Infermieri

SIEMS – SIIET. Il sistema di soccorso pre-ospedaliero in Italia: i risultati della Survey 2021

118: troppa frammentarietà e formazione carente. SIEMS e SIIET: “Ora una riforma”

È conclusa, ed è stata inviata al Ministro della salute Roberto Speranza e ai vertici delle Istituzioni sanitarie italiane, la prima edizione dell’indagine SIEMS (Società Italiana Emergenza Sanitaria) e SIIET (Società Italiana Infermieri Emergenza Territoriale) sul sistema di Emergenza Sanitaria, che conferma la necessità di una sua radicale riforma.

L’analisi  di tutti i dati raccolti a livello provinciale rileva infatti le significative difformità di tipo organizzativo, gestionale e operativo tra le diverse realtà, anche tra province della stessa regione, a partire dalla diversità dei  mezzi di soccorso utilizzati fino ai protocolli applicati in emergenza (in ben 74 province, ad esempio,  non esistono protocolli che prevedono la somministrazione di farmaci o procedure salvavita da parte degli infermieri).

Advertisements

La survey fa inoltre emergere con ancora più chiarezza l’eterogeneità di estrazione, formazione ed esperienza del personale operativo nel sistema di soccorso pre-ospedaliero. 

Solo il 53,6% delle realtà intervistate, ad esempio, prevede requisiti di ingresso in cui è richiesta sia l’esperienza in area critica che un percorso formativo per la gestione delle emergenze. In molte altre realtà sono richiesti solo requisiti formativi (19%), oppure esperienziali (13,6%). Nel 12% dei casi non è richiesto alcun requisito specifico, per accedere al servizio sui mezzi di soccorso avanzato. In queste realtà si ritiene adeguato che la formazione possa essere effettuata in itinere e l’esperienza acquisita “sul campo”, senza considerare che ciò espone a gravi rischi le persone soccorse, ma anche gli operatori e le organizzazioni stesse.

Una formazione che deve procedere di pari passo con un inquadramento della figura di soccorritore e autista soccorritore: sui mezzi di base e sulla quasi totalità dei mezzi di soccorso avanzato, infatti,  sono presenti soccorritori e autisti soccorritori ma la loro figura, così ampiamente rappresentata nel sistema di soccorso pre-ospedaliero su tutto in territorio nazionale, attende ancora di essere riconosciuta a livello normativo attraverso un atto che ne definisca ruolo, competenze e percorsi formativi omogenei e validi sull’intero territorio italiano.

“La ricerca mostra chiaramente – affermano Mario Costa e Roberto Romano, rispettivamente presidenti SIEMS e SIIET – come non siano più differibili una riorganizzazione omogenea delle risorse e un coordinamento centrale, ad oggi totalmente assente, di un sistema che è riuscito a reggere l’onda d’urto dell’emergenza Covid-19 grazie al fortissimo senso di responsabilità di tutto il personale coinvolto ma che ha mostrato la sua debolezza proprio nell’assenza di una regia” E sulla  survey “Lavoreremo per  poter rilanciare l’indagine con il focus sui costi del sistema, sui tempi di intervento e soprattutto sull’esito delle cure prestate ai cittadini”.

Redazione NurseTimes

Allegato

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Caparezza ai politici “gli infermieri lavorano oltre misura con retribuzioni poco edificanti”. Il video

Il famoso talento Pugliese Caparezza, pseudonimo di Michele Salvemini, nel suo video elogia gli infermieri…

24/01/2022

Uil Fp Taranto “Assumere subito i 566 infermieri vincitori del concorso”

La Uil Fp attraverso una nota inviata alla Direzione Generale della Asl tarantina chiede di…

24/01/2022

Sciopero nazionale degli infermieri il 28 gennaio. Le indicazioni del Nursind

Roma, 24 gennaio – La mancata erogazione dell’indennità di specificità in manovra, una professione usurante,…

24/01/2022

Concorso infermieri Puglia: la regione blocca le chiamate dei vincitori?

Ancora un colpo di scena sul concorso per infermieri pugliese. Dalle nostre fonti, finora sempre…

24/01/2022

Opi Fi-Pt “Tra contagi e sospensioni la carenza d’infermieri si fa sentire”

Opi Firenze-Pistoia: «Serve una cabina di regia per trovare soluzioni condivise» Massai: «Necessario garantire in tempi…

24/01/2022

Nursing Up: 230-350mila unità è il fabbisogno di infermieri nei prossimi anni

Il futuro a tinte fosche della sanità italiana. L'Italia avrà bisogno sempre di più di…

24/01/2022