Infermieri

Responsabilità medica: prosciolte due infermiere dall’accusa di omicidio colposo

Dopo sei anni di processi sono state assolte dall’accusa di omicidio colposo le due infermiere dell’Obi di Avezzano che, secondo quanto emerso dal processo, avevano agito in modo impeccabile e con professionalità. Il pm, Maurizio Maria Cerrato, aveva chiesto il proscioglimento e il giudice Daria Lombardi, ha emesso la sentenza di assoluzione accordando la richiesta dell’avvocato difensore, il legale Antonio Milo.

I fatti

Sotto accusa erano finite due infermiere del reparto di osservazione breve. I fatti risalgono al 17 febbraio del 2015. Le due infermiere erano accusate di aver causato l’infortunio all’interno dell’ospedale di Avezzano per “imperizia e negligenza, causando di conseguenza la morte del paziente ricoverato per altre patologie”. Il paziente, un anziano di 83 anni, era stato trovato in casa privo di sensi da alcuni familiari e poi trasportato in ospedale. Al pronto soccorso, però, le sue condizioni erano peggiorate. All’Obi era caduto dal letto ed era morto tre giorni dopo. Sul caso era stata aperta un’inchiesta. Per fare luce sulle cause del decesso del pensionato ed era stata disposta dalla magistratura l’autopsia

.

Sotto accusa erano finite le due infermiere. Alla fine erano state rinviate a giudizio per omicidio colposo. Il reato si sarebbe concretizzato, secondo la tesi accusatoria, nella “omessa vigilanza sul paziente anziano che era agitato e con problemi di deambulazione” al quale, secondo l’accusa “non era stato impedito ogni movimento per lui pericoloso” come ad esempio ricorrere alle cinte per bloccare il paziente o alzare le sponde del letto. L’anziano era così caduto dal letto riportando un trauma cranico e facciale le cui complicazioni ne avevano causato la morte, avvenuta tre giorni dopo la caduta. Alla fine, però, è emerso che erano stati rispettati tutti i protocolli e che dalle due infermiere non si potevano esigere comportamenti diversi.

Fonte: marsicalive.it

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ungheria: migliaia di infermieri in sciopero contro bassi stipendi e carenza di personale

Sono stati migliaia gli infermieri ad essere scesi in piazza in Ungheria, in una gigantesca…

18 minuti ago

Sanità. Prolungati i termini della Legge Madia

Passa al Senato la modifica della Legge Madia: prolungati i termini della stabilizzazione dei precari…

8 ore ago

Studio del cervello: sviluppata una nuova tecnica dall’Università di Firenze

Innovativa tecnica ottica per l’indagine macroscopica ad alta risoluzione. Pubblicazione su Nature Methods a cura…

20 ore ago

CDC: la variante Delta si diffonde con la stessa facilità della varicella e causa disturbi più gravi

La variante Delta del coronavirus, in aumento negli Stati Uniti, sembra causare disturbi più gravi…

21 ore ago

Essere infermieri nell’era post-pandemica: ampliamento degli ambiti di intervento e di attività

Punti di forza e criticità Essere infermieri oggi, nella manifestazione delle diverse funzioni e competenze…

21 ore ago

Rifiutano il tampone, chi sono i no-tamp?

Ad inizio pandemia in molti hanno avuto difficoltà ad abituarsi all'utilizzo quotidiano della mascherina, o…

22 ore ago