Notizie primo piano

Verona, era annidato in un rubinetto il batterio killer che ha ucciso 4 neonati

Secondo la relazione consegnata in Regione, il Citrobacter aveva “colonizzato” il lavandino della Terapia intensiva neonatale all’ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento.

Era annidato nel rubinetto del lavandino utilizzato dal personale della Terapia intensiva neonatale, il terribile Citrobacter. Parliamo del batterio che in due anni ha ucciso quattro piccoli ricoverati all’Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento (Leonardo a fine 2018, Nina nel novembre 2019, Tommaso a marzo di quest’anno e Alice il 16 agosto scorso), lasciandone cerebrolesi nove e colpendone in tutto 96.

E’ quanto emerge dalla relazione consegnata in Regione dal professor Vincenzo Baldo, ordinario di Igiene e sanità pubblica all’Università di Padova e coordinatore della commissione di verifica nominata il 17 giugno dal direttore generale della Sanità del Veneto, Domenico Mantoan, per far luce sulla vicenda. L’organo ispettivo ha rilevato che il rubinetto del lavandino interno al reparto, sotto indagine anche della Procura di Verona, era letteralmente “colonizzato” dal batterio killer, ma anche da altri batteri. Insomma, un focolaio pericoloso.

Il Citrobacter, in particolare, è probabilmente arrivato lì dall’esterno a causa del mancato o parziale rispetto delle rigide misure d’igiene imposte al personale nei reparti ad alto rischio, come il lavaggio frequente delle mani, il cambio dei guanti a ogni cambio di paziente o funzione, l’utilizzo di sovrascarpe, sovracamici, calzari e mascherina. Tutto ciò è emerso dal controllo di cartelle cliniche e procedure, protocolli, attrezzature, ambienti e impianti, dalle audizioni di medici, infermieri, operatori sociosanitari e della mamma di Nina, Francesca Frezza, la prima a denunciare l’accaduto e a far scoppiare il caso. E’ stata sentita anche dagli inquirenti, perché ora sarà la Procura (al momento non ci sono indagati), che si appoggia ai Nas, a dover individuare eventuali responsabilità.

Ma un altro errore potrebbe essere stato quello di ricorrere all’acqua del rubinetto e non ad acqua sterile. I primi controlli da parte dei vertici dell’Azienda ospedaliero-universitaria sono partiti a gennaio di quest’anno, per poi essere interrotti a causa dell’emergenza coronavirus. Il 12 giugno il direttore generale Francesco Cobello

ha chiuso il Punto nascite, la Terapia intensiva neonatale e la Terapia intensiva pediatrica. Il giorno dopo ha nominato una commissione di esperti, poi annullata perché due dei componenti sono passati all’organo ispettivo regionale. Allora il manager ne ha nominata un’altra, sempre di esterni, per la verifica delle procedure di riapertura dei reparti, che ha prodotto verbali, indicazioni tecniche e sopralluoghi.

Ma soprattutto l’estate è servita per operare una “bonifica complessiva” dei locali, lavorando su aria, acqua e ambiente. Sono stati bonificati i filtri dell’aria, gli impianti di condizionamento e sanificazione. E’ stata effettuata l’iperclorazione della rete idrica, cioè si è immesso del cloro nell’impianto, monitorando la carica batterica e quella del cloro nell’acqua. Al fine di operare una prevenzione assoluta, attraverso due macchinari si è ricorsi al biossido di cloro su acqua calda e fredda. I locali sono stati invece sanificati con il perossido di idrogeno.

Batterio killer, Zaia: relazione sarà inviata alla Procura

«Ho ricevuto la relazione sul caso del batterio Citrobacter all’Ospedale della Donna e del Bambino di Verona da parte della Commissione ispettiva che ho fatto attivare a suo tempo, presieduta dal Professor Baldo dell’Università di Padova». Così il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, interpellato dall’ANSA.

«Ho dato disposizione al segretario regionale della Sanità Mantoan -prosegue- che tale relazione venga inoltrata alla Procura della Repubblica e resa disponibile per l’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona e per i famigliari dei bambini colpiti dal batterio, in modo che possano conoscere gli esiti fin da subito». 

Redazione Nurse Times

Fonte: Corriere della Sera

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Trento, caso Pedri: emergono maltrattamenti a medici e infermieri

La scomparsa della ginecologa forlivese ha fatto da detonatore per l'indagine che ha svelato le…

22/10/2021

Asl n. 5 Spezzino: avviso pubblico per 159 oss

In esecuzione della deliberazione del Direttore Generale n. 736 del 24/09/2021 è indetto avviso pubblico,…

21/10/2021

Pisa, identificati lieviti del pane che mostrano attività antinfiammatorie e favoriscono l’assorbimento dei minerali

Sono in grado di produrre alti livelli di acido linoleico coniugato e di acido propionico,…

21/10/2021

ASST Lariana di Como: concorso pubblico per 5 oss

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di cinque posti di operatore socio-sanitario,…

21/10/2021

Nelle scimmie un gene che intrappola virus come Hiv ed Ebola

La scimmia scoiattolo ha una variante del gene antivirale che funziona nelle cellule umane Scoperto…

21/10/2021

A.S.L. Alessandria: riapertura dei termini del concorso pubblico di 53 posti di Oss

Riapertura dei termini del concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di cinquantatré…

21/10/2021