Infermieri

Essere infermieri oggi nell’era post-pandemica: ampliamento degli ambiti di intervento e di attività

Punti di forza e criticità 

Essere infermieri oggi, nella manifestazione delle diverse funzioni e competenze professionali, significa sostenere un sistema salute sì, universale, solidaristico, unitario e a governance pubblica, ma “provato” nel suo profondo da due anni di pandemia Sars-Covid19 che ci ha visti – unitamente a tutti gli altri operatori sanitari – agire in prima linea in contesti assistenziali trasformati, ai quali non eravamo preparati.

E così – dall’oggi al domani – abbiamo dovuto finalizzare nuove e consolidate competenze adattandole alla domanda di assistenza che giungeva dai cittadini, far fronte ad un cambiamento che ci ha messo a dura prova, intervenendo su più aspetti: le gravi carenze organiche di professionisti sanitari e materiali di approvvigionamento dei DPI (dispositivi di protezione individuale), applicando modelli organizzativi nuovi, e trasformando rapidamente strutture ospedaliere. Insomma, dall’epidemiologia al fine vita con biglietti di sola andata, lasciando lungo il percorso tante vite umane.

In ambito infermieristico – questa repentina trasformazione – ha posto le condizioni propedeutiche e irrinunciabili per un vero cambiamento, in particolare per quanto riguarda:

  1. La riorganizzazione dell’assistenza, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo (revisione degli organici), non solo ospedaliera, ma territoriale con l’introduzione dell’infermiere di famiglia e comunità;
  2. La definizione degli skills-mix;
  3. La definizione e misurazione degli out come (risultati-esiti).

Detto ciò, ritengo che i cambiamenti, e la conseguente l’evoluzione della nostra professione, non risiedano nel fare proprie competenze altrui, bensì nel riconoscimento e nella valorizzazione delle competenze assistenziali che già ci appartengono e che possono trovare piena attuazione in modelli organizzativo-assistenziali meno medico-centrici (mono professionali a gerarchia verticale), che fanno propri e valorizzano la presa in carico global

e della persona fragile, affetta da patologie croniche con maggiori possibilità di garantire risposte appropriate ai bisogni attraverso percorsi pluri-professionali (modelli organizzativi orizzontali a matrice) di continuità delle cure e dell’assistenza che si dipanano tra l’ospedale e il territorio, con il passaggio da una medicina d’attesa a una medicina d’iniziativa possibile solo attraverso una ridefinizione dell’attuale organizzazione della medicina di base.

Per quanto riguarda gli out come è fondamentale, per noi infermieri, individuare indicatori di risultato attribuibili all’assistenza infermieristica che dimostrano ciò che facciamo, come, con quali risultati e a quali costi. Misurare e valutare la sostenibilità, l’equità, l’appropriatezza, l’efficacia e l’efficienza del nostro lavoro serve agli stessi professionisti per dimostrare che gli infermieri fanno la differenza nel fornire assistenza sanitaria sicura e di elevata qualità, senza peraltro esser definiti “eroi”.

Tabella: Ampliamento degli ambiti di intervento e di attività

PUNTI DI FORZA
CRITICITA’
Partecipazione attiva all’interno del SSN consolidando ed estendendo le diverse competenze professionaliOccupare nuovi spazi manageriali legittimati
Occasione per costruire un nuovo “patto” tra i professionisti sanitari medici e non medici e tra questi con i cittadini e la politicaLogiche politiche e poteri di categoria(Medici contro Infermieri)

Profonda evoluzione formativa e legislativa
Titolarità delle competenzeI medici e/o gli altri professionisti non vengono esoneratiAtto medico/atto sanitario/atto tecnico
Recenti sperimentazioni di modelli organizzativi in Sanità quali il See and treat adottato dalla Regione Toscana, su proposta della locale Società di medicina d’urgenza, per la gestione infermieristica in DEA dei Cod. bianchi; le ambulanze INDIA; il fast and track surgery (trattamento perioperatorio svolto dagli infermieri) in Emilia-Romagna; gli ospedali per intensità di cura che affidano la gestione del posto letto al Pers. InfermieristicoAssistenza domiciliare: Low care a gestione infermieristica Mancato coinvolgimento delle categorie professionali interessate che vivono la situazione come “un’invasione di campo”, una interferenza professionale negativaPassaggio da una logica tayloristica (divisione dei compiti) del lavoro e delle competenze a Skills mix d’equipe in una logica di condivisione e compartecipazioneNon basta cambiare i contenitori ma è necessario cambiare i contenuti
Gestione dell’assistito secondo percorsi di continuità e trasversalitàPiattaforme clinico-assistenziali a cui afferiscono e si muovono gli specialistiAree di similitudine assistenziale a gestione infermieristicaLa specializzazione del sapere che può tradursi in una frammentazione organizzativaLa crisi del modello disciplinare
Revisione del percorso formativo universitario e della formazione complementare da svolgersi da parte del SSN e SSRIndividuazione delle Aziende regionali “Provider” della formazione complementare che dà origine alle competenze avanzateTrovare le risorse economiche da destinare alla formazione del personale
Riconoscimento giuridico-contrattuale delle competenze specialistiche acquisite con i Masters di 1° e 2° livelloInterferenze “prescrittive” per quanto riguarda gli ausili ad es.
Settore sanitario e sociosanitario come area di sviluppo economico, di ricerca e di occupazione qualificataOstacoli per l’abolizione dell’esclusività (ad es.), l’uscita dal Comparto
Maggiore è la variabilità delle competenze all’interno di una equipe, maggiore è la possibilità di raggiungere i risultati

Visto il riconoscimento (mediatico, in particolare) tributato alla nostra professione, oggi dobbiamo lavorare perchè venga – al più presto – delineato un percorso per il riconoscimento dell’infungibilità delle specializzazioni infermieristiche, perché noi infermieri siamo in grado di esercitare a tutto tondo, e non c’è nulla nella nostra professione che non sappiamo fare, non possiamo o non vogliamo fare. Lo dimostriamo questi due anni di pandemia, anche se lo abbiamo sempre dimostrato, ma dobbiamo anche essere messi in grado di spendere le nostre specificità cliniche assistenziali in sicurezza, e riconoscibilità.

Maria Camera

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Colpo di scena: l’ex infermiera Poggiali viene assolta e scarcerata

La Corte di assise di appello di Bologna ha assolto Daniela Poggiali, l'ex infermiera di…

25/10/2021

Ictus ischemico da fibrillazione atriale, dati indicativi di sicurezza per un avvio precoce di una terapia con anticoagulanti orali diretti

Iniziare una terapia con anticoagulanti orali diretti (DOAC) poco dopo un ictus ischemico acuto o…

25/10/2021

Covid, Vaccinati e non vaccinati: i dati Iss

Anche le persone vaccinate possono contrarre il coronavirus, ma il rischio che la malattia evolva…

25/10/2021

Green pass: Federfarma, minacce quando si eseguono tamponi

"C'è una minoranza di persone che quando viene a fare il tampone protesta e minaccia".…

25/10/2021

Aids: disponibile primo anticorpo monoclonale a lunga azione

ROMA, 22 OTT - E' disponibile in Italia il primo anticorpo monoclonale (ibalizumab) a lunga…

25/10/2021

Basilicata, via libera all’infermiere di famiglia e comunità: la soddisfazione di Opi Potenza

La presidente dell'Ordine potentino, Serafina Robertucci, commenta il parere favorevole espresso in Regione sulla proposta…

25/10/2021