Massimo Randolfi

Infermieri idonei in graduatoria protestano a Napoli: appello per il rispetto delle direttive regionali

In una vibrante protesta, gli idonei della graduatoria infermieri dell’A.O.U. Luigi Vanvitelli di Napoli esprimono il loro disappunto riguardo a una convenzione controversa stipulata tra l’ASL Napoli 2 Nord e l’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona.

La questione, portata all’attenzione della Direzione Generale, del Governatore De Luca e della Giunta Regione Campania, verte sull’osservanza delle direttive regionali, in particolare la circolare n. 680474 dell’11/11/2019, che sottolinea l’obbligo di attingere dalla graduatoria cronologicamente più lontana.

Citando la sentenza della Corte di Cassazione del 7 Giugno 2021 n. 15790, gli idonei ribadiscono l’importanza di uno scorrimento graduale, attingendo dalla graduatoria più “vecchia” in caso di presenza di più elenchi concorsuali.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Il nucleo della protesta si concentra sulla convenzione in atto tra l’ASL Napoli 2 Nord e l’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, che, secondo gli idonei, non rispetta le direttive regionali. La convenzione, che attualmente coinvolge 30 unità, è oggetto di critiche in quanto, secondo quanto affermato nella delibera n. 2067 dell’8/11/2023, solo 11 infermieri hanno accettato l’incarico a tempo indeterminato.

Gli infermieri idonei chiedono con forza uno scorrimento della graduatoria fino al raggiungimento delle 30 unità previste, sottolineando l’importanza di garantire dignità al loro lavoro e riconoscimento dell’impegno profuso per risultare idonei.

Una situazione simile emerge anche all’interno della stessa A.O.U. Luigi Vanvitelli, che, nonostante una graduatoria in scadenza, ha pubblicato una delibera richiedendo lo scorrimento di 60 unità. Questo suscita interrogativi sulla coerenza nell’applicazione delle regole e delle tempistiche.

Gli idonei concludono il loro appello ringraziando il Governatore De Luca e la Regione Campania per il lavoro sinora svolto sulle graduatorie infermieri ed OSS, sottolineando l’urgenza di una risposta e di un celere riscontro per garantire opportunità di lavoro a padri e madri di famiglia desiderosi di contribuire al sistema sanitario.

In attesa di sviluppi, la protesta degli idonei si configura come un richiamo al rispetto delle regole e della giustizia nell’assegnazione degli incarichi nel settore sanitario.

Redazione NurseTimes

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Papilloma virus, dibattito a Padova: necessario estendere la copertura vaccinale degli uomini

Se ne parlerà il 4 marzo in occasione della giornata mondiale contro l’HPV. Il papilloma…

29/02/2024

Nuova malattia genetica del neurosviluppo identificata da ricercatori di Gaslini e UniGe

Alcuni ricercatori dell’IRCCS Giannina Gaslini e dell’Università di Genova hanno recentemente identificato una nuova, rara…

29/02/2024

Disabilità, Mangiacavalli (Fnopi): “Sanità digitale e infermiere di famiglia e comunità sono risposte ai bisogni della popolazione”

AUDIZIONE IN COMMISSIONE AFFARI SOCIALI DEL SENATO “Esprimiamo piena sintonia con il disegno normativo che…

29/02/2024

Ospedali migliori al mondo: sul podio due statunitensi e uno canadese. Gemelli (35esimo) primo tra gli italiani

Nella classifica annuale dei migliori ospedali al mondo, pubblicata online dal magazine americano Newsweek, sono…

29/02/2024

Ecm (16 crediti) Fad gratuito su nutrizione e prevenzione dei disordini da carenza iodica

Il Corso FAD Ecm "Nutrizione e prevenzione dei disordini da carenza iodica", intende contribuire alla…

29/02/2024

Morte dell’artista americana Joann Zinkland a Pistoia: assolti medico e infermiera

Jaonn Zinkland Il giudice monocratico Pasquale Cerrone, del Tribunale di Pistoia, ha emesso una sentenza…

29/02/2024