Coronavirus, anche il Canada dà via libera al vaccino Pfizer

Il Canada ha dato il via libera al vaccino anti-Covid sviluppato da Pfizer e BioNTech sul territorio nazionale. “Grazie ai progressi della scienza e della tecnologia e a un livello di cooperazione globale senza precedenti, oggi il Canada ha raggiunto una tappa fondamentale nella lotta contro il Covid-19, con l’autorizzazione del primo vaccino”. Inizia così il realativo comunicato, pubblicato sul sito del Governo.

E così il Canada diventa il secondo Paese al mondo, dopo il Regno Unito (dove è però sorto qualche problema, legato alle reazioni allergiche), a raggiungere questo obiettivo. Al Paese nordamericano saranno forniti almeno 20 milioni di dosi nell’arco del 2021.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


“Health Canada ha ricevuto la richiesta di Pfizer il 9 ottobre 2020 e dopo un’analisi approfondita e indipendente delle prove ha stabilito che il vaccino Pfizer-BioNTech soddisfi i rigorosi requisiti di sicurezza, efficacia e qualità richiesti”, si legge ancora nel comunicato. A conferma dei propri controlli, le autorità sanitarie locali hanno pubblicato una serie di documenti relativi a questa decisione, incluso un riepilogo delle prove che sono state eseguite per supportare l’autorizzazione del vaccino.

Nel comunicato, inoltre, le autorità sanitarie sottolineano che “i canadesi possono essere certi che il processo di revisione è stato rigoroso” e che Health Canada e Public Health Agency of Canada monitoreranno attentamente la sicurezza del vaccino quando il vaccino sarà immesso sul mercato, senza esitare ad agire “qualora vengano identificati problemi di sicurezza”. Tra l’altro, “i termini e le condizioni dell’autorizzazione del vaccino Pfizer-BioNTech richiedono che il produttore stesso continui a fornire informazioni a Health Canada sulla sicurezza, sull’efficacia e sulla qualità del vaccino per garantire che i benefici dello stesso continuino a essere dimostrati”.

Nel comunicato, le autorità sanitarie spiegano poi che l’indicazione iniziale del vaccino è per l’uso in persone di età pari o superiore a 16 anni: “Pfizer-BioNTech stanno conducendo ulteriori studi clinici su bambini di tutte le età e l’indicazione potrebbe essere rivista in futuro per includerli, se i dati di questi studi lo consentiranno”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Tutti i concorsi in scadenza per infermieri, infermieri ricercatori e pediatrici, fisioterapisti, oss e altre professioni sanitarie

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DELLE MARCHE DI ANCONA Concorso pubblico aggregato degli enti del SSR Marche,…

25/02/2024

Tar annulla bando concorso infermieri Asl di Caserta: andava fatta prima la mobilità

Daniela Balzano e Lorenzo Antelmi, infermieri, trionfano contro l'Asl di Caserta, dimostrando l'importanza della mobilità…

25/02/2024

Quando la sanità incontra gli affari: il gruppo San Donato si appresta a quotarsi in borsa

Il gruppo ospedaliero privato San Donato, leader nel settore in Italia con 56 strutture e…

24/02/2024

Schillaci interviene a Repubblica sulla carenza di infermieri: “li prendiamo dall’estero”

Nelle ultime settimane, la crisi di organico degli infermieri è stata al centro del dibattito…

24/02/2024

Licenziamento di massa degli infermieri usa e getta dell’AOU Dulbecco di Catanzaro

L'Azienda Ospedaliera Universitaria "Dulbecco" di Catanzaro è stata oggetto di recente polemica per il licenziamento…

24/02/2024

Rinnovo contratto: aumento di 160 euro, potere d’acquisto annullato dall’inflazione galoppante

Il nuovo contratto per il comparto (infermieri, oss, ostetriche, ecc.) valido per il periodo 2022/24,…

24/02/2024