Notizie primo piano

Glutine “detossificato” per celiaci e intolleranti: il brevetto dell’Enea

La particolare proteina è prodotta utilizzando cellule batteriche o vegetali che, adeguatamente istruite con i metodi della biologia molecolare, diventano delle vere e proprie “biofabbriche”.

Un processo per produrre glutine “detossificato”, adatto ad alimenti per celiaci e intolleranti al glutine con proprietà nutrizionali e organolettiche superiori a quelle dei prodotti gluten free attualmente sul mercato. Lo ha brevettato un team di ricercatori del Laboratorio biotecnologie dell’Enea, grazie al fondo Proof of Concept (PoC) e all’integrazione di competenze che vanno dall’immunologia all’ingegneria proteica e dalle biotecnologie alla biochimica.

Advertisements

La proteina “detossificata” viene prodotta utilizzando cellule batteriche o vegetali che, adeguatamente istruite con i metodi della biologia molecolare, diventano delle vere e proprie “biofabbriche”. “Pur restando strutturalmente molto simile a quella ‘naturale’, per poterne mantenere le caratteristiche più interessanti durante la panificazione o la produzione di altri prodotti da forno, questa nuova proteina non viene riconosciuta da parte degli anticorpi presenti nel siero dei pazienti celiaci”, spiega Selene Baschieri, ricercatrice e inventrice del brevetto insieme ai colleghi Marcello Donini, Chiara Lico, Carla Marusic e Silvia Massa.

“La nostra invenzione permetterà di realizzare alimenti di nuova generazione definibili come gluten safe che andrebbero ad interessare tutti i soggetti affetti da celiachia, una malattia immuno-mediata che colpisce in Europa circa l’1% della popolazione”

, prosegue Baschieri.

Se non curata, la celiachia contribuisce ad aumentare la probabilità di contrarre altre patologie. L’unico trattamento attualmente disponibile per ottenere la remissione dei sintomi e la prevenzione delle complicanze consiste nella completa e permanente eliminazione del glutine dalla dieta. Ad oggi la maggior parte degli alimenti per celiaci sono formulati utilizzando la farina di cereali che non contengono le proteine del glutine, a cui è però necessario aggiungere additivi per migliorare la consistenza e l’appetibilità del prodotto finito (ad esempio la gomma di guar). Altre metodologie prevedono la rimozione/scomposizione del glutine con metodi chimico-fisici, con risultati che però non garantiscono l’ottenimento di un prodotto del tutto innocuo.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

I NoVax colpiscono ancora: teschi sul volto di Capitan Vaccino per terrorizzare i bambini

Un teschio "appicciato" sul volto di capitan Vaccino, il personaggio cartoon scelto da Regione Liguria per…

16/01/2022

È un infermiere il nuovo Direttore dei Servizi Socio-Sanitari dell’ULSS 8 Berica

ll dott. Achille Di Falco è il nuovo Direttore dei Servizi Socio-Sanitari dell’ULSS 8 Berica.…

16/01/2022

Il Covid-19 causa disfunzione erettile e riduzione della lunghezza del pene. I risultati della ricerca

Che il Covid-19 fosse in grado di colpire numerosi organi e apparati è cosa ormai…

16/01/2022

Arrestata un’altra infermiera a Palermo che fingeva di vaccinare

Coinvolta insieme all'infermiera già coinvolta qualche settimana fa (VEDI articolo) Arrestata dalla Digos di Palermo…

16/01/2022

Dita nel naso dei contagiati e cene con i positivi per evitare il vaccino. Tutte le ultime follie dei NoVax

BELLUNO - Accanto alla cena con positivo, proposta giorni fa da qualche utente su facebook, arriva…

15/01/2022

Emergenza Covid a Napoli. Cardarelli: avviso pubblico per 20 infermieri

In esecuzione della Delibera n° 16 del 12/01/2022 è indetto avviso pubblico, per soli titoli,…

15/01/2022