O.S.S.

Giulia (oss) incontra l’amore in corsia, ma la sua relazione ha un epilogo tragico

Da un incontro nella terapia intensiva covid a un ciclo di abusi: il viaggio di Giulia (nome di fantasia) attraverso l’amore e l’oscurità.

Arriva all’indirizzo mail della nostra redazione (redazione@nursetimes.org) una storia di amore e odio. Riportiamo il caso di Giulia, una giovane operatrice socio-sanitaria di 38 anni. La giovane donna, impegnata nel reparto di terapia intensiva rianimazione covid di un grande ospedale, ha vissuto una tragica storia d’amore che si è trasformata in una brutale e pericolosa relazione di abuso fisico ed emotivo.

La storia ha inizio quando Giulia, una donna coraggiosa e piena di compassione, sempre pronta ad aiutare i pazienti più bisognosi, incontra un paziente particolarmente affascinante di nome Marco (nome di fantasia).

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Marco, un uomo di 42 anni di successo, colpito duramente dal covid e in un momento molto difficile della sua vita, sembrava essere il soggetto perfetto per Giulia per offrire conforto e sostegno durante la sua debole guarigione.

Con il passare del tempo, i due iniziano a conoscersi meglio e a sviluppare un profondo legame. Giulia si sente felice di poter essere accanto a Marco in un momento così delicato e Marco si sente grato per l’amore e l’attenzione che Giulia gli offre.

Decisero così di iniziare a convivere, sperando di costruire insieme un futuro luminoso.

Il cambiamento

Tuttavia, la storia prende una piega molto più oscura quando Marco inizia a mostrare segni di un comportamento irascibile e violento verso Giulia. Ciò che inizialmente sembrava essere solo stress post-traumatico legato alla malattia, si rivelò essere qualcosa di molto più oscuro.

Giulia, che si era dedicata completamente a Marco, si trova intrappolata in un ciclo di abusi emotivi e fisici. Ogni giorno cerca di nascondere le ferite, sia fisiche che mentali, ma le cicatrici rimangono indelebili. Si sente intrappolata in una relazione che è diventata una prigione in cui l’amore è stato soppiantato dalla paura.

Nonostante tutto, Giulia non abbandona Marco, sperando che il suo amore possa aiutarlo a superare i suoi demoni interiori. Ma presto si rende conto che non è così. La violenza continua ad aumentare e Giulia si trova costretta a fare una scelta difficile: mettere fine a quella relazione distruttiva e cercare una nuova vita lontano da Marco.

Con coraggio e determinazione, Giulia riesce a liberarsi dalla morsa dell’abuso e a ricostruire la sua vita. Nonostante il dolore e la sofferenza che ha subito, non smette mai di credere nell’amore e nella capacità di guarigione delle persone.

Questa storia rappresenta un triste ma importante monito sui pericoli dell’abuso e dell’importanza di riconoscere i segni di una relazione tossica. La violenza non ha posto nell’amore e nessuno dovrebbe mai sentirsi obbligato a sopportarla.

Ci auguriamo che questa storia possa servire come monito per chiunque sia coinvolto in una relazione simile.

Redazione Nurse Times

Scopri come guadagnare pubblicando la tua tesi di laurea su NurseTimes

Il progetto NEXT si rinnova e diventa NEXT 2.0: pubblichiamo i questionari e le vostre tesi

Carica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org

Carica il tuo questionario: https://tesi.nursetimes.org/questionari

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ago da insulina nel polmone: a Perugia 7 medici a processo per la morte di un paziente

Doveva sottoporsi a un intervento al naso. Un intervento apparentemente banale, ma durante la procedura…

19/04/2024

Monza, al via un corso di autodifesa per 120 infermieri

Un corso di difesa personale per infermieri. Lo promuove la questura di Monza e della Brianza, che in precedenza…

19/04/2024

Nola (Napoli), devasta il Pronto soccorso con una spranga di ferro: feriti un infermiere e due guardie giurate

Notte di caos e paura all'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola (Napoli), dove il parente…

19/04/2024

Gimbe: infermieri pochi con stipendi da fame, medici tanti, tra i più anziani in Europa

Allarme anzianità e stipendi: la crisi silenziosa dei medici e infermieri italiani Exposanità Bologna. Si…

19/04/2024

Fine vita, il Governo ricorre al Tar contro l’Emilia-Romagna: chiesto l’annullamento delle delibere di Giunta

La polemica sul fine vita, con le regole operative che la Regione Emilia-Romagna si è…

19/04/2024

Giornata mondiale del fegato, AISF: “Il 90% delle malattie epatiche croniche sarebbero prevenibili”. Il decalogo dei comportamenti virtuosi

Il 19 aprile, come ogni anno, si celebra la Giornata mondiale del fegato, un’iniziativa delle…

19/04/2024