Cassiere si rifiuta di servire il cliente senza mascherina: illegittimo il licenziamento

Il dipendente che si rifiuta di servire un cliente che non indossa la mascherina non può essere licenziato.

Con sentenza n. 9 del 13 gennaio 2021, il Tribunale di Arezzo ha stabilito che il lavoratore che si rifiuta di servire il cliente senza mascherina esercita il diritto, costituzionalmente tutelato, a svolgere la propria prestazione in condizioni di sicurezza e che tale rifiuto non comporta alcuna “violazione del dovere di fedeltà posto dall’art. 2105 c.c. né, tanto meno, giusta causa di licenziamento“.

Più nel dettaglio, l’azienda aveva licenziato il proprio dipendente addetto alla vendita per non aver concluso la transazione alla cassa ad un cliente che si rifiutava di indossare la mascherina. Tale condotta, secondo l’azienda, da un lato, avrebbe reso il lavoratore “inadempiente nei confronti dei suoi obblighi contrattuali per aver disatteso le indicazioni aziendali previste in questo periodo di emergenza sanitaria”, dall’altro, avrebbe danneggiato gravemente l’immagine aziendale.

Dipendente che si rifiuta di servire il cliente senza mascherina: tutela la propria sicurezza

Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Arezzo ha ritenuto infondata l’opposizione dell’azienda all’ordinanza con cui il dipendente in questione è stato reintegrato nel posto di lavoro, per la ritenuta inesistenza della giusta causa del licenziamento addotto. In particolare, per il Tribunale, l’assenza di specifiche contestazioni da parte dell’azienda opponente ha consentito di ritenere provato che:

  • l’avventore si è avvicinato al lavoratore senza mascherina o presidio alternativo;
  • il lavoratore ha segnalato al cliente di potersi coprire il viso anche con il collo della felpa;
  • a tale invito il cliente aveva reagito affermando che “le mascherine le indossano i malati”, dando dei ladri al dipendente e all’azienda e minacciando di chiamare la Polizia.

In tali elementi il Tribunale non ha rinvenuto la sussistenza di alcuna offesa grave o ingiuriosa alla dignità del cliente né un grave pregiudizio agli interessi del titolare dell’azienda, ritenendo la reazione verbale del lavoratore “giustificata dall’esasperazione per una condotta altrui omissiva, denotante ignorante sottovalutazione del fenomeno pandemico, accompagnata da frasi villane e sprezzanti della salute propria e degli altri clienti, oltreché del cassiere”.

Pertanto, per il Tribunale di Arezzo la condotta censurata da parte datoriale non è idonea a ledere la fiducia alla base del rapporto di lavoro, non integrando dunque violazione del dovere di fedeltà ex art. 2105 c.c. e nemmeno giusta causa di licenziamento, considerando che “il lavoratore si è limitato ad esercitare il proprio diritto a svolgere la prestazione in condizioni di sicurezza”, precisando, inoltre, che “l’esimente dello stato di necessità gli consentiva anche di astenersi dal lavoro poiché lo svolgimento della prestazione lo esponeva ad un rischio di danno alla persona”.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Coronavirus, oltre 2 milioni di vaccini in consegna alle Regioni

Ieri sono arrivate le dosi di Pfizer. Oggi tocca a quelle di Moderna. E’ iniziata ieri…

28 minuti ago

Sanità nel caos: le ortottiste potranno strumentare in sala operatoria al posto degli infermieri

Con una nota del 12 febbraio u.s la Presidente della Commissione d’albo nazionale degli Ortottisti…

13 ore ago

Algoritmo musicale migliora il sonno dei bambini disabili

Euterpe, un algoritmo musicale, migliora il sonno dei bambini disabili. Lo studio è stato condotto…

13 ore ago

Polmonite da Covid-19: anakinra migliora i risultati clinici nei pazienti

Lo studio degli sperimentatori SAVE-MORE ha valutato l’effetto di anakinra su pazienti affetti da COVID-19 con…

14 ore ago

Mieloma multiplo: richiesta l’autorizzazione per un nuovo farmaco

Janssen ha annunciato di aver presentato all'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) la richiesta di…

14 ore ago

Chirurgia epatica in tre tempi dona un’altra opportunità di vita

Per la prima volta al mondo, a Pisa, è stata applicata la strategia chirurgica dell’epatectomia…

15 ore ago