Nata prematura e di soli 567 grammi: 34 anni dopo è infermiera nella stessa Terapia Intensiva Neonatale che le ha salvato la vita

La storia di Tammy Lewis, infermiera texana di 34 anni, ha commosso il mondo dando speranza a molti genitori che si ritrovano a vivere momenti difficili a causa della nascita prematura del proprio figlio.

Quando Tammy nacque, pedata solo 567 grammi. Venne al mondo tre mesi e mezzo prima della scadenza ed allora, suo papà era in grado di tenere il piccolo corpicino in una sola mano.

Sconfiggendo lo spettro del tasso di sopravvivenza stimato negli anni ‘80, che si attestava tra il 5 ed il 10%, ha avuto la meglio sulla morte che i medici prevedessero potesse sopraggiungere per un caso complesso come il suo.

Con il passare dei mesi ha potuto abbandonare la terapia Intensiva neonatale e, nel corso degli anni ha studiato fino ad ottenere la laurea in infermieristica negli Stati Uniti d’America.

Ora lavora nella stessa unità operativa dove le è stata salvata la vita molti anni prima. Ha voluto  raccontare la propria storia attraverso un articolo online sulla Cnn.

“Ero la bimba più piccola sopravvissuta nello stato del Texas in quel momento – racconta Lewis- sono nata a 24 settimane, la normale gestazione ne dura 40”.

La donna ha trascorso i primi 3 mesi e mezzo della sua vita nella terapia intensiva neonatale allo Scott and White

Hospital, ora denominato Centro medico pediatrico McLane Baylor Scott & White. Era un neonato prematuro e aveva dei tubicini connessi che permettevano ai suoi piccoli polmoni di respirare. Anni dopo, lavora a fianco di alcuni degli stessi medici e infermieri che l’hanno salvata da bambina, come infermiera specializzata in terapia respiratoria.

Dal  2009 infatti si è specializzata come terapista di respirazione proprio presso il McLane, sede di una terapia intensiva neonatale di livello quattro, cioè il più alto livello di assistenza. Nel suo lavoro quotidiano, collega respiratori e tubi, proprio come quelli che l’hanno aiutata a sopravvivere appena nata.

Ha a sua volta partorito due figli, che oggi hanno rispettivamente 6 e 3 anni: nessuno dei due è per fortuna andato incontro alle sue stesse problematiche.

Mentre si prende cura dei suoi piccoli pazienti, porta al tempo stesso speranza alle loro famiglie, condividendo la sua storia personale di sopravvivenza e maternità con loro.

L’ospedale ha inserito l’infermiera nella sua “Hall of Hope“, una sorta di muro della speranza, dove vengono affisse le storie difficili dei bambini sopravvissuti.

“Spesso i genitori hanno notizie approssimative e si percepisce che hanno bisogno di un po ‘di luminosità e speranza- conclude la Lewis – ci sono storie di successo e io sono uno di queste”.

Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

“Domani arriverà” la realtà degli infermieri italiani nella pandemia

"Domani arriverà" è un libro dedicato a tutti gli operatori sanitari e a tutti coloro…

10 ore ago

Cancro polmonare e immunoterapia: lo studio

Conoscere l'assetto mutazionale dei tumori prima di iniziare i trattamenti oncologici è fondamentale. Un recente…

11 ore ago

Ricoverati per Covid: le coseguenze sui polmoni a un anno di distanza

A un anno di distanza, un nuovo studio ha dimostrato, che la maggior parte dei…

12 ore ago

Tirocinante riceve per errore 6 dosi di vaccino anti Covid-19: ricoverata in osservazione

Una studentessa del corso di laurea in psicologia ha erroneamente ricevuto sei dosi di vaccino…

12 ore ago

La coppia rientrata in Italia dall’India ora è grave in ospedale

Babbo Enzo, mamma Simonetta e la piccola figlia Mariam Gemma di 2 anni erano rimasti…

12 ore ago

Dolore da cancro: buona analgesia da combinazione ossicodone/paracetamolo a rilascio immediato

Lo rivela uno studio pubblicato su Cancer Management and Research. La prima analisi, tutta italiana,…

17 ore ago