Cittadino

Hiv: al San Raffaele si testa un vaccino

Le terapie antiretrovirali disponibili sono efficaci e garantiscono un’ottima qualità di vita alle persone che vivono con infezione da Hiv, ma un vaccino che possa controllare l’infezione non è ancora disponibile.
È per questo che i team di ricerca Evoluzione e Trasmissione Virale, diretto dalla dottoressa Gabriella Scarlatti, e quello dell’Unità di Malattie infettive, diretta dalla professoressa Antonella Castagna, entrambe dell’Irccs Ospedale San Raffaele, hanno avviato uno studio clinico di fase I randomizzato controllato, rivolto a persone che vivono con Hiv.

L’obiettivo è testare il profilo di sicurezza e il livello di risposta immune di un nuovo vaccino, chiamato HIVconsvX, a potenziale scopo terapeutico. Il vaccino è fornito dal professor Tomas Hanke, dello Jenner Institute all’Università di Oxford, ed è già stato testato in precedenza, con risultati incoraggianti, in volontari senza infezione da Hiv.

Nel mondo sono 85.6 milioni le persone che vivono con Hiv e di queste 160mila solo in Italia, dove le nuove infezioni diagnosticate nel 2022 sono circa 2mila. “Aids e infezione da Hiv sono tutt’altro che scomparsi – afferma Scarlatti -. La ricerca di nuove cure, tra cui vaccini, è per questo un’assoluta priorità della comunità scientifica internazionale”.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


A oggi i farmaci antiretrovirali a disposizione riescono a bloccare con successo la replicazione del virus e a rendere la sua presenza nel sangue non rilevabile, rendendo l’aspettativa di vita di una persona che vive con Hiv sovrapponibile a quella della popolazione generale. Tuttavia le terapie antiretrovirali – anche se si tratta di farmaci long acting che possono essere somministrate con lunghi intervalli di tempo – devono essere proseguite per tutta la vita.

“La loro interruzione induce, nella maggior parte dei casi, un rebound virale, ovvero una ricomparsa della carica virale plasmatica entro tre-quattro settimane”, afferma la professoressa Castagna.

Oltre a richiedere una rigorosa aderenza per la loro efficacia, ulteriori problematiche risiedono nella possibilità di effetti collaterali legati alla lunga durata di assunzione. Non ultimo, tutte queste terapie sono di difficile accesso alle popolazioni nei paesi in via di sviluppo.

Lo studio HIV-CORE007 prevede di arruolare 33 volontari Hiv-1 positivi (≥18 anni e ≤60 anni) che hanno iniziato precocemente la terapia antiretrovirale con un regime stabile da almeno tre mesi e che hanno controllato stabilmente l’infezione da almeno due anni.

Nella prima parte sarà condotto uno studio di fase I, randomizzato, in singolo cieco, per valutare il profilo di sicurezza del nuovo vaccino somministrato per via intramuscolare una prima volta e successivamente una seconda dopo quattro settimane. Una seconda parte dello studio vuole testare l’immunogenicità, ossia il livello della risposta immune, del vaccino e la capacità di controllare il virus. Lo studio è pertanto randomizzato per ricevere il regime vaccinale o un placebo.

HIVconsvX è un vaccino a mosaico creato per una vasta gamma di varianti dell’Hiv-1, potenzialmente applicabile ai diversi ceppi di HIV in qualsiasi regione geografica.

Afferma Raffaele Dell’Acqua, infettivologo e principal investigator dello studio: “Ipotizziamo che questo regime vaccinale sia in grado di potenziare la riposta immunitaria contro sequenze rilevanti del genoma di HIV e così favorirne il controllo della replicazione”.

HIV-CORE007 è frutto di una collaborazione internazionale in cui l’immunogeno è stato disegnato da Tomas Hanke. Il progetto è parte dell’European AIDS Vaccine Initiative 2020 (EAVI2020) e finanziato anche dal ministero della Salute. A causa della sua grande variabilità e mutabilità, l’eradicazione di HIV è difficile da raggiungere, ma un vaccino terapeutico potrebbe favorire un controllo duraturo ed efficace dell’infezione.

“Io e il mio gruppo di ricerca crediamo che questa e ricerche simili alla nostra possano profilare opportunità preziose per la gestione clinica a lungo termine delle persone che vivono con Hiv, migliorandone il benessere e la qualità di vita, non ultimo in popolazioni che non hanno accesso continuo ai farmaci”, conclude Scarlatti.

Redazione Nurse Times

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Il progetto NEXT si rinnova e diventa NEXT 2.0: pubblichiamo i questionari e le vostre tesi

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/questionari.php

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ferie retribuite: la Cassazione conferma il diritto a una retribuzione ordinaria completa di indennità accessorie

Una recente sentenza della Corte di Cassazione, sezione lavoro, ha stabilito che la retribuzione delle…

24/05/2024

ASP Forlivese: selezione per soli titoli per 3 posti di Infermiere

Avviso pubblico di selezione per soli titoli per urgente formazione di un elenco da utilizzare…

24/05/2024

L’Asl Barletta Andria Trani assume Oss a tempo determinato

Manifestazione di interesse per il conferimento di incarichi di lavoro subordinato a tempo determinato con…

24/05/2024

Riparazione delle ossa, peptide promette bene come nuova terapia

Un team di ricercatori della University of Birmingham ha dimostrato che PEPITEM (Peptide Inhibitor of Trans-Endothelial…

24/05/2024

Morti evitabili in aumento negli ospedali italiani

Aumentano le “morti evitabili” dei pazienti presi in cura negli ospedali italiani. A confermarlo è…

24/05/2024

Locri, aggredirono due sanitari in Pronto soccorso: dovranno rispondere di violenza e minacce

Un 42enne e un 24enne accusati di violenza e minacce nei confronti di due sanitari…

24/05/2024