Medici

Asst Papa Giovanni XXIII (Bergamo) ai medici del P.S. compenso di 998 euro a turno

Le case della salute non decollano, manca il personale, gli investimenti del PNRR “rischieranno” come al solito di finire in mano ai privati.

Infatti come dimostra il servizio di Presa Diretta viene appaltato il servizio di Guardia medica privata al costo di 45 euro per ogni prestazione.

A Seriate (BG) c/o il Centro  commerciale Iper viene istituito il servizio di Telemedicina.

DA UN ARTICOLO DEL CORRIERE DELLA SERA

“Esempio: l’ospedale Papa Giovanni XXIII, con uno dei Pronto soccorso più importanti della Lombardia, e il cui nome ha fatto il giro del mondo come uno dei primi avamposti della lotta contro il Covid, riesce a risolvere la situazione affidandosi a una cooperativa. La determina è la numero 233 del 4 maggio 2022 dal titolo: «Affidamento del servizio di Guardia medica presso il Pronto soccorso della sede dell’Asst Papa Giovanni XXIII. Durata 7 mesi dal 01.05.2022 al 30.11.2022. Spesa complessiva presunta euro 183.382,50 Iva 5% compresa». La necessità è di coprire 175 turni, durata 12 ore ciascuno, compenso 998 euro a turno. Il criterio di scelta, come è possibile leggere testualmente, è «il minor prezzo». Punto.”

Tutto questo avviene  nella Sanità di eccellenza lombarda, un vero schiaffo al personale medico e infermieristico che fa turni sovraumani per una misera paga, nei raparti il personale rientra x sopperire a malattie e ci viene risposto che la Regione Lombardia non ha rifinanziato la legge Sirchia(emergenza infermieristica), intanto però trovano i soldi per  pagare  i medici ‘a gettoni’ delle cooperative.

Intanto c’è un primo affossamento delle Case della Salute da parte di Fratelli d’Italia che con il suo responsabile salute dice che servono più medici di base e farmacisti e non case della salute.

Ulteriore privatizzazione avanza in sanità, mancano medici ed infermieri ma nessuna azione viene intrapresa, nei prossimi anni andranno in pensione molti dei medici di base e per la sanità territoriale siamo al punto zero.

Il personale sanitario è ancora in attesa della firma definitiva del nuovo governo del rinnovo contrattuale, già programmata una manifestazione sindacale il 29 ottobre a Roma.

Insomma non ci resta che ribellarsi.

Giuseppe Saragnese, infermiere ASST PG23 Bergamo

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Pronto soccorso allo stremo in Emilia Romagna, Nursind: “Servono incentivi per i professionisti della sanità. Preoccupano i tagli dei posti letto”

Così Antonella Rodigliano, coordinatrice regionale e segretaria territoriale a Bologna del sindacato. “Gli slogan non…

06/12/2022

Bolzano, naga terapia a paziente transgender: medico segnalato ad Asl, Centro tutela antidiscriminazione e Omceo

A diffondere la notizia, l'associazione Centaurus Arcigay, che parla di "grave discriminazione". Un medico di…

05/12/2022

Studente di Infermieristica muore in incidente stradale. Doveva laurearsi il giorno dopo, ma l’Università di Padova smentisce

E' giallo sul decesso del 26enne Riccardo Faggin. I genitori avevano già preparato i festeggiamenti,…

05/12/2022

Il dott. Pacelli presenta la tesi infermieristica “L’informazione al paziente ospedalizzato che deve essere sottoposto a colonscopia”

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

05/12/2022

Follia a Mira (Venezia): anziano tira pugno a infermiera incinta. Gli aveva solo chiesto di indossare la mascherina

Il paziente, intorno ai 75 anni, era giunto in ambulatorio con la richiesta di farsi…

05/12/2022

Fondo sanitario nazionale, dalla Conferenza delle Regioni arriva l’accordo sui nuovi criteri di riparto per le annualità 2022-2023

Finalmente superate le contrapposizioni che in precedenza avevano impedito il raggiungimento di un'intesa. Dalla Conferenza…

05/12/2022