NT News

Padova, espianto di tessuto ovarico in laparoscopia eseguito su giovane paziente oncologica

Per l’assessore alla sanità del Veneto, Manuela Lanzarin, questo intervento “apre una strada importante per la preservazione della fertilità”.

Il primo espianto di tessuto ovarico su una paziente oncologica di 14 anni effettuato a Padova, primo centro in Veneto, “apre una strada importante per la preservazione della fertilità, un percorso che nella nostra regione ha raggiunto l’avanguardia ponendosi tra i primi centri in Italia”. Così Manuela Lanzarin, assessore alla Sanità del Veneto, commenta l’intervento eseguito dalla Pma dell’Azienda Ospedale Università di Padova, il Centro di procreazione medicalmente assistita diretto da Alessandra Andrisani.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Le ultime linee guida dell’Aiom hanno inserito il tessuto ovarico tra le modalità di preservazione della fertilità, benché sia una tecnica sperimentale. “Si tratta di una nuova modalità di preservazione della fertilità – aggiunge Lanzarin -, grazie alla quale oggi siamo in grado di preservare la possibilità di diventare madri in nuove categorie di pazienti oncologiche, prime tra tutte le bambine. Ma anche le pazienti affette da tumori particolarmente aggressivi, per cui non ci sarebbe il tempo di effettuare la crioconservazione degli ovociti”.

“Questa tecnica – ricorda la Regione Veneto in una nota – ad oggi ha consentito la nascita di poche migliaia di bimbi, ma tutti sani, e senza alcun rischio per le mamme. Un grande vantaggio del tessuto ovarico è rappresentato dal fatto che una volta reimpiantato inizia a funzionare, producendo ormoni, proprio come l’ovaio, per cui potenzialmente ripristina la fertilità naturale (non è dunque sempre necessario ricorrere alla ivf) ma anche la funzione endocrina (riducendo i sintomi da menopausa e i rischi, ad esempio di osteoporosi)”.

L’intervento avviene grazie a una semplice laparoscopia e ogni reimpianto può durare di media cinque anni. A Padova è stata recentemente inaugurata la nuova struttura dedicata alla procreazione medicalmente assistita dell’Azienda Ospedale Università, con un investimento di oltre 4 milioni di euro. Lo spazio, di 563 metri quadri, è dotato di quattro ecografi di ultima generazione, che consentono lo studio in 3D dell’utero, di attrezzatura per la sala operatoria e per il laboratorio, di apparecchiature per Icsi, ovvero l’iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo, di due microscopi, di una banca criogenica per la conservazione di gameti e tessuti, di analizzatori computerizzati per l’analisi cinetica del liquido seminale ed incubatori che permettono di visualizzare in tempo reale lo sviluppo dell’embrione.

“Ad oggi – evidenzia Lanzarin – la Pma di Padova, individuata come centro hub dalla nostra delibera del 2022, che ha costituito la rete Veneta della Pma, sono state prese in carico 10mila coppie, effettuati 6mila trattamenti e ci sono state 200 preservazioni della fertilità. Numeri che indicano il ruolo determinante che ha questa struttura rispetto al territorio, dalla presa in carico, che richiede tre mesi per una prima visita, ai trattamenti e ai controlli per i quali non ci sono liste di attesa. Per il Veneto si tratta di una vera punta di diamante, che garantisce l’accesso alla procreazione assistita ed è sinonimo di progresso e speranza, grazie agli studi e ai protocolli legati all’oncofertilità. L’espianto di tessuto ovarico rappresenta l’ultima tappa di un lungo percorso di attenzione nei confronti della donna e della sua possibilità di diventare madre in modo sicuro, seguendo un iter che tiene conto anche della sua sicurezza e dell’aspetto psicologico”.

Redazione Nurse Times

Rimani aggiornato con Nurse Times, seguici su:
Telegram – https://t.me/NurseTimes_Channel
Instagram – https://www.instagram.com/nursetimes.it/
Facebook – https://www.facebook.com/NurseTimes.NT
Twitter – https://twitter.com/NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Pelle artificale sviluppata in Spagna efficace nel trattamento delle ustioni gravi

Un team di ricercatori dell’Università di Granada ha dimostrato l’efficacia e la vitalità della pelle…

26/02/2024

Retribuzione individuale di anzianità (RIA): in arrivo gli arretrati. La sentenza della Corte Costituzionale

Una recente sentenza della Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della Legge n. 388/2000, che…

26/02/2024

Equipe medica: dovere di vigilanza e responsabilità in ambito chirurgico

In ambito medico-chirurgico, il lavoro di un'equipe medica è fondamentale per garantire un'assistenza sanitaria di…

26/02/2024

Centro Servizi per Anziani “Pietro e Santa Scarmignan” di Merlara (Padova): concorso per l’assunzione di 10 oss

Il Centro Servizi per Anziani "Pietro e Santa Scarmignan" di Merlara (Padova) ha indetto un…

26/02/2024

Oss aggredito in Pronto soccorso a Torre del Greco (Napoli): dito della mano fratturato con un calcio

Ennesimo episodio di violenza al Pronto soccorso dell’ospedale Maresca di Torre del Greco (Napoli). Sabato…

26/02/2024

Addio a Bice Gullotta, l’anziana fuggita da una Rsa per rivedere i luoghi di vacanza della sua infanzia

Quasi un anno fa era fuggita dalla casa di riposo di Faenza (Ravenna) che la…

26/02/2024