Sipps: “Assurso pretendere trasfusione da no vax per figlio in pericolo di vita. Genitori scellerati”

Il presidente della Società italiana di pediatria preventiva e sociale, Giuseppe Di Mauro, commenta duramente quanto accaduto al Policlinico Sant’Orsola di Bologna. E plaude all’accoglimento del ricorso da parte del giudice tutelare di Modena.

“Non consentire una trasfusione al proprio figlio che ne ha bisogno è assurdo. E’ davvero impossibile pensare che possa accadere una cosa del genere. Si tratta di una questione di vita o di morte. Anteporre i propri ideali alla salute del proprio figlio è davvero improponibile, e plaudo alla decisione del giudice tutelare di Modena che ha accolto il ricorso dell’ospedale Sant’Orsola di Bologna, stabilendo che il bimbo deve essere operato”.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Così Giuseppe Di Mauro (foto), presidente della Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps), commenta il caso dei genitori no vax del bambino di due anni che hanno chiesto ai medici del Policlinico Sant’Orsola di Bologna di non utilizzare sangue proveniente da persone vaccinate contro il Covid-19 durante l’intervento al cuore a cui sarà sottoposto il piccolo, in caso di trasfusione. Una pretesa sulla quale l’ospedale ha chiamarìto in causa il giudice tutelare di Modena

, che ne ha accolto il ricorso.

Di Mauro insiste: “Siamo di fronte a due genitori scellerati, che antepongono il loro ideale alla salute del figlio e che stanno giocando con la salute del bambino. Si tratta di una decisione fuori dal mondo. In questo caso è giusto che siano intervenute le autorità giudiziarie. Bene, dunque, la scelta del giudice tutelare, perchè, se il piccolo fosse morto per il mancato intervento, sarebbe stato un dramma nel dramma e si sarebbe creato un pericolosissimo precedente, anche per altre patologie”.

Il presidente Sipps afferma infine: “Da un po’ di tempo non si sentivano decisioni in tal senso: da quando i genitori non volevano vaccinare i propri figli contro il Covid-19. In questo caso, però, si è superato il limite, e la scelta di questi genitori è al di fuori di ogni logica. Fare questa trasfusione non equivale infatti a far stare bene il loro bambino, ma significa salvargli la vita”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ago da insulina nel polmone: a Perugia 7 medici a processo per la morte di un paziente

Doveva sottoporsi a un intervento al naso. Un intervento apparentemente banale, ma durante la procedura…

19/04/2024

Monza, al via un corso di autodifesa per 120 infermieri

Un corso di difesa personale per infermieri. Lo promuove la questura di Monza e della Brianza, che in precedenza…

19/04/2024

Nola (Napoli), devasta il Pronto soccorso con una spranga di ferro: feriti un infermiere e due guardie giurate

Notte di caos e paura all'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola (Napoli), dove il parente…

19/04/2024

Gimbe: infermieri pochi con stipendi da fame, medici tanti, tra i più anziani in Europa

Allarme anzianità e stipendi: la crisi silenziosa dei medici e infermieri italiani Exposanità Bologna. Si…

19/04/2024

Fine vita, il Governo ricorre al Tar contro l’Emilia-Romagna: chiesto l’annullamento delle delibere di Giunta

La polemica sul fine vita, con le regole operative che la Regione Emilia-Romagna si è…

19/04/2024

Giornata mondiale del fegato, AISF: “Il 90% delle malattie epatiche croniche sarebbero prevenibili”. Il decalogo dei comportamenti virtuosi

Il 19 aprile, come ogni anno, si celebra la Giornata mondiale del fegato, un’iniziativa delle…

19/04/2024