Notizie primo piano

Calabria, “Necessario far rientrare gli oss fuori regione per sopperire alla carenza personale”

Riprendiamo da Soveratoweb.com una lettera dell’operatore socio-sanitario Giuseppe Ierace.

Il neo-governatore Roberto Occhiuto, in campagna elettorale, ha promesso di farsi carico della sanità distrutta in Calabria. Ha la ferma volontà di farsi nominare commissario direttamente dal governo centrale dopo l’insediamento alla Cittadella. Quei famosi fondi Pnrr stanziati da Bruxelles sno un occasione per dare un vero rilancio, che non rimanga uno dei tanti spot pubblicitari e diventi a breve termine una realtà permanente.

Advertisements

In ogni azienda sanitaria calabrese, partendo dal Jazzolino di Vibo Valentia, dove permane una situazione catastrofica di personale sanitario al di sotto del minimo dei livelli che la media nazionale mantiene. Strutturalmente il nosocomio avrebbe bisogno anche di un grande restyling, col progetto della costruzione del nuovo ospedale in concomitanza con i gemelli tra Sibari e Palmi, ma inverosimilmente da più di un decennio tutto è fermo. Il G.O.M di Reggio Calabria come pure dell’Asp di Reggio Calabria, che comprende gli ospedali di Melito P. Salvo, Scilla, Gioia T., Palmi, Polistena, Taurianova e Oppido Mamertina, Locri, avrebbero un fabbisogno enorme, con numeri eclatanti.

Per l’Asp di Catanzaro, insieme all’A.O. Mater Domini, lo scenario non cambia di molto. Ogni giorno che passa ognuno di noi che ha superato il concorso attende una chiamata, un telegramma, la possibile convocazione per un contratto di lavoro e non solo, la speranza di potersi riavvicinare a casa e poter lavorare nel proprio territorio. Non possiamo attendere in silenzio inermi e farci passare davanti agli occhi ancora una volta un’occasione

che potrebbe dare un segno di ricrescita alla sanità pubblica e una realizzazione professionale per ogni lavoratore, che vedrebbe ripagati i tanti sacrifici fatti fuori per poter avere una vita familiare dignitosa.

Le condizioni ci sono, bastano la volontà e la sinergia di tutti gli organi che ora, con il nuovo governo regionale, si schiereranno e dovranno dare assolutamente delle risposte alle molteplici richieste del territorio. Ripeto, da addetto ai lavori: la nostra Sanità è da bollino rosso. Con la speranza che un domani qualcosa di buono possa venir fuori auspichiamo che il neo-presidente, insieme all’attuale commissario Longo e ai dirigenti preposti, operi e dia una boccata d’ossigeno in un settore che già da molto tempo doveva essere potenziato.

Concludo, rivolgendomi a chi ha sempre ribadito che non ci sono le coperture economiche per il pagamento degli stipendi: le risorse, come ho detto sopra, ci sono; sennò, si creano. Siamo 282 in graduatoria, cronologicamente la prima in Calabria da cui attingere. Una parte già lavora, il resto è nelle vostre mani. Fateci cambiare idea su chi fa la vera politica.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Coronavirus, via libera dell’Ema alla pillola Pfizer

Dall'Agenzia europea per i medicinali arriva la raccomandazione all'immissione in commercio di Paxlovid: "Benefici superiori…

28/01/2022

Nursing Up, vicenda infermieri e falsi vaccini “ferma condanna”

Sanità, Nursing Up De Palma: «Infermieri coinvolti nella recente vicenda di finte vaccinazioni a cittadini…

28/01/2022

Tesi “Indagine conoscitiva sull’assistenza infermieristica ricevuta dalle donne durante l’aborto”

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

28/01/2022

Sciopero in tutta Italia degli infermieri

Il nostro giornale seguirà la manifestazione raccogliendo le dichiarazioni del segretario nazionale del Nursind Andrea…

28/01/2022

Esenzione dal vaccino anti Covid per i sanitari: serve l’attestazione del medico

Il chiarimento di Opi Firenze - Pistoia sul tema Firenze, 27 gennaio 2022 – «Gli infermieri possono…

27/01/2022

No Vax offendono e minacciano due infermieri

ROMA, 27 GEN - "Le minacce al personale sanitario? Sono graffi sul cuore". Così il…

27/01/2022