Coronavirus, primi problemi per il vaccino Pfizer in Gran Bretagna

L’autorità nazionale di controllo sui farmaci raccomanda di non vaccinarsi a chi ha alle spalle significative reazioni allergiche.

La Gran Bretagna ha deciso di stoppare la vaccinazione anti-Covid nei soggetti che hanno alle spalle significative reazioni allergiche. La raccomandazione è arrivata dall’autorità nazionale di controllo sui farmaci, la Mhra, dopo che due persone hanno manifestato reazioni allergiche in seguito alla somministrazione del vaccino Pfizer/Biontech.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Il Regno Unito è stato il primo Paese ad avviare la vaccinazione di massa, dopo l’ok dato proprio dalla Mhra, che in un comunicato ufficiale ha spiegato: “Tutti coloro che in passato hanno avuto gravi allergie a vaccini, medicine e cibo, e cioè reazioni anafilattoidi, oppure coloro cui è stato già prescritto di portare sempre con sé un autoiniettore di adrenalina, farebbero bene a non sottoporsi al vaccino Pfizer/BioNTech”.

Secondo quanto comunicato, si tratterebbe di due 40enni operatori sanitari di case di cura e ricovero, che sono stati sottoposti a vaccinazione nella prima categoria di priorità, insieme ad alcuni ospiti over 80 di Rsa, medici e infermieri pubblici. Il professor Stephen Powis, direttore medico dell’Nhs, ha parlato di procedure standard e, minimizzando, ha sottolineato come sia normale che “la Mhra suggerisca cautele in caso di nuovi vaccini per le persone con una storia significativa di allergie”. Inoltre ha precisato che i due sanitari dell’Nhs che hanno manifestato reazioni allergiche non sono in gravi condizioni e che entrambi sarebbero già in via di recupero.

Entro la fine dell’anno saranno circa 3 milioni le persone vaccinate con il preparato Pfizer/BioNTech. Tutta la popolazione del Regno Unito, secondo le previsioni del governo, grazie anche all’arrivo di altri vaccini, dovrebbe essere vaccinata contro il coronavirus entro l’estate del 2021. Sempre che non sopraggiungano altri inconvenienti.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Melatonina, studio rivela quando e in che dose assumerla perché funzioni al meglio contro l’insonnia

Quattro mg al giorno tre ore prima di coricarsi: con questi tempi e con questa…

21/06/2024

Campagna “HIV. Parliamone ancora!”: podcast e nuovi contenuti per migliorare la qualità di vita

Oggi le persone con HIV possono avere una qualità e un'aspettativa di vita impensabile fino…

21/06/2024

Pediatria, gli interferenti endocrini influiscono sulla crescita staturale: l’allarme degli esperti sui primi 1.000 giorni vita

I primi 1.000 giorni di vita (dall’inizio della gravidanza al compimento del secondo anno di…

21/06/2024

Ferite: allo studio “bende intelligenti” per il trattamento

Un team di ricercatori della Keck School of Medicine della USC e del California Institute of Technology…

21/06/2024

ICAR – Prevenzione Hiv: l’appello di clinici e community dei pazienti per l’approvazione della Long Acting PrEP

La Profilassi Pre-Esposizione (PrEP) permette di evitare l’infezione, ma la forma orale attualmente disponibile presenta…

21/06/2024

Ipab Opera Pia “Francesco Bottoni” di Papozze (Rovigo): concorso per 20 posti da oss

L'Ipab Opera Pia "Francesco Bottoni" di Papozze (Rovigo) ha indetto un concorso pubblico, per titoli…

21/06/2024