodo di somministrazione di amiodarone la tipologia di accesso utilizzato e indica quando e se si è sviluppata la flebite.

Risultati

L’incidenza della flebite è stata del 60% incontestabilmente negli individui con accesso venoso periferico, valore influenzato dal tipo di linea infusionale. Difatti nel tentativo di prevenire questa complicanza è stato utilizzato, in un ristretto gruppo di pazienti, un accesso venoso a cannula lunga tipo “Powerglide”, nel contempo i pazienti a cui è stato posizionato un CVC indubbiamente non hanno sviluppato questa complicanza.

Conclusioni

L’attuale studio ha cercato di dimostrare che l’incidenza di flebite da amiodarone attraverso  somministrazione endovenosa periferica utilizzando un dispositivo a cannula lunga tipo “Powerglide” inserito in una vena di grosso calibro è minore se non assente rispetto all’impiego di un classico accesso venoso periferico ; un impiego momentaneo di questo tipo d’accesso  permetterebbe di evitare  un danno al paziente ma anche  di prolungare la durata dell’ospedalizzazione , con conseguente riduzione della spesa sanitaria. L’impiego quindi momentaneo di un catetere venoso periferico a cannula lunga permetterebbe di far fronte a questa problematica.  Indubbiamente sarà necessario nelle successive ore provvedere con gli specialisti all’impianto di un accesso venoso centrale tipo PICC o Midline per poter infondere in totale sicurezza questo farmaco.

Dott. Lorenzo D’Orsi

Allegato

Tesi “Flebite chimica amiodarone correlata: prevenzione e gestione infermieristica degli accessi venosi”

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Prato, anziani maltrattati da infermieri e oss nella ex Rsa: Asl Toscana Centro va risarcita

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione a distanza di quasi otto anni dai fatti.…

30/01/2023

Asst Ovest Milanese, infermieri pronti allo stato di agitazione: “Ritmi di lavoro insostenibili”

I sindacati chiedono all'Azienda sanitaria un tavolo di confronto per discutere delle diverse criticità con…

30/01/2023

Prato, usava permessi della Legge 104 per visite private: medico condannato

Oggi in pensione, ma precedentemente in servizio nei reparti di Ginecologia e ostetricia del Misericordia…

30/01/2023

Sostenere e promuovere le competenze morali ed etiche degli infermieri: il progetto PROMOCON

Quali sono le competenze morali della professione infermieristica a livello internazionale? Sono sufficienti le conoscenze…

30/01/2023

Insulti social a Liliana Segre: due medici e un’infermiera tra i 20 denunciati

Tra ottobre e dicembre 2022 la senatrice 92enne Liliana Segre, superstite dell'olocausto e testimone attiva…

30/01/2023

Avellino, due infermieri e un medico presi a calci e schiaffi in Pronto soccorso. La condanna del Nursind

E' accaduto all'ospedale Moscati. Protagonista, una paziente in stato di ebbrezza. Il sindacato sollecita l'adozione…

30/01/2023