Regionali

Infermieri della ASL Foggia esclusi dalla stabilizzazione, Cera: “Chiesto incontro ad assessore Palese”

Di seguito la nota del consigliere regionale di Forza Italia, Napoleone Cera sui 54 Infermieri esclusi dalla stabilizzazione (Vedi articolo).

“Hanno prestato servizio in piena pandemia ed oggi sono stati tagliati fuori dalle procedure di stabilizzazione, con un contratto che scade a fine mese: sulla questione dei 54 infermieri esclusi dalla Asl di Foggia, ho già chiesto un incontro all’assessore Palese.

Affronteremo il tema nei primi giorni della prossima settimana e chiederò conto di una vicenda che ha davvero il sapore (amaro, amarissimo) della beffa per decine di persone e per le loro famiglie, mentre 64 loro colleghi sono stati ammessi al traguardo del contratto a tempo indeterminato. Sono stati reclutati nell’acme della pandemia con l’istituto contrattuale di ‘pronta disponibilità’, ma i mesi di lavoro già prestato non sono stati considerati ai fini dei 18 mesi da maturare per la stabilizzazione (necessari per soddisfare i criteri della legge Madia).

Advertisements

La delibera della Asl di Foggia assume esattamente questa posizione, illogica ed incomprensibile dal momento che gli infermieri esclusi hanno regolarmente lavorato a tempo pieno. Perciò, se non ci sarà almeno una proroga contrattuale di un anno, saranno tagliati fuori. Un’ingiustizia, il solito cavillo burocratico che sovrasta anche la ragionevolezza e non tutela le aspettative e la dignità delle persone. Il tutto, ovviamente, a pochi giorni dalla scadenza del contratto ed in prossimità del Natale. Sottoporrò la questione all’assessore, confidando nella sua sensibilità e nella gratitudine che ognuno deve nei confronti di coloro che hanno concorso a garantire l’assistenza sanitaria in uno dei periodi più difficili degli ultimi anni, quando stare in corsia ha significato letteralmente mettere a rischio la propria vita”.

La direzione strategica della Asl di Foggia ha preso in carico il caso dei 54 infermieri “non ammessi” dalla Asl di Foggia alla procedura di stabilizzazione deliberata il 30 novembre. La richiesta arriva dalla Regione Puglia, informata sull’accaduto, dopo la denuncia pubblicata su www.Foggiatoday.it, così “da avviare un percorso condiviso che porti alla stabilizzazione, nell’alveo della normativa vigente e nel rispetto dei fondi disponibili e del Piano Triennale del fabbisogno di personale”.

Redazione NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La dott.ssa Pizzo presenta la tesi “sulla gestione infermieristica dei pazienti affetti da tumore del pancreas

La dott.ssa Alessia Pizzo consegue la laurea in infermieristica presso l'Università della Campania "L. Vanvitelli"…

29/01/2023

In Campania meno di 200 infermieri per 6471 detenuti

Sanità, Nursing Up De Palma. Report Infermieri-Carceri italiane. "In Campania scoperchiamo un vero e proprio…

28/01/2023

La nutrizione parenterale: tutto quello che c’è da sapere

Oggi parliamo di un argomento molto importante per noi infermieri, perché è un qualcosa che…

28/01/2023

Sanità. Aggressioni a medici, infermieri e Oss: il ridicolo balletto della politica

Non passa ormai giorno che non si abbia notizia di aggressioni al personale sanitario, soprattutto…

27/01/2023

New York – New Jersey, casi di autismo quintuplicati negli ultimi 20 anni

Il dato, bisognoso di verifiche più approfondite, emerge da uno studio della Rutgers School of…

27/01/2023

Pronta disponibilità al Pronto soccorso dell’ospedale Oglio Po (Casalmaggiore): prosegue la battaglia legale tra infermieri e Asst Cremona

L'Azienda sanitaria ricorre in appello contro la sentenza che in ottobre ne aveva ritenuto illegittima…

27/01/2023