Infermieri in vacanza rianimano vittima di annegamento:”Non siamo noi gli eroi, l’eroe è il bambino”

La vacanza di un bambino di 9 anni di San Donato avrebbe potuto finire in tragedia.

Solo grazie alla prontezza e alla preparazione di due infermieri in vacanza presso il camping Park Mar di Borgio Verezzi ha potuto evitare il peggio.

Il piccolo, caduto nella piscina degli adulti, è stato rianimato proprio da Roberto Prazzoli, infermiere del San Matteo di Pavia e dalla moglie Tiziana Viola, infermiera alla Maugeri di Pavia.

ing-strategy="prefer-viewability-over-views" width="100vw" height=320 data-ad-client="ca-pub-6770255177958859" data-ad-slot="2300043726" data-auto-format="rspv" data-full-width>

Non siano noi gli eroi”, racconta il professionista. “L’eroe è il bambino. Noi abbiamo soltanto fatto il nostro dovere”.

In realtà sono stati i due infermieri a rianimare il piccolo che, a causa del grande caldo, si era tuffato in acqua.

«Per noi era l’ultimo giorno di vacanza – continua Prazzoli – Ci trovavamo a circa 30 metri dalla piscina quando abbiamo sentito un vociare. Inzialmente abbiamo pensato potesse trattarsi dei soliti gavettoni, poi ci siamo accorti che le voci erano sempre più concitate e siamo corsi a vedere».

Giunti in piscina gli infermieri pavesi hanno trovato il bambino in arresto cardiaco a bordo vasca.

«Io ho praticato il massaggio cardiaco e mia moglie le ventilazioni – prosegue –. Per i primi tre cicli il bambino non ha reagito, al quarto si è svegliato e il polso è ripreso».

Successivamente è giunto il personale del 118. Il piccolo ormai attivo e cosciente, è stato trasportato in eliambulanza al Gaslini di Genova.

“Per riuscire a tirar fuori dall’acqua il bambino – dice ancora Roberto Prazzoli – il bagnino ha dovuto spegnere l’impianto d’aspirazione perché il piccolo sembrava incastrato.

Quando noi lo abbiamo visto, presentava un vistoso ematoma sull’addome, ma non ci siamo preoccupati di cosa fosse accaduto, abbiamo pensato a rianimarlo“.

L’ipotesi è che, come successo recentemente a una ragazzina, anche il bambino di 9 anni di origini brasiliane sia rimasto incastrato nel sistema di purificazione.

In questo caso è andata bene – fa notare l’infermiere –. Il bagnino si è tuffato subito e noi siamo arrivati tempestivamente. Così siamo tornati a casa con un buon ricordo“.

Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

“Domani arriverà” la realtà degli infermieri italiani nella pandemia

"Domani arriverà" è un libro dedicato a tutti gli operatori sanitari e a tutti coloro…

9 ore ago

Cancro polmonare e immunoterapia: lo studio

Conoscere l'assetto mutazionale dei tumori prima di iniziare i trattamenti oncologici è fondamentale. Un recente…

10 ore ago

Ricoverati per Covid: le coseguenze sui polmoni a un anno di distanza

A un anno di distanza, un nuovo studio ha dimostrato, che la maggior parte dei…

11 ore ago

Tirocinante riceve per errore 6 dosi di vaccino anti Covid-19: ricoverata in osservazione

Una studentessa del corso di laurea in psicologia ha erroneamente ricevuto sei dosi di vaccino…

11 ore ago

La coppia rientrata in Italia dall’India ora è grave in ospedale

Babbo Enzo, mamma Simonetta e la piccola figlia Mariam Gemma di 2 anni erano rimasti…

11 ore ago

Dolore da cancro: buona analgesia da combinazione ossicodone/paracetamolo a rilascio immediato

Lo rivela uno studio pubblicato su Cancer Management and Research. La prima analisi, tutta italiana,…

16 ore ago